Un rallentamento del vaccino nel ricco Occidente potrebbe abbracciare la prossima catastrofe nella crisi di Covid

Le ragioni di ciò sono diverse. Alcune persone pensano di essere sane e giovani, quindi la vaccinazione non è una priorità. Alcuni hanno una scarsa alfabetizzazione digitale o un accesso limitato e trovano la prenotazione di un vaccino troppo complicata, quindi ci hanno rinunciato. Alcuni semplicemente non si fidano del loro governo al punto da essere vulnerabili alla disinformazione.

Nonostante il recente aumento delle dosi di vaccinazione adottate, il fatto che la maggior parte dei paesi non raggiunga l’obiettivo dell’80-90% mentre la variante delta si sta diffondendo rappresenta una seria minaccia. Non solo influisce sulla rapidità con cui questi paesi specifici possono dire addio a Covid, ma a livello globale crea anche un’opportunità per il virus di diffondersi, mutare e rompere i suoi confini verso paesi con tassi di vaccinazione più bassi. In altre parole, potrebbe abbracciare la prossima catastrofe in questa pandemia.

Nel Regno Unito, gli interni delle città con comunità diverse hanno visto queste dinamiche ripresentarsi molte volte.

Philip Glanville, sindaco di Hackney, Londra, ha spiegato che “nelle comunità turche e curde c’è un alto livello di fiducia con i medici e il servizio sanitario nazionale, ma a volte hanno trovato difficoltà a prenotare appuntamenti. Mentre in alcune comunità nere-britanniche, la disinformazione si è purtroppo diffuso riguardo al vaccino.” che influisce sulla gravidanza e sulla fertilità”.

Hackney ha visto un calo da circa 1.000 prime dosi al giorno a circa 100 dosi in un’area Quasi due mesi. E mentre molti di coloro che vogliono fare appello, ovviamente, lo hanno fatto, il gruppo di oppositori è più numeroso di quanto la maggior parte dei paesi vorrebbe. Date le fasce di età più giovani che sono attualmente incoraggiate a fare le prime vaccinazioni, questo è un vero motivo di preoccupazione, poiché i giovani tendono ad avere più contatti sociali, creando maggiori possibilità di riproduzione della malattia.

Glanville, che si è offerto volontario presso i centri di vaccinazione di Hackney, ha criticato il governo del Regno Unito per aver svolto un ruolo troppo centrale non consentendo alle autorità locali di prendere decisioni basate sulla loro conoscenza delle loro comunità.

“I messaggi e le regole non sono chiari per molte persone che vogliono vaccinarsi”, ha detto Glanville. “Non è stata colpa delle persone sul campo ad Hackney, ma come volontario ho dovuto allontanare le persone che si sono presentate con un parente anziano e hanno chiesto se potevano prenderne uno anche loro. La triste verità è che, se le persone avevano una scarsa alfabetizzazione o scarse competenze digitali. Non capiscono davvero le regole e vengono rifiutate, potrebbero semplicemente arrendersi”.

In un altro angolo del Regno Unito, l’Irlanda del Nord sta vivendo un Abbassamento vaccinale simile, Nonostante aumento dell’infezione;

Gabriel Scully, l’ex funzionario della sanità pubblica della contea, spiega che molti cittadini dell’Irlanda del Nord non si fidano dei servizi sanitari o dei domini del governo.

READ  Infezione di Los Angeles svolta 30% di tutti i nuovi casi di Covid - scadenza

“Ci sono attualmente tre inchieste pubbliche sugli spaventosi fallimenti dei servizi sanitari, le liste d’attesa degli ospedali sono spaventose e la natura settaria della nostra politica significa che alcuni gruppi hanno un’incredibile sfiducia in una parte del governo o nell’altra”, spiega.

I manifestanti si riuniscono con striscioni per protestare contro le vaccinazioni obbligatorie fuori dal Michigan State Capitol il 6 agosto 2021 a Lansing, nel Michigan.

