“The Lehman Trilogy” segna un ritorno a Broadway

NEW YORK (Associated Press) – La “Lehman Trilogy” ha gestito solo quattro spettacoli in anteprima a Broadway prima che la pandemia chiudesse i battenti. Ora ha intenzione di tornare per raccontare la storia della caduta di un gigante finanziario americano con un nuovo membro del cast.

L’opera teatrale di Stefano Masini su ciò che ha portato al crollo della Lehman Brothers – adattata da Ben Power e diretta da Sam Mendes – aggiungerà Adrian Lester, in sostituzione di Ben Miles, unendosi a Simon Russell Bell e Adam Godley. I produttori mirano a riaprire il 25 settembre al Nederlander Theatre. I biglietti saranno in vendita dal 9 giugno.

“L’antenna del pubblico di New York è semplicemente il paradiso. Hanno vissuto quella storia. Lo sanno meglio di chiunque altro”, ha detto il produttore Caro Newling, che supervisiona i progetti teatrali alla Neal Street Productions. “Il pubblico era vivo ad ogni svolta e avanti e indietro. .Ottima conoscenza, ovviamente. Quindi spero che tornino”.

Con una durata di 150 anni e una durata di tre ore e mezza, “Lehman’s Trilogy” illustra il percorso del capitalismo occidentale seguendo le fortune di una famiglia nel tracollo finanziario del 2008, quando la loro azienda di Wall Street ha dichiarato bancarotta.

“Mentre osserviamo lo svolgersi dello spettacolo, vediamo la famiglia crescere in ricchezza e prestigio, ma dobbiamo chiederci, quando ‘abbastanza’ diventa ‘troppo'”, ha detto Lester. “Il loro capitalismo è inizialmente guidato dalla paura e dall’insicurezza, fino a, anni dopo, semplicemente dal bisogno di altro”. Non vedo l’ora di lavorare”.

Per Lester, è un momento perfetto. Inizialmente gli era stato chiesto di far parte di un trio di attori quando lo spettacolo è arrivato per la prima volta al Lyttelton National Theatre nel 2018. Ma il suo programma non sembrava adattarsi. Il gioco ha continuato a funzionare fuori Broadway e poi l’arco del West End. La versione inglese è una maratona: tre attori eseguono 185 giri.

READ  È troppo debole per sopravvivere


“Ne parlerò con uno dei migliori registi del gioco, con attori che amo davvero, in un’opera teatrale che ci chiede di raccontare una storia di famiglia che ci sfiderà sia fisicamente che intellettualmente. Non c’è nessun posto dove nascondere su quel palco”, ha detto Lister, che ha recitato in un film di Mike Nicole Colori primari” e ha ricevuto l’Olivier Prize al revival londinese del 1995 di “The Company”, Lister ha detto, “In ogni momento di ogni spettacolo, dobbiamo essere al nostro meglio.”

Newling, che era al telefono da Londra, ha detto che spera di avere produzioni a San Francisco e Los Angeles il prossimo anno.

“È una storia che penso sarà infinitamente affascinante in tutto il mondo. Certo, è la tua storia. Ma abbiamo tutti vissuto con le sue ramificazioni. Lo capiamo in modo diverso, ma sappiamo quanto sia importante in molti modi per quello che noi sto ancora cercando di capire adesso.”

Per ora non vede l’ora di tornare sul palco e rivedere il gruppo.

“L’abbiamo lasciato lì. È chiuso a chiave come la Bella Addormentata nel bosco. Finché i topi non masticano i fili, potremo camminare e accendere le luci.”

___

Mark Kennedy in http://twitter.com/KennedyTwits

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una donna sieropositiva è stata infettata da MERS per 216 giorni. Il virus è mutato almeno 30 volte al suo interno.
Next Post Il Covid-19 ha colpito l’Everest, ma non ha fermato la stagione delle scalate