Un pub in Cina schiaffeggia una donna con una multa di 3.400 rupie per non aver creato “un’atmosfera vibrante”

Un pub in Cina schiaffeggia una donna con una multa di 3.400 rupie per non aver creato “un’atmosfera vibrante”

Gli utenti dei social media sono rimasti sconcertati dallo strano incidente

Una donna in Cina è rimasta scioccata dopo aver pagato 300 yuan in più (3.431 rupie) perché lei e le sue amiche “non hanno creato un’atmosfera abbastanza vivace” in un bar, Posta del mattino della Cina meridionale menzionato.

Secondo il rapporto, la donna non identificata ha prenotato uno stand VIP al Boom Shake Bar di Hangzhou, nella provincia di Zhejiang, per divertirsi con i suoi amici.

Quando è arrivato il conto di 4988 yuan (57053), sono stati sorpresi di trovare una bottiglia di vino in più e hanno aggiunto una tassa misteriosa di 300 yuan. La donna si è confrontata con il personale e le è stato detto che il costo aggiuntivo era “punizione” perché l’atmosfera intorno alla cabina di lavoro non era abbastanza buona.

“Ha detto che siamo stati multati perché l’atmosfera intorno a noi nell’ultima ora non era abbastanza vibrante”, ha detto la donna al sito di notizie Pear Video.

La donna che ha lasciato la risposta ha detto: “Siamo andati lì come consumatori, non per lavorare per creare atmosfera”. Perché dovremmo essere puniti? Le è stata anche addebitata un’ulteriore bottiglia di vino che costava più di 1.000 yuan (Rs. 11.438).

Segue presto una discussione tra la donna e lo studio legale, dopodiché il gruppo decide di saldare il conto.

Tuttavia, dopo che la donna ha presentato ripetute lamentele alla società proprietaria del bar, il cameriere che ha aggiunto la quota ha rimborsato alla donna 1.480 yuan per la “multa per l’ecstasy” e la bottiglia di vino in più che non avevano ordinato.

READ  Zelensky avverte che la Russia potrebbe usare armi nucleari

Gli utenti dei social media sono rimasti sconcertati dallo strano incidente. Il bizzarro caso ha anche scatenato una discussione online sui diritti dei consumatori in Cina.

Un utente ha detto: ‘All’inizio pensavo che il lavoratore fosse stato multato. Poi ho confermato che il consumatore era stato multato e non potevo credere che fosse vero. Che caso raro! “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *