Un uomo tiene una pietra per anni, sperando che sia d’oro. Risulta essere molto più prezioso

Nel 2015, David Hole stava scavando nel Maryborough Provincial Park vicino a Melbourne, in Australia.

Armato di un metal detector, individuò qualcosa di sconosciuto: un masso rossastro molto pesante che riposava in un po’ di fango giallo.

Lo portò a casa e fece di tutto per aprirlo, sicuro che ci fosse una pepita d’oro all’interno della roccia – dopotutto, Maryborough si trova nei Gold Fields, dove la corsa all’oro australiana raggiunse il suo apice nel 19° secolo.

Per interrompere la sua scoperta, Hall ha provato una sega da roccia, una smerigliatrice angolare, un trapano e ha persino immerso la cosa nell’acido. Tuttavia, nemmeno un martello potrebbe fare una crepa. Questo perché ciò che stava cercando così duramente di sbloccare non era una pepita d’oro. Come scoprì anni dopo, si trattava di un raro meteorite.

Dermot Henry, un geologo del Melbourne Museum, “aveva questo aspetto scolpito e sommerso” Raccontare Sydney Morning Herald.

“Questo si forma quando passano attraverso l’atmosfera, si sciolgono dall’esterno e l’atmosfera li scolpisce”.

Incapace di sbloccare The Rock, ma ancora incuriosito, Hall ha portato la pepita al Museo di Melbourne per identificarla.

“Ho guardato un sacco di rocce che la gente pensa siano meteoriti”, Henry ha detto a Channel 10.

Infatti, dopo 37 anni di lavoro al museo e l’esame di migliaia di rocce, Henry spiega che solo due dei display si sono rivelati veri meteoriti.

Questo era uno dei due.

(Museo di Melbourne)

“Se vedi una roccia sulla Terra come questa e la raccogli, non dovrebbe essere troppo pesante”, ha detto un altro geologo del Melbourne Museum, Bill Birch, Raccontare Sydney Morning Herald nel 2019.

READ  Coronavirus USA: decine di migliaia di persone vaccinate potrebbero contrarre il Covid-19. Ma gli esperti dicono che i non vaccinati sono la "grande autostrada della trasmissione".

I ricercatori hanno pubblicato un articolo scientifico che descrive il meteorite di 4,6 miliardi di anni, che hanno chiamato Mariborough dopo la città vicino a dove è stato trovato.

Pesa 17 chilogrammi (37,5 libbre) e dopo aver usato una sega diamantata per tagliare una piccola fetta, hanno scoperto che la sua composizione era ricca di ferro, rendendolo Condrite semplice H5.

Una volta aperto, puoi anche vedere le minuscole goccioline cristallizzate di minerali metallici che si trovano dappertutto, chiamate condrociti.

“I meteoriti forniscono la forma più economica di esplorazione spaziale. Ci trasportano indietro nel tempo e forniscono indizi sull’età, la formazione e la chimica del nostro sistema solare (inclusa la Terra)” disse Enrico.

“Alcuni offrono uno sguardo nelle profondità dell’interno del nostro pianeta. In alcuni meteoriti, c’è “polvere stellare” che è più antica del nostro sistema solare, mostrandoci come si formano ed evolvono le stelle per formare elementi della tavola periodica.

“Altri rari meteoriti contengono molecole organiche come gli amminoacidi, i mattoni della vita”.

primo piano della meterorite di Maryborough(Birch et al., PRSV, 2019)

Sebbene i ricercatori non sappiano ancora da dove provenga il meteorite e da quanto tempo sia sulla Terra, hanno alcune ipotesi.

Il nostro sistema solare una volta era un mucchio rotante di polvere e condriti di roccia. Alla fine, la gravità ha tenuto insieme molto di questo materiale nei pianeti, ma la maggior parte dei resti è finita in forma massiccia. asteroide Cintura.

“Questo particolare meteorite molto probabilmente proviene dalla cintura di asteroidi in mezzo Marte e Giove, ed è stato spinto fuori da alcuni asteroidi che si sono schiantati l’uno contro l’altro, e poi un giorno si sono schiantati contro la Terra, Henry ha detto a Channel 10.

READ  CDC raccomanda vaccini Covid durante la gravidanza

La datazione al carbonio indica che il meteorite era sulla Terra tra 100 e 1000 anni fa, e ci sono stati numerosi avvistamenti di meteoriti tra il 1889 e il 1951 che potrebbero corrispondere al suo arrivo sul nostro pianeta.

I ricercatori sostengono che il meteorite di Mariboro è molto più raro dell’oro. È uno dei soli 17 meteoriti mai registrati nello stato australiano di Victoria, ed è il secondo più grande per massa cartilaginea, dopo un enorme esemplare di 55 chilogrammi identificato nel 2003.

“Questo è il diciassettesimo meteorite che è stato trovato a Victoria, mentre sono state trovate migliaia di pepite d’oro”, Henry ha detto a Channel Ten.

“Data la catena di eventi, si può dire, è astronomico che venga mai scoperto.”

Non è il primo meteorite che impiega alcuni anni per raggiungere un museo. In una storia particolarmente sorprendente, trattata da ScienceAlert nel 2018, una roccia spaziale ha impiegato 80 anni, due proprietari e ha trascorso una sosta prima di essere finalmente rivelata per quello che era.

Probabilmente è il momento più buono che mai per controllare il tuo giardino alla ricerca di rocce pesanti e difficili da rompere: potresti essere seduto su una metaforica miniera d’oro.

Lo studio è stato pubblicato su Atti della Royal Society of Victoria.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata nel luglio 2019.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Ferrari omaggia le auto da corsa degli anni ’60 con la Daytona SP3
Next Post L’attrice taiwanese Barbie Hsu ha chiesto il divorzio dal marito da 11 anni