Una capacità precedentemente sconosciuta del sistema nervoso autonomo

Riepilogo: Il sistema nervoso autonomo ha la capacità di ripristinare automaticamente la funzione muscolare dopo una lesione nervosa.

fonte: Università di Medicina di Vienna

Il sistema nervoso autonomo è noto come il centro di controllo dei processi corporei involontari come il battito cardiaco e la respirazione.

Il fatto che questa parte del sistema nervoso abbia anche la capacità di ripristinare automaticamente la funzione muscolare dopo una lesione del nervo è stato scoperto da un gruppo di ricerca del Dipartimento di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica di Midoni a Vienna nell’ambito di uno studio recentemente pubblicato su Giornale di neuroscienze.

Le loro scoperte possono costituire la base per il miglioramento e lo sviluppo di interventi per il trattamento delle lesioni neurologiche.

Il team di ricerca guidato da Vlad Tereshchenko e Oskar Aszman del Clinical Laboratory for Bionic Limb Reconstruction presso il Dipartimento di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica di Midoni a Vienna ha scoperto questo aspetto dell’interazione tra nervi e muscoli – precedentemente sconosciuto alla scienza – nel corso della sua ricerca preclinica su nervi e muscoli del viso.

Dopo che il nervo è stato ferito o tagliato, non è più in grado di controllare la funzione motoria dei muscoli facciali, con conseguente paralisi facciale nel modello animale.

In alcuni casi, gli scienziati hanno osservato il recupero spontaneo della funzione muscolare giorni o settimane dopo una lesione nervosa. Utilizzando tecniche nuove e complesse, sono stati in grado di stabilire che il sistema nervoso autonomo assume la funzione del nervo colpito, per così dire.

Fino ad ora, non eravamo consapevoli del fatto che il sistema nervoso autonomo può controllare la funzione dei muscoli motori utilizzando gli impulsi nervosi. Come abbiamo visto nei nostri esperimenti, le fibre nervose parasimpatiche formano nuove sinapsi neuromuscolari funzionali per farlo.

READ  Una rara cometa verde ha superato la Terra questa settimana
Diagramma schematico della reinnervazione parasimpatica anomala dei muscoli facciali denervati. Dopo che il nervo facciale è stato tagliato, il cuscinetto omolaterale dei baffi ha mostrato un movimento spontaneo 12 settimane dopo la rimozione del nervo. Il muscolo dilatatore di Nars raccolto ha mostrato un cambiamento nelle fibre muscolari dopo la denervazione. Le fibre che restituiscono i nervi alla fonte del nervo parasimpatico sono rintracciate nel ganglio pterigoideo. La via delle fibre parasimpatiche è stata determinata mediante test elettrofisiologici attraverso il nervo sensoriale infraorbitale. credito: ricercatori

Spiegando i principali risultati dello studio, il primo autore Vlad Tereshchenko spiega: “Allo stesso tempo, i modelli delle fibre muscolari vengono modificati e, di conseguenza, le proprietà fisiologiche dei muscoli reinnervati cambiano indipendentemente”.

Possibile attore nella ricostruzione del nervo

Dopo alcune lesioni o malattie, i nervi possono perdere temporaneamente o permanentemente la capacità di fornire il controllo motorio ai muscoli. Concetti terapeutici ben consolidati come il trasferimento di nervi o il trapianto di nervi sono ora disponibili per trattare i deficit motori risultanti.

Tuttavia, i risultati clinici possono essere influenzati da diversi fattori, come il lento tasso di rigenerazione dei nervi o la mancanza di nervi donatori.

“Identificando questa capacità precedentemente sconosciuta del sistema nervoso autonomo, abbiamo scoperto un nuovo potenziale fattore nella ricostruzione del nervo. Pertanto, i risultati del nostro studio possono aiutare a migliorare le attuali misure terapeutiche e svilupparne di nuove”, afferma Vlad Tereshchenko, guardando al futuro .

Gli studi di follow-up dovrebbero approfondire la nostra conoscenza di questo nuovo aspetto del sistema neuromuscolare.

Una domanda che deve essere affrontata è se e come le fibre nervose autonome possono essere trasferite chirurgicamente al fine di ripristinare la funzione muscolare su base temporanea o permanente.

A proposito di questa ricerca in Neuroscience News

autore: ufficio stampa
fonte: Università di Medicina di Vienna
Contatto: Ufficio Stampa – Università di Medicina di Vienna
immagine: L’immagine è di pubblico dominio

ricerca originale: Accesso chiuso.
Le fibre nervose autonomiche rigenerano i muscoli facciali anormalmente denervati e modificano le fibre muscolariScritto da Vlad Tereshchenko et al. Università di Medicina di Vienna

Guarda anche

Questo mostra un bambino sorridente

Riepilogo

Le fibre nervose autonomiche rigenerano i muscoli facciali anormalmente denervati e modificano le fibre muscolari

READ  La contea di Yolo richiede che le maschere siano indossate al chiuso indipendentemente dallo stato di vaccinazione

Il reindirizzamento chirurgico degli input nervosi in uscita al muscolo denervato tramite il trasferimento del nervo può ristabilire il controllo neuromuscolare dopo lesioni nervose.

Il ruolo delle fibre nervose autonome durante la rimielinizzazione è ancora in gran parte sconosciuto. Qui, abbiamo studiato i meccanismi neurobiologici dietro il recupero funzionale spontaneo dei muscoli facciali denervati nei roditori maschi.

I muscoli facciali restaurati hanno mostrato un’abbondanza di terminazioni assonali colinergiche che stabiliscono giunzioni neuromuscolari funzionali. È stato confermato che la fonte parasimpatica dell’input neurale è nel ganglio pterigoideo.

Inoltre, i muscoli facciali reinnervati hanno subito indipendentemente un cambiamento delle fibre muscolari in fibre muscolari puramente intermedie di miosina di tipo IIa.

Infine, i test elettrofisiologici hanno rivelato che le fibre parasimpatiche postgangliari viaggiano verso i muscoli facciali attraverso il nervo sensoriale infraorbitale.

I nostri risultati hanno dimostrato una plasticità neuromuscolare espansa del muscolo striato denervato che consente il recupero funzionale tramite le fibre autonomiche antrali.

Questi risultati possono spiegare ulteriormente i meccanismi alla base della protezione sensoriale implementati per prevenire l’atrofia del muscolo neurale.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Risultati italiani | Sport | titusvilleherald.com
Next Post 3 gallerie italiane condividono come il COVID-19 ha plasmato le loro strategie di vendita d’arte