Ucraina all’età di 30 anni: Andrei Shevchenko ha trascorso tre decenni come ambasciatore non ufficiale

Un ritratto del leggendario calciatore ucraino e attuale allenatore della nazionale Andriy Shevchenko durante il Campionato Europeo 2020 (Reuters/Robert Perry)

Poiché l’Ucraina è lentamente emersa dall’anonimato internazionale dal 1991, le star dello sport ucraine hanno spesso svolto un ruolo di primo piano nel mettere il paese sul radar globale. La ginnasta campionessa olimpica Lilia Podkobayeva ne è stata un primo esempio, conquistando l’oro alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996. Nel frattempo, la presenza ucraina nel mondo della boxe era sproporzionatamente ampia, non da ultimo grazie al dominio senza precedenti della divisione dei pesi massimi. fratelli dai primi anni 2000 alla metà degli anni 2000. Tuttavia, l’Ucraina ha ricevuto la massima attenzione internazionale nel campo del calcio, dal momento che nessuno ha fatto più promozione del marchio ucraino di Andriy Shevchenko.

Dalla sua prima apparizione sulla scena a metà degli anni ’90, il quarantaquattrenne Shevchenko è stato semplicemente l’ucraino più famoso al mondo. Grazie ai suoi recenti exploit come allenatore a Euro 2020, ora ha fatto notizia in quattro decenni separati. Durante questo periodo, Shevchenko ha costantemente rappresentato il suo paese con una riuscita combinazione di abilità e classe.

Andrei Shevchenko ha esordito con la Dynamo Kiev nel 1994 a soli diciotto anni. Ha fatto irruzione sulla scena internazionale nel 1997, annunciando il suo arrivo con una splendida tripletta nel primo tempo contro il Barcellona in Catalogna, quando la Dynamo Kiev si è assicurata un’indimenticabile vittoria per 4-0 in Champions League sui giganti spagnoli. Il risultato rimane la più grande sconfitta casalinga del Barcellona nella competizione europea. Ha inviato onde d’urto nel calcio mondiale e ha reso Shevchenko uno dei momenti salienti del gioco durante la notte.

La stagione successiva, Shevchenko guidò l’attacco mentre la Dinamo Kiev si avvicinava alla gloria in Champions League grazie a vittorie impressionanti su giocatori del calibro di Real Madrid e Arsenal. La Dynamo è passata alle semifinali della competizione, rinunciando al vantaggio per 3-1 in casa contro il Bayern Monaco per poi perdere un pareggio complessivo 4-3.

READ  Il boom economico del Regno Unito ha colto il mondo di sorpresa

Questa campagna di Champions League doveva dimostrare l’ultimo grande contributo di Shevchenko al suo club d’infanzia. Nell’estate del 1999, ha completato un contratto di trasferimento di 25 milioni di dollari dalla Dinamo Kiev alla potenza italiana AC Milan.

Iscriviti per ricevere le ultime da UkraineAlert

UkraineAlert è una pubblicazione online completa che fornisce regolarmente notizie e analisi sugli sviluppi della politica, dell’economia, della società civile e della cultura in Ucraina.

Durante i primi anni 2000, Shevchenko regnava come re senza corona di Milano. Ha iniziato a correre, ha riscosso un successo immediato con i tifosi del Milan e ha concluso la sua prima stagione da capocannoniere in Serie A con 24 gol in 32 partite. Questo standard è stato fissato per i prossimi sei anni di eccellenza.

I suoi gol hanno contribuito a garantire una serie di titoli per il Milan, tra cui la UEFA Champions League del 2003 e il titolo di Serie A del 2004. Quando ha lasciato il club nell’estate del 2006, aveva segnato ben 175 gol in 296 partite, rendendolo il secondo miglior marcatore nella storia del club.

Il periodo di Shevchenko a Milano lo ha spinto nelle prime file delle star dello sport mondiale. Ha ottenuto una serie sorprendente di lucrosi accordi di sponsorizzazione, ha attirato l’attenzione dei media incessantemente ed è diventato un amico personale di celebrità come la leggenda della moda Giorgio Armani. Shevchenko ha infatti incontrato la sua futura moglie, la modella americana Kristen Pazik, ad un party di Armani a Milano. È stato anche insignito personalmente del prestigioso Pallone d’Oro in onore del miglior giocatore di calcio del mondo, vinto da Shevchenko nel 2004.