In Irlanda del Nord, il governo è gestito in base al principio della condivisione del potere tra repubblicani (che favoriscono ampiamente un’Irlanda unita) e unionisti (che vogliono che l’Irlanda del Nord rimanga parte del Regno Unito), con l’obiettivo che nessun gruppo si senta emarginato. I fini più radicali di entrambi i gruppi sono storicamente meno fiduciosi nei confronti dei leader dell’altro, anche quando si tratta di salute pubblica.

Israele ha abbagliato il mondo con il suo rapido rilascio di vaccinazioni e la massiccia diffusione iniziale. Tuttavia, nelle ultime settimane, è apparso anche il manifesto internazionale del bambino per l’immunizzazione ha subito un rallentamento.

Le ragioni di ciò sono in gran parte sociali, ha spiegato Asher Salmon, vicedirettore generale del Ministero della salute del paese.

“Ci sono problemi all’interno della piccola minoranza delle sette ultra-ortodosse e chassidiche in cui alcune persone hanno strane idee basate sulla disinformazione anti-vaccinazione”, ha detto. “Ci sono problemi anche nelle comunità beduine, dove la sfiducia nei confronti delle autorità israeliane è tipicamente alta”.

Salmon afferma anche che le persone con convinzioni politiche marginali sono state esposte a disinformazione che integra le loro opinioni anti-establishment e anti-globalizzazione. “Ci sono persone che pensano che l’industria farmaceutica abbia un interesse acquisito nel far sembrare l’epidemia peggiore di quello che è”.

Nel frattempo in America, la disinformazione e la sfiducia di parte nei confronti delle autorità sono diventate una sfida per alcuni medici che cercano di convincere i loro pazienti a farsi vaccinare.

Mark Horn, chief medical officer del Southern Central Regional Medical Center nel Mississippi, ha detto alla CNN che c’è un “grande gruppo di persone intransigenti che diffidano della scienza medica avanzata” nella sua zona a causa delle loro politiche.

“Questo è un posto molto cristiano e conservatore. Cerco di spiegare ai miei pazienti che sono cristiano e conservatore, ma questa è solo scienza. Uno dei miei pazienti diabetici mi ha detto che non avrebbe fatto il vaccino perché pensava che fosse una politica cospirazione. Anche le persone che ho curato per 25 anni mi hanno detto che si fidano di me, ma non lo fanno. “Si fidano del vaccino o della scienza dietro di esso”.

READ  Questo terrificante "drago" era il più grande rettile volante in Australia
I manifestanti del vaccino anti-coronavirus si riuniscono in Parliament Square fuori dal Palazzo del Parlamento nel centro di Londra il 19 luglio 2021

Uno dei temi ricorrenti in tutti questi paesi è che molti giovani sono molto disposti a farsi vaccinare, ma non lo vedono come una priorità. Ciò può essere dovuto all’evidenza che la malattia colpisce gli anziani in modo più drammatico.

Melanie Lees, direttrice della Big Data and Analytics Unit dell’Imperial College di Londra, ha dichiarato di recente Pubblica un rapporto Fiducia globale sui vaccini.

“Alla domanda sui motivi per cui non ha ancora ricevuto il vaccino, solo il 4% del gruppo con più di 40 anni ha riferito preoccupazioni sugli effetti collaterali, rispetto al 10% di quelli di età compresa tra 18 e 29 anni”, ha aggiunto.

Questi possono sembrare numeri piccoli, quindi perché questo è un problema per la risposta globale al Covid?

“Se si traccia un grafico della copertura vaccinale rispetto al rischio, sarà una progressione lineare e maggiore è la copertura vaccinale, minore è il rischio e viceversa”, ha affermato Bharat Pankhania, docente di clinica senior presso l’Università di Exeter. , nell’ovest dell’Inghilterra.

“Certo, vogliamo avere una copertura del 90%, è un compito arduo a livello globale. Se arriviamo al 70% e rimaniamo lì, ci saranno molti focolai sporadici che potrebbero sopraffare i servizi sanitari. Peggio ancora, creerà maggiori opportunità per il virus muti e che emergano variabili allarmanti.

Il primo ministro britannico Boris Johnson riceve la sua prima dose del vaccino AstraZeneca/Oxford Covid-19, somministrato dall'infermiera e responsabile del pod clinico, Lily Harrington, presso il Centro di immunizzazione di Rhe a St. Thomas.  Un ospedale a Londra il 19 marzo 2021.

