Una capsula SpaceX con quattro astronauti della NASA a bordo dei moli con la Stazione Spaziale Internazionale

La missione, soprannominata Crew-2, segna il terzo volo con equipaggio di Elon Musk e il primo a utilizzare un razzo e un’astronave di proprietà privata.

Gli astronauti sono decollati dal Kennedy Space Center in Florida venerdì mattina e hanno trascorso quasi 24 ore in orbita a più di 17.000 miglia all’ora, mentre la loro navicella spaziale Crew Dragon volava verso la Stazione Spaziale Internazionale, che orbita a 250 miglia sopra la Terra.

Sabato mattina, la capsula si è lentamente allineata e si è spostata per attraccare direttamente con uno dei porti della stazione spaziale.

L’obiettivo principale della missione degli astronauti sarà la ricerca di “chip di tessuto”, o “piccoli modelli di organi umani che contengono più tipi di cellule che si comportano in gran parte come fanno nel corpo”, che la NASA spera stimolerà lo sviluppo di farmaci. E i vaccini, secondo l’agenzia spaziale. Questo lavoro si baserà su anni di studio di fenomeni biologici e altri fenomeni scientifici a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, poiché l’ambiente di microgravità può fornire agli scienziati una migliore comprensione di base di come funziona qualcosa.

Kimbrough, McArthur, Pesquet e Hoshide si sono già uniti a sette astronauti a bordo della stazione, quattro dei quali sono arrivati ​​a bordo di una diversa capsula SpaceX Crew Dragon a novembre. Ciò porta l’attuale numero totale di membri del personale sulla stazione spaziale a 11, uno dei più grandi equipaggi di aerei che la Stazione Spaziale Internazionale abbia mai ospitato. Ma quel numero scenderà rapidamente a sette quando quattro degli astronauti che erano a bordo dell’aereo tornarono a casa dalla stazione il 28 aprile.

La NASA ha trascorso più di un decennio a lavorare per rafforzare il personale sulla stazione spaziale di 21 anni dopo il ritiro del programma dello space shuttle nel 2011, rendendo la navicella spaziale russa Soyuz l’unica opzione per trasportare gli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. Gli Stati Uniti pagavano alla Russia fino a 90 milioni di dollari per posto per questi voli.

Il miliardario giapponese invita 8 persone a unirsi alla missione SpaceX intorno alla luna

Per anni, SpaceX ha lavorato con un contratto da 2,6 miliardi di dollari per sviluppare la sua navicella spaziale Crew Dragon come parte del programma Commercial Crew della NASA, che per la prima volta nella storia dell’agenzia spaziale ha affidato il compito di costruire e testare un veicolo spaziale degno dell’equipaggio. settore privato.

(Boeing (Laurea breve) Sta lavorando con un contratto simile per sviluppare la propria capsula per il programma. Questa capsula, chiamata Starliner, è ancora in fase di test.)

La missione è il segno distintivo degli sforzi di SpaceX per riutilizzare i dispositivi di trasporto spaziale al fine di ridurre il costo del volo spaziale. Sia la capsula Crew Dragon, chiamata “Endeavour,” che il razzo Falcon 9 che l’ha portata in orbita sono già volati nello spazio in precedenza.

READ  NPR: Llukalkan Aliocranianus scoperto in Argentina

Sebbene la società abbia rilanciato miglioramenti e veicoli spaziali dozzine di volte nei lanci di satelliti e nella ricarica negli ultimi anni, questa è la prima volta che la società ha riutilizzato i dispositivi in ​​una missione con equipaggio.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Dorothy Bracolino 1926-2021 | Notizie, sport, lavoro
Next Post Vittorio Promote parla della mafia più pericolosa, la ndrangheta