Una calda accoglienza in Italia nasconde una realtà fredda e di sfruttamento per i lavoratori migranti

affari Esteri

L’Italia utilizza sempre più i lavoratori migranti come bacino di manodopera per la logistica e le industrie ad alto tasso di turnover, che limita la sicurezza e la formazione, scrive Giorgio Grappi.

Opinione: Nell’ottobre 2021, Yaya Jaffa, 22 anni, è andata a lavorare al complesso di magazzini dell’Interporto a Bologna e non è più tornata a casa. Morì in un incidente sul lavoro, un altro decesso in una serie di incidenti mortali nel settore logistico italiano. Jaffa era un rifugiato della Guinea-Bissau e la sua morte ha evidenziato un problema emergente in Italia: i richiedenti asilo che lavorano nel settore della logistica altamente stressato e non regolamentato.

Mentre i rifugiati fuggono dalla guerra in Ucraina, alcuni rapporti descrivono la loro presenza Ei, tu In Italia. Ma gli attivisti e gli ex richiedenti asilo stanno parlando. Dicono che c’è una verità fredda e razzista dietro un sorriso caloroso e accogliente.

La Sda, la società responsabile del magazzino dove opera Jaffa, è legata al Servizio Postale Nazionale ed è stata utilizzata per distribuire il vaccino anti Covid-19. L’intero complesso dell’Interporto fa parte di un accordo con le autorità locali per quella che loro chiamano “logistica etica”.

Leggi di più:
* Non tanto per gli immigrati a basso salario nell’immigrazione reimpostata
* La tassa di violazione di $ 1.000 è solo “spiccioli” per i datori di lavoro sfruttatori

Una commissione parlamentare ha visitato il magazzino della SDA meno di due mesi dopo il fatale incidente di Jaffa, ma non ha riscontrato particolari problemi sul posto di lavoro. Immigrati, gruppi di comunità e sindacati di base raccontano una storia molto diversa che include la mancanza di adeguate misure di sicurezza, lunghe catene di appalti e subappalti e una formazione inadeguata dei lavoratori, a volte assunti su base giornaliera. L’indagine penale sulla morte di Jaffa è ancora in corso.

READ  Trasformazione della vita: un processo di trasformazione

Bologna ha tradizionalmente un gran numero di lavoratori migranti e, con l’avvento della logistica dal 2010, una nuova generazione di lavoratori migranti ha trovato lavoro nei magazzini. La città ospita molte strutture logistiche, tra cui l’enorme sito di trasbordo Interporto alla periferia della città. Lui è fuori dai riflettori, ma l’economia e la politica di Bologna si intrecciano con quello che vi accade.

La presenza di lavoratori migranti è ben nota, ma la loro importanza nel settore della logistica è passata quasi inosservata fino a quando A.S serie di proteste Nel 2012 ha portato al primo sciopero più ampio del settore nel marzo 2013 ea vertenze di lavoro su una scala che non si vedeva in Italia da decenni.

Giaffa abitava a Ferrara, un paesino a circa un’ora da Bologna. Ma proprio perché era un richiedente asilo, la sua morte ha sconvolto centinaia di richiedenti asilo che abitano in via Matte, il più grande centro di accoglienza per migranti di Bologna, alcuni dei quali lavoravano anche all’Interporto. Nell’ultimo anno, molti hanno preso parte alle proteste contro le condizioni del centro di accoglienza – che a loro dire è sovraffollato e inagibile -, i lunghi tempi di elaborazione delle domande di immigrazione e la mancanza di mezzi di trasporto adeguati tra il centro e l’Interporto. Un mese dopo la morte di Jaffa, alcuni hanno aderito a un violento sciopero presso il magazzino SDA dove lavorava.

La voce organizzata dei richiedenti asilo si aggiunge alle tante voci sparse di altri richiedenti asilo che denunciano le dure condizioni di lavoro, il circolo vizioso creato dai lunghi tempi di elaborazione delle loro domande di immigrazione e la necessità di guadagnare un reddito e di mettere in regola i propri documenti.

