Tutti i serpenti viventi si sono evoluti da alcuni sopravvissuti a un asteroide che uccide i dinosauri

Tutti i serpenti viventi si sono evoluti da una manciata di specie sopravvissute al gigantesco impatto di un asteroide che ha spazzato via i dinosauri e la maggior parte degli altri esseri viventi alla fine del periodo Cretaceo. Attestazione: Joschua Knuppe

La ricerca del Milner Center for Evolution suggerisce che i serpenti moderni si sono evoluti da una manciata di antenati sopravvissuti all’asteroide che ha ucciso i dinosauri.

Un nuovo studio suggerisce che tutti i serpenti viventi si sono evoluti da una manciata di specie sopravvissute all’impatto dell’asteroide gigante che ha spazzato via i dinosauri e la maggior parte degli altri esseri viventi alla fine del mondo. gessoso. Gli autori affermano che questo devastante evento di estinzione è stata una forma di “distruzione creativa” che ha permesso ai serpenti di diversificarsi in nuove aree che i loro concorrenti avevano precedentemente occupato.

Ricerca pubblicata in Connessioni con la natura, mostra che i serpenti, tra cui oggi quasi 4.000 specie viventi, hanno iniziato a diversificarsi nel periodo in cui un impatto extraterrestre ha spazzato via i dinosauri e la maggior parte delle altre specie sul pianeta.

Lo studio, condotto da scienziati dell’Università di Bath e che includeva collaboratori di Bristol, Cambridge e Germania, ha utilizzato fossili e ha analizzato le differenze genetiche tra i serpenti moderni per ricostruire l’evoluzione dei serpenti. Le analisi hanno aiutato a individuare quando si sono evoluti i serpenti moderni.

I loro risultati mostrano che tutti i serpenti viventi appartengono a una manciata di specie sopravvissute all’impatto dell’asteroide 66 milioni di anni fa, la stessa estinzione che ha spazzato via i dinosauri.

Gli autori sostengono che la capacità dei serpenti di scavare sottoterra e di restare per lunghi periodi senza cibo li ha aiutati a sopravvivere agli effetti devastanti dell’impatto. In seguito, l’estinzione dei loro rivali, inclusi i serpenti del Cretaceo e gli stessi dinosauri, permise ai serpenti di spostarsi in nuove nicchie, nuovi habitat e nuovi continenti.

READ  L'ultima nave senza equipaggio di SpaceX torna in porto dopo che il suo primo razzo è atterrato in mare (foto e video)

Successivamente i serpenti iniziarono a diversificarsi, producendo sottospecie come vipere, cobra, serpi giarrettiera, pitoni e boa, sfruttando nuovi habitat e nuove prede. La diversità dei serpenti moderni, inclusi serpenti degli alberi, serpenti marini, vipere velenose e cobra e enormi anguille come boa e pitoni, è emersa solo dopo l’estinzione dei dinosauri.

I fossili mostrano anche un cambiamento nella forma delle vertebre del serpente in seguito all’estinzione dei lignaggi del Cretaceo e all’emergere di nuovi gruppi, tra cui serpenti marini giganti lunghi fino a 10 metri.

“È notevole, perché non solo stanno sopravvivendo all’estinzione che ha spazzato via molti altri animali, ma nel giro di pochi milioni di anni stanno innovando, usando i loro habitat in modi nuovi”, ha detto l’autore principale e neolaureato all’Università di Bath, Dr. alla Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) in Germania.

Lo studio indica anche che i serpenti hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo in questo periodo. Sebbene gli antenati dei serpenti viventi possano aver vissuto da qualche parte nell’emisfero australe, i serpenti sembrano essersi diffusi in Asia dopo l’estinzione.

Il dottor Nick Longrich, del Milner Center for Evolution dell’Università di Bath e autore corrispondente, ha dichiarato: “La nostra ricerca suggerisce che l’estinzione sia stata una forma di “distruzione creativa” – eliminando le specie antiche, ha permesso ai sopravvissuti di sfruttare le lacune nell’ecosistema e per sperimentare nuovi stili di vita e habitat. .

“Questa sembra essere una caratteristica generale dell’evoluzione: sono i periodi immediatamente successivi alle grandi estinzioni in cui vediamo l’evoluzione nel suo stato più sperimentale e innovativo.

“La distruzione della biodiversità fa emergere nuove cose e colonizzare nuove aree di terra. Alla fine la vita diventa più diversificata di prima”.

READ  SpaceX è destinato a porre fine al divario più lungo tra i lanci di Falcon in due anni

Lo studio ha anche trovato prove di un secondo importante evento di diversificazione nel periodo in cui il mondo è passato da un clima caldo “serra” a un clima freddo “ghiacciaia”, che ha visto la formazione di calotte polari e l’inizio delle ere glaciali.

I modelli osservati nei serpenti suggeriscono un ruolo chiave per i disastri – disturbi ambientali gravi, rapidi e globali – nel guidare il cambiamento evolutivo.

Riferimento: “Evoluzione e dispersione dei serpenti attraverso le estinzioni di massa del Cretaceo e del Paleogene” di Catherine J. Klein, David Pisani, Daniel J. Field, Rebecca Lakin, Matthew A. Wells e Nicholas R. Longrich, 14 settembre 2021, Connessioni con la natura.
DOI: 10.1038 / s41467-021-25136-y

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Notizie F1 2021, Daniel Ricciardo, McLaren, vittoria del Gran Premio d’Italia, classifica piloti, visione del mondo, ultima, prossima gara
Next Post Andrew Garfield afferma che Tom Holland è l’Uomo Ragno “perfetto”