I riflettori internazionali su Shevchenko hanno aiutato a tirare fuori dall’ombra la stessa Ucraina. Grazie al prestigio della Serie A italiana negli anni 2000, l’attaccante ucraino ha goduto di una fama mondiale senza pari. Ovunque gli ucraini viaggiassero durante i primi anni del 21° secolo, incontravano spesso persone la cui conoscenza dell’Ucraina iniziava e terminava con le imprese italiane di Andrei Shevchenko. Questo ha fatto un bel cambiamento rispetto alla risposta più comune agli sguardi vuoti o alle spiacevoli associazioni con il disastro nucleare di Chernobyl e l’Unione Sovietica.

READ  Coronavirus più recente: facilitare i blocchi aumenta Snap quando gli utenti tornano sui social media

Dopo i massimi del Milan, la successiva carriera da giocatore di Shevchenko si stava rivelando un po’ anti-climatica. Il suo periodo di tre anni con il Chelsea in Premier League si è concluso senza molto clamore, ed è stato seguito da un deludente ritorno alla Dynamo Kiev.

Alla fine, Shevchenko ha in qualche modo abbassato il sipario sulla sua carriera calcistica, segnando entrambi i gol mentre l’Ucraina ha segnato la sua prima vittoria in assoluto in un Campionato Europeo nell’estate del 2012 con una vittoria per 2-1 sulla Svezia a Kiev. Questa gloria a Euro 2012 è stata la degna conclusione della carriera della leggenda internazionale ucraina. Dopo aver vinto il suo primo titolo da adolescente nel 1995, Shevchenko ha guidato l’Ucraina ai quarti di finale della Coppa del Mondo nel 2006. Rimane il capocannoniere di tutti i tempi dell’Ucraina con 48 gol in 111 partite.

Dopo aver appeso le scarpe al chiodo, Shevchenko ha intrapreso una breve e vergognosa incursione nella politica ucraina prima di tornare al calcio in una nuova posizione di allenatore. Sulla base della sua illustre reputazione come giocatore, l’inesperto Shevchenko è stato rivelato come allenatore della squadra nazionale ucraina nel 2016. Non molti sono rimasti colpiti inizialmente da questa nomina, ma Shevchenko ha continuato a dimostrare che i suoi scettici si sbagliavano.

L’ex ragazzo d’oro ha guidato l’Ucraina a Euro 2020 prima di essere incoronato campione europeo del Portogallo. Quest’estate ha guidato la squadra ucraina alla sua prima apparizione nei quarti di finale del posticipo Euro 2020. Durante Euro 2020, la copertura mediatica internazionale dell’Ucraina ha avuto la tendenza a concentrarsi su Shevchenko, confermando il suo status duraturo di volto più famoso e mascotte globale del paese.

Durante la sua carriera, Andrei Shevchenko non è stato affatto un patriota schietto. Ha infatti affrontato critiche per essersi rifiutato di parlare ucraino durante le conferenze stampa, e ha allontanato alcuni estimatori delle sue scelte politiche. Tuttavia, negli ultimi 25 anni, Shevchenko probabilmente ha fatto più di ogni altro individuo per elevare la posizione internazionale dell’Ucraina e creare un’impressione positiva del paese sulla scena mondiale.

READ  RWE completa la costruzione di un parco eolico italiano - reNews

A volte gli stranieri che visitano l’Ucraina per la prima volta presumono erroneamente che molte strade, parchi e viali chiamati in onore del poeta nazionale Taras Shevchenko siano in realtà in onore dell’omonimo giocatore di football Andrei. Sebbene sia senza dubbio troppo presto per iniziare a riconoscere Andrey Shevchenko in questo modo, è sicuramente solo questione di tempo prima che vengano riconosciuti i suoi contributi storici come ambasciatore non ufficiale per l’Ucraina indipendente.

Peter Dickinson è redattore presso l’Atlantic Council UkraineAlert Service.

lettura approfondita

Le opinioni espresse su UkraineAlert sono solo quelle degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni del Consiglio Atlantico, dei suoi dipendenti o sostenitori.

Leggi di più da UkraineAlert

UkraineAlert è una pubblicazione online completa che fornisce regolarmente notizie e analisi sugli sviluppi della politica, dell’economia, della società civile e della cultura in Ucraina.

Leggi di più

Il Centro Eurasia La missione di promuovere la cooperazione transatlantica è promuovere la stabilità, i valori democratici e la prosperità in Eurasia, dall’Europa orientale e dalla Turchia a ovest fino al Caucaso, alla Russia e all’Asia centrale a est.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Lupita Nyong’o e Mark Hamill vincono alla grande ai Daytime Emmy Awards 2021
Next Post Pellegrini scalano il Monte Arafat al culmine dell’era infettiva Hajj