Un funzionario afferma che è improbabile che l’Italia rinnovi il suo accordo con la Cina, ma ha bisogno di tempo

ROMA (Reuters) – L’Italia difficilmente rinnoverà l’accordo Belt and Road Initiative con la Cina, che scade all’inizio del prossimo anno, ma ha bisogno di tempo per discutere la questione con Pechino.

Una decisione formale non sarà presa prima del vertice del G7 in Giappone questo mese, ha detto il funzionario, che ha familiarità con le discussioni interne sulla questione, aggiungendo che si tratta di un argomento molto delicato.

L’ufficio del primo ministro Giorgia Meloni ha rifiutato di commentare.

L’Italia nel 2019 è diventata il primo e finora unico paese del G7 ad aderire all’ambizioso programma Belt and Road Initiative, che secondo i critici avrebbe consentito alla Cina di prendere il controllo delle tecnologie sensibili e delle infrastrutture critiche.

L’allora primo ministro Giuseppe Conte sperava che l’accordo avrebbe dato una spinta all’economia sottoperformante dell’Italia, ma negli ultimi quattro anni ha portato pochi benefici, con esportazioni in Cina per un totale di 16,4 miliardi di euro (18,1 miliardi di dollari) l’anno scorso da 13 miliardi di euro. nel 2019.

Al contrario, secondo il rapporto, le esportazioni cinesi verso l’Italia sono salite a 57,5 ​​miliardi da 31,7 miliardi nello stesso periodo. Italiano dati.

I principali partner commerciali dell’Italia nella zona euro, Francia e Germania, hanno esportato volumi molto maggiori in Cina lo scorso anno, nonostante non facessero parte della Belt and Road Initiative.

Il funzionario del governo ha affermato che Roma utilizzerà questa mancanza di sviluppo economico come argomento per non rinnovare l’accordo.

L’accordo scade a marzo 2024 e si rinnoverà automaticamente a meno che una delle parti non comunichi all’altra il proprio recesso, con preavviso scritto di almeno tre mesi.

In un’intervista alla Reuters dello scorso anno, prima di conquistare il potere alle elezioni di settembre, la Meloni aveva chiarito di non essere d’accordo con la decisione di Conte. “Non c’è alcuna volontà politica da parte mia a favore dell’espansione cinese in Italia o in Europa”, ha detto.

La Meloni, a capo di una coalizione nazionalista-conservatrice, è stata ansiosa di lustrare le sue credenziali di impegnata leader pro-NATO e pro-Atlantico e ha attirato l’attenzione degli alleati occidentali con il suo fermo e vocale sostegno all’Ucraina.

Ma è stata attenta a non offendere la Cina, e i funzionari del governo hanno detto che Roma non voleva causare una rottura diplomatica.

Un secondo funzionario ha affermato che la Cina dovrebbe rimanere un partner, ma che l’Italia non può entrare in una situazione in cui è eccessivamente dipendente da Pechino in qualsiasi settore importante, come è accaduto con la Russia e le sue forniture energetiche.

Meloni ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping a Bali lo scorso novembre e ha accettato l’invito a visitare la Cina, ma non è stata ancora fissata una data.

La Meloni non ha ancora visitato Washington, e il funzionario governativo ha dichiarato di non voler recarsi a Pechino senza essere ricevuta dal presidente Usa Joe Biden.

(Questa storia è stata corretta per chiarire che i dati si riferiscono alle esportazioni cinesi verso l’Italia, non alle importazioni cinesi dall’Italia, nel paragrafo 6)

($ 1 = 0,9037 euro)

(Segnalazione di Crispian Palmer) Montaggio di John Stonestreet

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Analisi: per alcuni paesi europei, l'aumento del costo del debito fa rivivere i ricordi della crisi del 2011

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *