Un altro round di ristrutturazione del debito africano (2)

L’enorme capacità di servizio del debito indica un’imminente sofferenza

I livelli del debito pubblico globale sono saliti al livello della produzione economica totale mondiale, sebbene le economie avanzate ne siano responsabili per gran parte al 120% del loro PIL rispetto al 63% dei paesi in via di sviluppo.

Nel caso dei paesi in via di sviluppo, è probabile che il rapporto tra servizi del debito estero e ricavi sia una misura più affidabile dell’imminente sofferenza del debito (cfr. figura 1), sebbene il confronto con il rapporto debito/PIL sarà ancora necessario. La particolarità di questo ultimo round di crisi dei mercati emergenti e del debito africano è che la Cina ha sovraperformato i prestatori occidentali e le istituzioni finanziarie di sviluppo nei prestiti ai paesi in via di sviluppo e lo ha fatto attraverso documenti e termini poco chiari.

Quasi tutti i paesi africani che avranno bisogno del sostegno del FMI in questo ultimo round di crisi del debito avranno comitati dei creditori con la Cina a capotavola, complicando i negoziati, dato che circa la metà dei prestiti internazionali della Cina non è registrata nelle statistiche ufficiali del debito globale.

L’Africa è già stata qui. L’alleggerimento del debito per gli HIPC di 100 miliardi di dollari in più rispetto a due decenni fa ha fornito respiro a molte economie povere.

Ghana e Nigeria forniscono un utile contrasto nel caso dell’Africa occidentale. Perché anche se il Ghana e la Nigeria soffrono di disordini, il grado e le circostanze variano.

Ad esempio, il rapporto debito/PIL del Ghana è di circa l’80%, che potrebbe raggiungere l’85% nel 2022, secondo il Fondo monetario internazionale, mentre la Nigeria è di circa il 23%, e se si aggiungono i finanziamenti in contanti, è ancora più alto.

READ  L'Italia arresta il boss mafioso "Van Gogh" dopo anni di corsa

Comunque, il file Fondo monetario internazionale Ha già chiesto al governo nigeriano di ristrutturare il proprio debito per evitare un possibile default. Il populismo economico in entrambi i paesi è un fattore comune nei loro problemi fiscali in corso, nonostante il virus Covid-19 abbia costretto la spesa e altri venti contrari globali che sono seguiti, dalla guerra russo-ucraina, e gli shock dell’offerta fianco a fianco, all’inasprimento della politica monetaria globale in risposta a ciò. Sempre di più, le brutte situazioni peggiorano molto.

Il Ghana aveva già iniziato ad attuare misure di austerità prima dell’accordo con il FMI, rivedendo al ribasso il disavanzo di bilancio del 2022 a fine luglio 2022 e abbassando le previsioni di crescita economica per l’anno al 3,7% dal 5,8%.

Anche la Nigeria potrebbe doverlo fare, ma le imminenti elezioni del febbraio 2023 suggeriscono che il potenziale deterioramento continuerà fino alla formazione di un nuovo governo nel maggio 2023.

In Africa orientale, Kenya, Tanzania ed Etiopia sono stati conclusi o stanno negoziando uno di questi accordi con il Fondo monetario internazionale (FMI).

La storia è la stessa in Sud Africa. Il Sudafrica si è rivolto al FMI a metà del 2020 durante il culmine della pandemia di COVID-19. Lo Zambia sta negoziando con i creditori internazionali sulla ristrutturazione del debito e ha già ottenuto il sostegno del credito dal Fondo monetario internazionale. Andando da questa tendenza, quasi tutte le principali economie africane disporranno di programmi di credito in atto dal FMI entro la fine del 2022.

La ristrutturazione del debito dovrebbe ridurre l’azzardo morale

L’Africa è già stata qui. L’alleggerimento del debito di circa 100 miliardi di dollari ha fornito agli HIPC per più di due decenni uno spazio di respiro per molte economie povere, consentendo loro di allocare le entrate per scopi più produttivi. Ma la disciplina non durò.

READ  Un ministro italiano sostiene i corridoi umanitari dell'UNHCR

Credito a buon mercato è stato sottratto alla Cina per progetti di elefanti che stimolano l’ego senza preoccuparsi di costi adeguati e a condizioni che ora lasciano sempre più i paesi intrappolati, con la probabilità di insolvenza sempre più alta.

Lo Zambia, che è già inadempiente sui suoi prestiti cinesi, è un tipico esempio. I prestiti cinesi sono stati molto determinanti nella costruzione di nuove infrastrutture, che vanno da un nuovo aeroporto internazionale a capacità di generazione di energia aggiuntiva.

Con un surplus di potenza di almeno 1.000 megawatt, lo Zambia ha qualcosa da mostrare in termini di esplosione del debito. Tuttavia, lo Zambia non è più in grado di adempiere ai propri obblighi di servizio del debito nei termini originali.

Poiché la Cina è nuova a tutta questa sofisticatezza altamente ripetitiva con i prestiti africani, il caso Zambia è anche un’opportunità per la Cina di dimostrare la sua capacità di gestire le fluttuazioni uniche che derivano dai prestiti alle economie africane che di solito amano rosicchiare più di quanto possano masticare .

Una versione rivista è stata originariamente pubblicata dall’Istituto Internazionale Italiano

Studi politici a Milano, Italia. Vedi link vale a dire. https://www.ispionline.it/pubblicazione/crisi-del-debito-ci-risiamo-36083

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post 20 quadrilioni di formiche stanno vagando per la terra in questo momento, secondo i calcoli degli scienziati
Next Post Un video clip mostra un uccello che vola su un aereo militare statunitense, facendolo schiantare