Un anno, la città italiana ricorda le prime scorciatoie virali

Kodogno (Italia) (AFP)

Entrando dalle porte del cimitero di Kodokno, con i suoi quattro maestosi pilastri e la “resurrezione” risorta in latino, la distruzione del corona virus non fu immediatamente evidente.

Ma al di là dei segni degli angeli di marmo inginocchiati e delle tombe ornamentali, il nuovo gruppo di semplici cripte di granito testimonia l’assalto di un nuovo terribile virus in questa semplice città dell’Italia settentrionale.

Durante una cerimonia di domenica, Kodokno ha segnato un anno dalla registrazione del primo caso Covit-19 acquistato in Italia, che è diventata la prima grande esplosione in Europa.

Il virus ha dilaniato la vasta regione della Lombardia, segnando l’Italia come il nuovo epicentro di un’epidemia globale che ha ora ucciso più di due milioni di vite, di cui quasi 100.000 in Italia.

Leggi le date del 23 febbraio, 24 febbraio, 28 febbraio, in cristalli grigi lucidi. Sotto i nomi incisi, a volte l’immagine di un volto sorridente, le date acquistano slancio: 1 marzo, 5 marzo, 10, 13, 17 marzo …

Roberto Kodaci, 58 anni, vice custode del cimitero, ha detto che l’aumento dei casi ha colto tutti di sorpresa.

“In due mesi, in un anno abbiamo visto quello che di solito abbiamo”, ha detto all’AFP.

Venerdì 21 febbraio, Kodasi ei suoi colleghi hanno dimostrato la gravità del virus: un uomo di 38 anni noto come “Paziente 1” è stato identificato in un ospedale cittadino dopo che un medico ha infranto il protocollo per testarlo per la corona virus.

Sabato, i corpi erano già in fila per la sepoltura fuori dal cimitero.

READ  Mario Draghi assumerà la carica di Primo Ministro italiano

– ‘Chi è il prossimo?’ –

Oggi a Kodakno, una piccola città di 15.000 persone, i centri Kovit-19 parlano di attività chiuse, affitto da pagare e divieto di vita normale.

Altri ancora possono sentire il suono della sirena senza dolore.

Amy Cavalli, proprietaria di terza generazione del Central Bar in Main Plaza, ha ricordato i primi giorni bloccati imposti a Kodokno e ad altre 10 comunità del nord dopo l’identificazione del primo caso, portando immediatamente alle prime due morti confermate da virus corona in Italia, una di loro una donna di 77 anni fuori Kodokno.

“Ricordo quanto fosse tranquillo”, ha detto Cavalli. “Ogni tre minuti un’ambulanza ha sentito un rumore.

“Chi siamo, chi è? Chi è il prossimo?”

In un mese, il bilancio delle vittime di Kodokno era più che triplicato, a 154 a marzo, rispetto ai 49 dell’anno precedente, secondo il sindaco Francesco Paserini dell’AFP.

“Non potevano continuare”, ha detto Baserini dei lavoratori della tomba, che alla fine sono stati rafforzati dalla Protezione civile.

Le guarnizioni in attesa di essere sepolte venivano conservate in una chiesa chiusa, il cimitero era chiuso al pubblico e gli annunci finali venivano stampati senza data per incoraggiare le persone in lutto a rompere l’isolamento per rendere omaggio.

Le bare quotidiane in attesa del difensore Kodasik hanno portato uno shock spiacevole: “Ho detto, ‘Oh, lo conosco! L’ho visto una settimana fa’.

La Croce Rossa di Kodokno – con esperienza in Iraq e oltre – stava zigzagando nell’area solo a marzo con quasi 500 ambulanze.

“Quando ci chiamano, non sappiamo cosa troveremo”, ha detto Luciano Burmigiani, capo dei servizi di emergenza.

READ  Si dice che Kanye West abbia fatto causa a Walmart, accusando il marchio di aver fatto a pezzi Easy Foam Runner

Nel frattempo, il medico di famiglia Andrea Lozi ha lavorato giorno e notte per portare i suoi pazienti fuori dall’ospedale, dal quale non sono mai tornati.

Lozi – il cui nome suscitano riverentemente la gente del posto per il suo instancabile lavoro – rifiuta tutte le interviste e spiega ad AFP: “Devi mettere le mani sul lavoro, non sulla bocca”.

Ma la pagina Facebook del dottore – un mix di consigli medici e l’occasionale annuncio di gatto smarrito – dipinge un’immagine di come Kodokno sia lentamente uscito dalla sua condizione peggiore.

“Che soddisfazione! Oggi ho finalmente detto ai miei quattro pazienti: ‘Bene, l’hai fatto, sei guarito!’ Posso dirlo “, ha scritto Lozi l’11 marzo.

Un mese dopo la prima causa, ha detto: “Non sappiamo fino a che punto dobbiamo andare, ma sappiamo che ce la faremo!”

Quattro giorni dopo, Lozi ha detto che credeva che il virus avesse iniziato a placarsi a Kodokno.

– ‘Journey of Suffering’ –

Il bloccaggio anticipato ha aiutato.

Quando la situazione a Kodokno iniziò a migliorare, l’attenzione si spostò sulla provincia di Bergamo più colpita, 70 chilometri (43 miglia) a nord, dove le immagini di truppe che trasportavano bare trasmettevano al mondo gli orrori dell’esplosione dell’Italia.

Poiché il bilancio delle vittime del paese è salito a 4.825 un mese dopo la prima causa di Kodokno, alcuni si sono chiesti se fosse troppo tardi per bloccare la popolosa Lombardia l’8 marzo e l’Italia il giorno dopo, mentre numerose morti in case di cura hanno scatenato accuse di cattiva gestione. Funzionari sanitari.

Il 25 marzo, il “Paziente 1” di Kodokno è stato dimesso dal Matia Mastery Hospital e curato.

READ  Call Fire combatte il fuoco nella contea di Butt

Due mesi dopo, il presidente Sergio Materella ha visitato la tomba di Kodokno e ha ricordato “il luogo in cui è iniziato il nostro tragico viaggio”. Una targa in marmo ricorda i morti.

Nel suo ufficio alla Croce Rossa, quando i lavoratori finiscono di costruire un monumento all’esterno, Burmese registra un record operativo di quelle prime settimane nel 2020.

Indica dove i numeri iniziano a diminuire, e si ferma: “Siamo stati in grado di combattere qualcosa che nessuno sapeva nemmeno cosa fosse”.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Longham riapre con un nuovo ristorante italiano
Next Post Il famoso allenatore italiano Arigo Sachi ha messo in dubbio le qualità di leadership di Harry Kane