Queste mutazioni e cambiamenti nella malattia rischiano di causare un grosso buco negli sforzi di vaccinazione e di minare il duro lavoro che è già stato fatto in molti paesi.

Simon Clarke, professore associato di microbiologia presso l’Università di Reading nel sud dell’Inghilterra, ha affermato che “ogni volta che viene creata una nuova particella virale, il virus ha la possibilità di mutare e sviluppare resistenza ai vaccini che abbiamo attualmente. Quindi, se hai “Non sei stato vaccinato, non ti stai esponendo. Non solo il rischio, ma anche le persone che hanno fatto la cosa giusta e hanno fatto l’iniezione”.

Se questo è pericoloso per i paesi fortemente impollinati, è una prospettiva terrificante per coloro che non sono in grado di ottenere abbastanza pugni per i propri cittadini. “È quasi impossibile impedire ai virus di attraversare i confini, quindi la vulnerabilità in qualsiasi paese è un problema per ogni paese”, ha affermato Clark.

READ  La contea di Pierce tornerà probabilmente alla Fase 2 - Notizie KIRO 7 a Seattle

Tutto ciò solleva una domanda sull’obbligo morale dei paesi che si affidano ai vaccini o danno alle persone i loro terzi pantaloncini mentre altri non hanno dosi sufficienti. “C’è sicuramente una grande domanda su cosa dovrebbero fare questi paesi ad alto reddito se raggiungono la saturazione, mentre i paesi poveri hanno un gran numero di persone che hanno bisogno di più vaccinazioni”, ha affermato Lis, analista di dati.

Pankania ha aggiunto che è “un peccato” che gran parte del mondo non sia immune e che se i paesi ricchi distribuissero le loro scorte “vedremmo una massiccia diffusione in tutto il mondo”.

Un'infermiera riempie una siringa con Johnson &  Il vaccino di Johnson  s Janssen's Covid-19 in una clinica ospitata da The Tournament of Roses in collaborazione con il Dipartimento di sanità pubblica di Pasadena, 19 agosto 2021 presso la Tournament House di Pasadena, in California.

Negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Israele, cosa si può fare per incoraggiare questi ultimi oppositori a prendere l’iniziativa e a farsi vaccinare?

“Abbiamo introdotto schemi in cui non puoi entrare in luoghi culturali, club e bar senza essere testato se non sei stato colpito”, ha detto Salmon. “Il vantaggio secondario del passaporto, oltre a ridurre il tasso di infezione, è incoraggiare i giovani a vaccinarsi”.

Horn afferma di aver incoraggiato i suoi pazienti a essere buoni ambasciatori, a parlare ai loro amici dei familiari che hanno avuto la malattia e a condividere le loro esperienze positive con la vaccinazione.

“Ci vuole più di medici e governo per le persone che non si fidano intrinsecamente dello stato. Un sacco di persone che alla fine non si fidano dello stato. Hanno visto un membro della famiglia ammalarsi o farsi vaccinare e tutte le cose temono che non accada.” Lei disse.

La corsa per ottenere il maggior numero di vaccinazioni prima che il virus si diffonda o si muti in qualcosa di più pericoloso sarà vinta con una combinazione di carota e bastone. altri paesi Visione Incentivi simili Per ottenere un colpo come Israel.

Tuttavia, la prossima fase di questa battaglia sarà una lotta in salita, poiché si svolgerà in un momento in cui molti paesi alle prese con l’esitazione del vaccino stanno entrando nei mesi invernali.

Tutto ciò solleva una domanda molto inquietante. Se anche le ricche nazioni occidentali non possono vincere definitivamente la corsa contro il Covid, che speranza hanno le altre parti del mondo – a corto di vaccini, infrastrutture più povere e meno accesso a informazioni affidabili – nel porre fine alla pandemia il prossimo anno?

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le migliori 25 vendite nei giorni lavorativi (2021)
Next Post Il regista cileno Pablo Larren ha mostrato la prima di Diana a Venezia