Uccelli e mammiferi perduti stanno uccidendo alcune piante

Pettirosso americano che mangia bacca invernale. I piccoli uccelli come i pettirossi di solito disperdono i semi su distanze relativamente brevi. credito: Paul D

In uno dei primi studi di questo genere, i ricercatori hanno misurato in che modo la perdita di biodiversità di uccelli e mammiferi influenzerà le possibilità delle piante di adattarsi al riscaldamento climatico causato dall’uomo.


Più della metà delle specie vegetali dipendono dagli animali per disperdere i loro semi. In uno studio apparso sulla copertina del numero di questa settimana di ScienzaRicercatori degli Stati Uniti e della Danimarca hanno dimostrato che la capacità delle piante disperse dagli animali di stare al passo con i cambiamenti climatici è stata ridotta del 60% a causa della perdita di mammiferi e uccelli che aiutano tali piante ad adattarsi ai cambiamenti ambientali.

I ricercatori della Rice University, dell’Università del Maryland, dell’Iowa State University e dell’Università di Aarhus hanno utilizzato l’apprendimento automatico e i dati di migliaia di studi sul campo per mappare i contributi degli uccelli e dei mammiferi che disperdono i semi in tutto il mondo. Capire La gravità dei caliI ricercatori hanno confrontato le mappe di dispersione dei semi di oggi con mappe che mostrano come sarebbe la dispersione senza le estinzioni causate dall’uomo o le limitazioni della gamma di specie.

“Alcune piante vivono centinaia di anni e la loro unica possibilità di muoversi è durante il breve periodo in cui sono un seme che si muove attraverso il paesaggio”, ha affermato l’ecologo della Rice Evan Frick, primo autore dello studio.

Con il cambiamento climatico, molte specie vegetali dovrebbero trasferirsi in un ambiente più adatto. Le piante che dipendono dagli spandiconcime potrebbero estinguersi se ci sono troppo pochi animali per spostare i loro semi abbastanza lontano da stare al passo con le mutevoli condizioni.

“Se non ci sono animali disponibili per mangiare i loro frutti o portare le loro noci, le piante che gli animali hanno disseminato non si spostano lontano”, ha detto.

Molte delle piante da cui le persone dipendono, sia economicamente che ecologicamente, dipendono dagli uccelli e dai mammiferi che disperdono i semi, ha affermato Frick, che ha condotto la ricerca durante una borsa di studio post-dottorato presso il National Social and Environmental Synthesis Center (SESYNC) dell’Università del Maryland. I coautori Alejandro Ordonez e Jens Christian Svening di Aarhus e Halder Rogers di Iowa.

Frick ha affermato che lo studio è il primo del suo genere a quantificare l’entità del problema della dispersione dei semi a livello globale e identificare le aree più colpite. Gli autori hanno utilizzato i dati sintetizzati da studi sul campo in tutto il mondo per addestrare un modello di apprendimento automatico della dispersione dei semi, quindi hanno utilizzato il modello addestrato per stimare la perdita di dispersione del monitoraggio del clima causata dal degrado degli animali.

Ha affermato che lo sviluppo di stime sulla perdita di dispersione dei semi richiederebbe due importanti progressi tecnici.

“In primo luogo, avevamo bisogno di un modo per prevedere le interazioni di dispersione dei semi che si verificano tra piante e animali in qualsiasi parte del mondo”, ha affermato Frick.

Modellando i dati sulle reti di interazioni tra specie provenienti da oltre 400 studi sul campo, i ricercatori hanno scoperto che potrebbero utilizzare i dati sui tratti vegetali e animali per prevedere con precisione le interazioni tra piante e derivati ​​dei semi.

“In secondo luogo, dovevamo modellare il modo in cui ogni interazione pianta-animale influenzava la dispersione dei semi”, ha affermato. “Ad esempio, quando un animale mangia un frutto, può distruggere i semi o disperderli entro pochi metri o diversi chilometri”.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di migliaia di studi che hanno esaminato quanti semi si diffondono alcune specie di uccelli e mammiferi, quanto erano comuni e quanto bene quei semi germinavano.

ha affermato Doug Levy, direttore del programma per la Direzione delle scienze biologiche della National Science Foundation, che ha finanziato in parte il lavoro.

Lo studio ha mostrato che le perdite per dispersione dei semi erano particolarmente gravi nelle regioni temperate del Nord America, Europa, Sud America e Australia. Se le specie in via di estinzione si estinguessero, i tropici del Sud America, dell’Africa e del sud-est asiatico sarebbero i più colpiti.

“Abbiamo trovato aree in cui la prevalenza dei semi per il tracciamento climatico è stata ridotta del 95%, anche se hanno perso solo una piccola percentuale di mammiferi e specie di uccelli”, ha detto Frick.

Uccelli e mammiferi perduti stanno uccidendo alcune piante

Orso nero che mangia biancospino I grandi animali possono disperdere i semi su grandi distanze, ma molti derivati ​​dei semi di grandi dimensioni sono estinti o in declino. credito: Paul D

Frick ha affermato che la riduzione della dispersione dei semi evidenzia un’importante intersezione tra le crisi climatiche e della biodiversità.

“La biodiversità degli animali che disperdono i semi è fondamentale per la resilienza climatica delle piante, inclusa la loro capacità di continuare a immagazzinare carbonio e nutrire le persone”, ha affermato.

Frick ha affermato che il ripristino dell’ecosistema per migliorare la connessione agli habitat naturali potrebbe invertire parte del calo della dispersione dei semi.

“I grandi mammiferi e gli uccelli sono particolarmente importanti come disperditori di semi a lunga distanza e sono stati ampiamente persi dagli ecosistemi naturali”, ha affermato Svening, autore senior dello studio, professore e direttore presso il Center for Biodiversity Dynamics in a Changing World presso l’Università di Aarhus. “La ricerca evidenzia la necessità del recupero degli animali per garantire un’efficace dispersione di fronte al rapido cambiamento climatico”.

“Quando perdiamo mammiferi e uccelli dagli ecosistemi, non perdiamo solo specie”, ha affermato Frick. “L’estinzione e la perdita di reti ecologiche complesse danneggiano l’habitat. Questo studio mostra che il degrado degli animali può interrompere le reti ecologiche in modi che minacciano la resilienza di interi ecosistemi per adattarsi ai cambiamenti climatici”. Le persone dipendono da questo”.


La capacità di elaborare i semi è fondamentale per la dispersione dei semi nelle foreste pluviali tropicali


maggiori informazioni:
Evan C. Frick, Effetti dell’inciampare sulla capacità delle piante di monitorare il cambiamento climatico, Scienza (2022). DOI: 10.1126 / science.abk3510. www.science.org/doi/10.1126/science.abk3510

Presentato dalla Rice University

la citazione: Lost Birds and Mammals Kill Some Plants (2022, 13 gennaio) Estratto il 13 gennaio 2022 da https://phys.org/news/2022-01-lost-birds-mammals-doom.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

READ  Qui potrai finalmente vedere l'elicottero Marte in volo - BGR
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il principe Andrea rinuncia ai titoli militari, patrocinio: Il palazzo
Next Post Indicatore di forza della Serie A: Dybala cerca di rinnovare la Juventus, il Napoli prevede di lasciare Insigne dal Toronto FC e altro ancora