Turchia, Pakistan e Qatar non possono essere i primi a riconoscere il governo talebano | notizie dal mondo

Nuova Delhi: Persone che hanno familiarità con gli sviluppi hanno affermato che Pakistan e Qatar stanno lottando per l’influenza in Afghanistan e sembrano lavorare per il riconoscimento della formazione dei talebani a Kabul tra le persistenti preoccupazioni per la sicurezza all’interno della comunità internazionale.

Tuttavia, la Turchia, che è emersa come uno dei principali attori in Afghanistan e ha svolto un ruolo importante nel ripristino dell’aeroporto di Kabul, ha collegato un ruolo maggiore nel paese devastato dalla guerra alla formazione di un governo inclusivo da parte dei talebani.

Le suddette persone, a condizione di anonimato, hanno affermato che Pakistan e Qatar potrebbero diventare i primi due paesi Riconoscimento del governo provvisorio talebano. Entrambi i paesi hanno inviato alti comandanti in Afghanistan dopo le segnalazioni di disaccordi all’interno dei talebani sulla divisione delle responsabilità e la condivisione del potere.

Gen Faiz HameedIl capo dell’Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan si è precipitato in Afghanistan all’inizio di settembre, poco dopo aver ricevuto le prime notizie di disaccordi all’interno della leadership talebana sulla formazione di un sistema di governo. Il ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, ha visitato Kabul circa una settimana dopo e ha tenuto colloqui con alti leader talebani, tra cui il primo ministro Mohammed Hassan Akhund.

La gente ha detto che il tenente generale Hamid ha svolto un ruolo chiave nell’aiutare a modellare l’assetto temporaneo a Kabul, dove la maggior parte delle posizioni importanti sono state date ai militanti della rete Haqqani e alla fazione talebana di Kandahar. La mossa ha anche emarginato i leader talebani che sono visti come più moderati e al di fuori della sfera di influenza pakistana, come Abdul Ghani Baradar.

READ  Il presidente turco dice che Joe Biden ha "mani insanguinate" per il suo sostegno a Israele

Anche Pakistan e Qatar hanno esercitato pressioni sulla comunità internazionale affinché si occupi dei talebani. In una recente intervista ad Al Jazeera, il ministro degli Esteri pakistano Shah Mahmood Qureshi ha affermato che la comunità internazionale deve affrontare la “nuova realtà” di Kabul e sbloccare i beni afghani in modo che il Paese possa affrontare una crisi umanitaria.

Anche l’emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani, durante il suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il mese scorso, ha esortato i leader mondiali a raggiungere i talebani. Ha sottolineato, “la necessità di continuare il dialogo con i talebani perché il boicottaggio porta solo alla polarizzazione e alle reazioni, mentre il dialogo può portare risultati positivi”.

“Queste sono chiare indicazioni che Pakistan e Qatar stanno facendo pressioni sugli altri affinché adottino misure che aiutino i loro sforzi per riconoscere il regime talebano”, ha affermato un diplomatico di un paese della regione, che ha rifiutato di essere nominato.

La Turchia, che è emersa come base per molti ex ministri e legislatori afgani dopo l’acquisizione di Kabul da parte dei talebani il 15 agosto, ha adottato una posizione più sfumata. Anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha collegato le operazioni all’aeroporto di Kabul con la formazione di un governo “inclusivo” in Afghanistan che includa tutte le fazioni e le donne.

Leggi anche: I talebani affrontano il passaggio dalla guerra alla polizia per le strade

“Finché questa è la domanda, non saremo presenti in Afghanistan, ma se il governo è più inclusivo, possiamo essere lì, presenti, come la Turchia”, ha detto il mese scorso.

READ  Singapore limita l'ingresso ai titolari di permesso di lavoro in mezzo all'escalation di COVID-19 in India

La Turchia è anche focalizzata sulla tutela degli interessi dei grandi gruppi turchi che rappresentano poco più del 10% della popolazione afgana.

L’India ha messo in guardia il mondo dalla fretta di riconoscere la formazione dei talebani, affermando che non è completa e si è formata senza negoziati. È anche preoccupato per il ruolo e l’influenza del Pakistan sui talebani.

Non sarebbe sorprendente se Pakistan e Qatar riconoscessero la formazione dei talebani, ha affermato Sameer Patel, collega in studi sulla sicurezza internazionale presso Gateway House, anche se altri paesi, inclusa la Cina, hanno adottato un approccio attendista.

Dalla formazione del governo ad interim talebano, è diventato chiaro che ciò che gli elementi talebani a Doha stavano pianificando era un fronte. Questa disposizione ha smentito le aspettative della maggior parte dei paesi, che non vogliono riconoscere un sistema che includa personale bandito dalle Nazioni Unite. Ha detto che la Cina, in quanto membro del Gruppo dei Cinque del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è improbabile che faccia qualcosa per complicare la sua ricerca di leadership globale.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione: Il nuovo romanzo di Rodrip di Amore Dowels ‘The Lincoln Highway’
Next Post Come guardare Super Smash Bros. Rivelazione definitiva del combattente DLC finale