READ  Corona Virus: cosa sta succedendo sabato in Canada e nel mondo

Le autorità insistono sul fatto che una buona politica di immigrazione deve integrare gli immigrati nella società italiana. Migranti e gruppi locali sostengono che alcune delle politiche di integrazione che possono aiutarli – come lezioni di lingua e alloggi adeguati – lasciano molto a desiderare, mentre subiscono abusi da parte della polizia. Ma il problema più grande è che si ritrovano coinvolti in cattive pratiche lavorative. Negli ultimi anni, ciò ha incluso in particolare la logistica, un settore che la pandemia ha esposto come essenziale per l’intera economia.

Rapporti di immigrati, sindacalisti, notizie locali e iniziative delle autorità locali indicano che le questioni contro le quali i richiedenti asilo stanno protestando sono tutt’altro che isolate. Particolare attenzione è rivolta alla formazione rapida dei richiedenti asilo per il lavoro nei magazzini e alla loro assunzione tramite agenzie di lavoro interinale. Trasformare i richiedenti asilo in magazzinieri è particolarmente allettante per il settore della logistica, che registra un elevato turnover dei dipendenti e un frequente esaurimento dei lavoratori.

I richiedenti asilo sono spesso socialmente isolati e privi di altre possibilità occupazionali, quindi sono un utile gruppo di lavoro per le aziende che hanno dovuto far fronte a disordini dei lavoratori e nuove forme di sindacalizzazione e attivismo politico. In questo caso centri di accoglienza come Mattei fungono da alloggio per i lavoratori che lavorano nei magazzini logistici. Ma il rapporto sempre più stretto tra politiche di immigrazione, compresa l’accoglienza dei richiedenti asilo, e modelli di lavoro non si limita alla logistica. Fa parte di una tendenza più ampia.

Per anni, politiche restrittive sull’immigrazione hanno limitato i percorsi legali verso i paesi europei. Ma piuttosto che limitare completamente l’immigrazione, queste restrizioni hanno portato la maggior parte dei migranti a chiedere asilo. Nel frattempo, è emerso uno sforzo concertato per trasformare i richiedenti asilo che arrivano in gran numero in una nuova forza lavoro. Per anni le politiche sull’immigrazione hanno promosso l’integrazione degli immigrati nel mercato del lavoro, ma ora una politica più mirata sta cercando di utilizzare il lavoro migrante per coprire carenze e interruzioni in settori specifici come la logistica, il lavoro di cura, l’edilizia e l’agricoltura. Sono in preparazione programmi speciali per reclutare persone deboli o svantaggiate. Come afferma il gruppo locale di difesa dei lavoratori migranti, Condinamento Migrante, “l’unica integrazione possibile per queste persone è all’interno dello sfruttamento”.

READ  Com'è comprare una casa in Italia per "un euro"? Tre acquirenti condividono la loro esperienza

Bologna ha una forte tradizione di grandi sindacati e attivismo politico, ma questo non sembra aiutare i lavoratori migranti, quindi cercano nuovi alleati nei gruppi auto-organizzati e nelle organizzazioni di base. Possono temere le ripercussioni, ma sono una parte essenziale dell’economia e sono ben lungi dall’essere sottomesse.

La morte di Jaffa ha scatenato un’ondata di proteste sindacali, ma fintanto che persistono cattive condizioni di vita e pratiche di sfruttamento e i rifugiati appena arrivati ​​dalle zone di conflitto devono affrontare politiche discriminatorie, la ricerca della giustizia potrebbe aumentare le tensioni in qualsiasi momento.

Giorgio Grabi è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Bologna. Ha studiato immigrazione e logistica, e partecipa a movimenti contro il razzismo in Italia e in Europa.

Non sono stati dichiarati conflitti di interesse rispetto a questo materiale.

Questo articolo fa parte di un rapporto speciale su The Changing Face of Migration, realizzato in collaborazione con il Gruppo di ricerca di Calcutta.

Originariamente pubblicato sotto Creative Commons di 360info™.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il jazz club e ristorante Vic’s Las Vegas è finalmente aperto nel centro di Las Vegas
Next Post La massiccia tempesta di neve negli Stati Uniti uccide quasi 50 persone