Un anno dopo la Brexit, come operavano 5 piccole aziende del Regno Unito?

Di tutte le commedie relative a Govt-19, è facile per la Gran Bretagna perdere un traguardo significativo: il primo anniversario della Brexit. Venerdì segna esattamente 12 mesi da quando il Regno Unito ha finalmente terminato formalmente la sua adesione all’inizio del 2020 e ha infine interrotto i restanti legami chiave con l’UE.

È difficile stimare le esatte conseguenze economiche di questo crollo; L’uscita del Regno Unito dall’UE, ovviamente, coincide con la massiccia rivolta causata dal COVID-19.

Ma possiamo capire come alcuni esportatori britannici abbiano agito al di fuori del campo nel loro primo anno e come si sentano ora riguardo all’importante decisione del Regno Unito di porre fine alla sua stretta relazione di 47 anni con i suoi vicini europei.

Negli ultimi anni “Marketplace” ha intervistato alcuni proprietari di piccole imprese, sia pro che anti-Brexit.

Steve Hartmann è l’amministratore delegato di Clevedon Fasteners, una piccola azienda produttrice di rivetti con un fatturato annuo di circa $ 6 milioni e 32 dipendenti.

Steve Hartman di Cliveton Fasteners
Steve Hartmann di Cliveton Fasteners si è detto deluso dal modo in cui i funzionari governativi hanno gestito la Brexit nel settore manifatturiero. (Foto di Mimis Beard)

Hartmann era un convinto sostenitore della Brexit perché credeva che l’adesione all’UE limitasse l’economia britannica, le sue relazioni commerciali con il resto del mondo e imponesse pesanti restrizioni al commercio britannico.

Per Hartman, l’uscita sarebbe stata una liberazione. “Sentivo che la Brexit avrebbe liberato la capacità produttiva del Regno Unito, che è assolutamente vasta”, ha affermato.

Ma 12 mesi dopo aver lasciato il campo in Inghilterra, Hartman era un po’ deluso.

Dice che l’attuale governo britannico, che afferma che “non c’è alcun indizio quando si tratta di produzione e industria”, sospetta che la Brexit potrebbe funzionare per la sua azienda.

Ha affermato che le autorità non potrebbero fornire una guida efficace alle imprese come la sua nelle nuove relazioni commerciali con l’UE. Ad esempio, crede che il governo abbia ostacolato i colloqui sulla Brexit lasciando alla coalizione troppo potere sulla provincia britannica dell’Irlanda del Nord.

READ  La star di Avalanche Nathan McKinnon fa il suo debutto stagionale contro il Capitals martedì

“Non sono sicuro che faranno un buon lavoro con la Brexit”, ha detto Hartmann.

Finora la Brexit, infatti, non ha avuto un grande impatto sulla sua attività in alcun modo, mentre l’epidemia ha causato molti sconvolgimenti.

Darren Price dei pugili britannici.
Darren Price, un pugile britannico, afferma: “Per noi è molto difficile esportare. (Foto per gentile concessione di Price)

L’opposto di un’altra piccola azienda chiamata “Marketplace” è il seguente: i pugili britannici, che producono biancheria da notte e biancheria intima di lusso.

“L’epidemia, devo dire francamente, è molto positiva per il business”, ha affermato il co-proprietario Darren Price. “I blocchi in tutta Europa hanno aumentato le nostre vendite del 50% perché le persone sono a casa e vogliono indossare qualcosa di comodo. Ma la Brexit è un grosso problema.

L’azienda fa affidamento su finiture decorative francesi e su una sofisticata catena di approvvigionamento europea che fornisce tessuti dai Paesi Bassi, dal Portogallo e dall’Italia. Una parte della produzione ha luogo nella Repubblica Ceca e molti dei clienti dell’azienda sono in Europa.

L’invio della Brexit da e verso l’UE ora comporta un sacco di scartoffie e costi aggiuntivi, “rendendo il nostro margine più piccolo e la nostra attività meno redditizia”, ​​ha affermato Price.

Da sempre contrario alla Brexit, ora è più che mai convinto che lasciare l’Ue sia stato un grosso errore.

“Invece di avere un impatto positivo sul commercio, come si diceva all’epoca, rende molto più difficile per noi esportare”, ha affermato. “Siamo cresciuti alla grande nell’ultimo anno, ma non a causa della Brexit. Siamo cresciuti nonostante la Brexit.

