The Hole in the Fence di Joaquin del Paso vince il primo premio al Cairo Film Festival

regista messicano Il nuovo dramma di Joaquin del Paso “The Hole in the Fence”, ambientato in un campo religioso maschile nelle zone rurali del Messico, ha vinto il primo premio del Cairo Film Festival, la Piramide d’Oro, domenica, chiudendo la vibrante 43a edizione del Cairo Film Festival. . Un notevole evento arabo tenutosi di persona nonostante l’imminente minaccia della variante del virus Corona Omicron.

Sebbene ci siano state alcune cancellazioni dell’ultimo minuto, la maggior parte dei partecipanti internazionali ha effettuato il viaggio al Cairo senza controllo, incluso jIl presidente della giuria Emir Kusturica, il produttore americano Lawrence Bender e Toure Fremaux a Cannes – il maestro di cerimonie l’ha chiamata “Re della Croisette”. Gli ultimi due sono stati insigniti di premi a vita durante l’affascinante cerimonia di chiusura al Cairo Opera House.

“Hole in the Fence”, presentata per la prima volta al mondo a Venezia, è la seconda opera di del Paso dopo di lui Panamerican Machinery, che ha avuto molto successo dopo il suo lancio da Berlino nel 2016. “Hole” Esplora l’esperienza di un gruppo di ragazzi Da una prestigiosa scuola privata riunita Al campo scuola estivo dove erano Ricevere una formazione fisica, morale e religiosa. Rilevare un buco nella recinzione circostante crea una catena Un evento sempre più inquietante.

I film italiani hanno vinto due importanti premi al Cairo con Small Body di Laura Samani, un dramma del XIX secolo che include Empowerment of Women, Catholic Culture and Gender Fluidity, Silver Pyramid per la migliore regia e Swami Rotolo hanno vinto la migliore attrice per la sua potente interpretazione in “A Chiara” di Jonas Carpignano, come una giovane donna che scopre gradualmente di essere una famiglia unita con legami alla criminalità organizzata.

READ  Will Ferrell e Ryan Reynolds affrontano la tendenza virale dell'armonia di TikTok

Il premio come miglior attore è andato a attore egiziano Maometto Mamdouh per il suo ruolo centrale in Il dramma di Nadine Khan nel secondo anno “Abu Saddam” in cui suona Camionista veterano impegnato in una missione di trasporto particolarmente impegnativa e complessa.

Il film “The Stranger” del regista siriano Amir Fakher El-Din, che ruota attorno a un medico che attraversa una crisi esistenziale nelle alture occupate del Golan, ha vinto l’Arab Film Award in tutte le sezioni. Beck è l’ingresso della Palestina nell’International Academy Award.

“Memory Box” di Il duo libanese Joanna Hadjitomas e Khalil Joreige, che hanno utilizzato riviste e registrazioni audio realizzate durante la loro crescita a Beirut negli anni ’80 per lavori sperimentali su memoria e resistenza, hanno vinto il premio come miglior film nella competizione del cinema arabo.

Tutti hanno detto il 26 novembre-dicembre. Il quinto evento, l’unico festival nel mondo arabo ad aver ottenuto lo status di categoria A dalla Federazione internazionale delle associazioni dei produttori cinematografici di Parigi (FIAPF), ha realizzato un’impresa indimenticabile di fronte a vari fattori dirompenti. Oltre al COVID, questo ha incluso anche un’escalation di competizione sul circuito arabo con l’arrivo del Red Sea Festival in Arabia Saudita, che divide il Cairo con la sua prima edizione lunedì, anche come evento personale.

“Prima di tutto, sono davvero contento che non abbiamo sentito niente [COVID] Lo ha detto Mohamed Hefzy, capo del Festival del Cairo. “E spero che continui così dopo la chiusura”.

“Ovviamente siamo ancora molto cauti. Direi che questa è l’ultima uscita in cui dobbiamo preoccuparci del COVID, ma devo essere realista: chissà cosa accadrà”.

Hefzy ha notato che ci sono stati alcuni ospiti del settore che l’hanno cancellato e che alcuni registi sono bloccati nei loro paesi. “Era complicato”, ha osservato. “Ma siamo riusciti ad affrontarlo e sopravvivere”.

READ  Il governo pakistano di Khyber Pakhtunkhwa offre le condoglianze per la morte di Dilip Kumar

Vincitori del Cairo Film Festival 2021

competizione internazionale

La piramide d’oro per il miglior film
“The Hole in the Fence” (Messico, Polonia)
Regia: Joaquin Del Paso Produttori: Fernanda de la Pisa, Joaquin Del Paso

Silver Pyramid – Premio speciale della giuria per il miglior regista

“piccolo corpo” (Italia, Francia, Slovenia)

Regia: Laura Samani

Premio Bronze Pyramid per la migliore opera prima o seconda di un regista

“Aller” (Corea del Sud)

Direttore: Hong Seong Yoon

Premio attrice

“Swamy Rotolo” per la sua interpretazione in “A Chiara” (Italia, Francia)

Regia: Jonas Carpignano

Premio attore

Muhammad Mamdough per la sua interpretazione in “Abu Saddam” (Egitto).

Regia: Nadine Khan

Premio Naguib Mahfouz per la migliore sceneggiatura

Peter Kereks, Ivan Ostrochovsky per “107 Mothers” (Slovacchia, Repubblica Ceca, Ucraina)

Regia: Peter Kereks

Premio Henri Barakat per il miglior contributo artistico

José Angel Allion per la fotografia di “Essi portano la morte” (Spagna, Colombia)

Regia: Helena Geron, Samuel M. Delgado

Scegliere il miglior film arabo in uno dei tre concorsi

$ 10.000 (forniti dai produttori del film)

Al-Gharib Amir Fakher Al-Din (Siria, Palestina, Germania).

Produttori: Tony Kopti, Jerrys Kopti, Dorothy Penmeyer

avviso speciale

“Viasco”, Nicolas Khoury (Libano, Paesi Bassi)

Concorso Nuovi Orizzonti del Cinema Arabo

Premio Saad Eddin Wahba per il miglior film arabo

“The Memory Box” Joanna Hadjithomas, Khalil Joreige (Libano, Francia)

Premio Salah Abu Seif – Premio speciale della giuria

“Viasco”, Nicolas Khoury (Libano, Paesi Bassi)

Premio Realtà Film

Dal Cairo, