Un artista dipinge il gigantesco divario di genere sulla luna

La superficie della luna è crivellata di crateri, resti di violente influenze sul tempo cosmico. Alcuni dei più grandi possono essere visti ad occhio nudo e un telescopio da cortile ne rivela altre centinaia. Ma gira gli osservatori astronomici o anche una sonda spaziale sul nostro vicino celeste più vicino e all’improvviso ne appaiono a milioni.

Bettina Forget, artista e ricercatrice presso la Concordia University di Montreal, disegna da anni crateri sulla superficie della luna. La signora Forget è un’astronoma dilettante e la pratica combina i suoi interessi per l’arte e la scienza. “Vengo da una famiglia di artisti”, ha detto. “Ho dovuto lottare per il gruppo di chimica”.

I crateri lunari sono stati nominati, secondo la convenzione, da scienziati, ingegneri ed esploratori. Alcuni dei nomi che la signora Forget fa hanno nomi familiari: Newton, Copernicus ed Einstein. Ma molti non lo fanno. Pagare una tassa di incisione con nomi sconosciuti La donna si è dimenticata di chiedere: Chi sono queste persone? Quante donne?

“Una volta che questa domanda si è fissata nella tua mente, devi saperlo”, ha detto.

La signora Forget ha esaminato i registri dell’Unione Astronomica Internazionale, l’organizzazione incaricata di fornire nomi ufficiali per i crateri lunari e altre caratteristiche che si trovano nei mondi intorno al sistema solare. Ho iniziato a mettere sotto i box che prendono il nome dalle donne.

“Non c’era molto da sottolineare”, ha detto la signora Forget.

Dei 1.578 crateri sulla luna che furono nominati a quel tempo, solo 32 donne furono onorate (nominate 33 a febbraio).

“Non mi aspettavo il 50 per cento”. Ha detto: “Non sono così ottimista.” Ma il 2 per cento? Sono rimasto davvero scioccato. “

READ  I pazienti Covid affrontano un'infezione fungina rara e fatale

Ha detto che avere così pochi crateri sulla superficie della luna con il nome di donne è un’affermazione potente. “Crea un’atmosfera in cui pensi che le donne non stiano contribuendo”.

Nel 2016, la signora Forget ha intrapreso un progetto chiamato “Women With Impact”, per dipingere ogni cratere in nome di una donna. Mrs. Forget dipinge un grande taccuino usando la grafite per i dettagli e la vernice acrilica nera. Cattura la forma dei crateri sul lato vicino della luna, come pistola E il Mitchell, Con lo stesso nome da 19– E il 20 ° secolo Gli astronomi, osservandoli con il suo telescopio da otto pollici. Per scavare come Resnick E il Chawla, Entrambi hanno un nome una donna astronauti Si trova dall’altra parte della luna invisibile dalla Terra e si basa sulle immagini scattate dalla NASA nei suoi disegni Veicolo da ricognizione lunare.

Finora la signora Forget ha completato 32 disegni. I pezzi, incorniciati individualmente, sono esposti in una galleria d’arte della Bishop University di Sherbrooke, in Quebec, e al Planetario Rio Tinto Alcan di Montreal. La signora Forget ha detto che “Women in Impact” mira a evidenziare la sottorappresentazione delle donne nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM). Ha detto: “Un buco è un’assenza di materia, un vuoto”. “Questo è lo stesso che essere vuoto in STEM.”

Lavorare con fosse bidimensionali ha portato la signora Fort ad aggiungerne un terzo. “Mi è piaciuta l’idea di tenere in mano il cratere lunare”, ha detto. Nel 2019, ha iniziato a stampare in 3D ogni ugello presente nel film “Women With Impact”. Miss Forget crea una versione capovolta di ognuno, ed è fondamentalmente un timbro che mantiene il buco in forma. Ha detto: “Posso fare il lavoro esterno”.

READ  SpaceX può assemblare l'astronave su un Super Heavy usando "bracci meccanici"

Miss Forget sta sperimentando diversi metodi per attaccare questi timbri alla suola della scarpa. Ha in programma di spedire francobolli a scienziate di tutto il mondo e chiede loro di registrare le loro esperienze creando le proprie fosse in un progetto chiamato One Small Step. In qualità di direttore di Programma Artisti in Residenza del SETIIn primo luogo, la signora Forget intende raggiungere le donne il cui lavoro si concentra sull’astrobiologia e sugli esopianeti.

La signora Forget ha detto che era importante celebrare i contributi degli scienziati viventi. Ha detto che la serie “Women With Impact” onora le donne storiche, ma “One Small Step” può onorare e assumere un ruolo guida ora nei campi STEM “.

Con più perforazioni lunari per le donne nominate, la signora Forget ha in programma di creare disegni, modelli 3D e timbri aggiuntivi. Ha già un lavoro da fare: un ugello, Easley, A febbraio per l’informatico Annie Easley.

Katherine Nich, una scienziata planetaria alla Western University di Londra, Ontario, ha proposto il nome di Easley all’Unione Astronomica Internazionale a gennaio. (Suo marito la esortò a pensare non solo al nome di una donna ma anche a una donna di colore.) Il dottor Nish ha suggerito con successo un trapano per buche Pierazzo E il Tharp Nell’anno 2015 a Elisabetta Pierazzo E il Mary Tharp, Ed era consapevole della piccola parte dei crateri lunari che onorano le donne. “Ero entusiasta di prendere questo numero lentamente”, ha detto.

Kelsey N. Singer, uno scienziato planetario presso il Southwest Research Institute, ha detto che la scarsità di crateri lunari che onorano le donne è sorprendente piuttosto che sorprendente. Ha detto che le donne non erano generalmente autorizzate a diventare scienziati, ingegneri ed esploratori fino al ventesimo secolo. Il dottor Singer ha detto che, poiché i crateri lunari non sono chiamati a persone viventi, “c’è sicuramente un ritardo storico”.

READ  L'energia sprigionata dalle profonde eruzioni vulcaniche nei nostri oceani potrebbe alimentare tutti gli Stati Uniti

Le donne sono sovrarappresentate quando si tratta di nomi Caratteristiche su Venere e su alcune delle lune più piccole di Urano. Ma quei posti sono eccezioni nel sistema solare. L’Unione Astronomica Internazionale ha riconosciuto questo problema e sta dando la priorità ai nomi femminili quando si nominano i crateri lunari.

“Abbiamo deciso che se avessimo la scelta e l’opportunità di nominare un vulcano dopo una donna, allora lo faremo”, ha detto Rita Schultz, scienziata planetaria presso il Centro europeo di ricerca e tecnologia spaziale nei Paesi Bassi e presidente del gruppo di lavoro sindacale . Per nominare il sistema planetario.

Il dottor Nich ha già un altro nome in mente per il cratere lunare. “Pochissime persone possono nominare i pozzi perché non hanno ragioni scientifiche convincenti per farlo”, ha detto. “Voglio usare il privilegio che ho per conoscere alcune di queste donne che sono venute prima di me”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La doppia medaglia mondiale Ariana Brady soffre di “lieve miocardite” e salterà l’Euro
Next Post L’Europa rischia altre cicatrici economiche mentre si affretta a riaprire