Mi chiamo Lars Anderson dei Tag.
“Dobbiamo chiedere lentamente se possiamo tornare indietro e rientrare”, ha detto Lars Anderson di My NameTax. (Foto per gentile concessione di Anderson)

Lars Anderson, il capo di My Nametags, con sede a Londra, la pensa allo stesso modo riguardo alla sua decisione di lasciare l’UE. Esporta circa il 40% del volume dei suoi prodotti, comprese le targhette personalizzate per i vestiti dei bambini e altri beni.

READ  Ucraina v Austria: Euro 2020 - Viva! | Calcio

Ora che il Regno Unito non è più uno stato membro, Anderson ha dovuto affrontare problemi burocratici nell’esportare a clienti individuali in tutto il continente. Per farvi fronte, ha creato una filiale in Irlanda, membro dell’Unione Europea. Questa non è una soluzione completamente semplice.

“Aggiunge problemi, aggiunge costi, aggiunge un po’ di tempo”, ha detto.

La sua vita era molto più facile quando il Regno Unito faceva parte di un mercato europeo più ampio. “Secondo me, dobbiamo andare piano e chiedere se possiamo tornare. Sento che non accadrà in nessun momento. Ma ci si può sempre contare”, ha detto Anderson.

Questo certamente non fa eco al sentimento del datore di lavoro che sostiene la Brexit, la nostra prossima azienda.

Jules Morgan di KPM Marine
“Sono assolutamente orgoglioso di ciò che abbiamo fatto”, ha affermato Jules Morgan di KPM Marine. (Foto di Mimis Beard)

Jules Morgan, capo di KPM Marine, impiega circa 50 persone e guadagna 8 milioni di dollari l’anno costruendo pompe e altre attrezzature marittime. Morgan esporta le apparecchiature in più di 30 paesi in tutto il mondo, alcuni dei quali si trovano nell’Unione Europea.

Questi sono prodotti di alto valore – il valore di una nave può arrivare fino a $ 150.000 – quindi il costo della documentazione aggiuntiva per le sue spedizioni nell’UE non influirà sul suo seminterrato, ha affermato. “È piccolo”, ha detto.

Morgan non si è pentito di aver votato per la Brexit.

“Non si tratta solo di commercio. Si tratta di riprendere il controllo di Bruxelles. Si tratta di ripristinare la democrazia”, ​​ha detto Morgan. “Sono assolutamente orgoglioso di ciò che abbiamo fatto. Ora abbiamo la libertà e l’agilità per prendere le nostre decisioni. Sono molto fiducioso.

READ  I fan saranno incuriositi da XPW, che è una storia selvaggia

Mark Nunn, proprietario di una piccola società di ingegneria chiamata Sarginsons, condivide questa convinzione. Sebbene abbia riconosciuto di aver inizialmente incontrato “alcune difficoltà” nell’esportazione e nell’importazione nell’UE, queste sono durate solo un breve periodo. “Una volta che sappiamo cosa è necessario, non è davvero un problema”, ha detto. “Non siamo riusciti a farcela”.

Mark Nunn di Sarkinson.
“Voterò di nuovo per la Brexit”, ha detto Mark Nunn di Sarginsons. (Foto di Mimis Beard)

Gli affari non sono stati facili per lui negli ultimi due anni. L’azienda è specializzata in componenti leggeri, ad alta tecnologia, in alluminio per l’industria automobilistica. Con circa 15 milioni di dollari di fatturato e 110 dipendenti all’anno, Sarginsons è stato un enorme successo di base. I profitti annuali sono diminuiti di circa 1,3 milioni di dollari nel 2020 e nel 2021.

Ma si ritiene che le interruzioni della catena di approvvigionamento e la carenza di manodopera, insieme a molte aziende nell’UE e nel mondo, siano in gran parte causate da epidemie, non dalla Brexit.

“Il problema della corona è fonte di confusione su larga scala”, ha affermato. “Ma dal nostro punto di vista, la corona è più un problema della Brexit”.

Attraverso la formazione, Nunan, un banchiere, ha votato per lasciare l’UE perché credeva che il gruppo non potesse sopravvivere finanziariamente a causa dell’euro. L’incorporazione di 19 Stati membri in un’unica unione monetaria solleva il problema, nonostante i loro diversi tassi di crescita economica, ha affermato. In effetti, si aspetta che il blocco si rompa.

Nunan crede ancora che il Regno Unito stia molto meglio di così. “Voterò di nuovo per la Brexit”, ha detto.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Con Android Auto, Motorola è riuscita a risolvere il problema principale
Next Post Coinbase condivide le previsioni sul futuro della scalabilità in Ethereum, Metaverse, Defi, NFT – Bitcoin Featured News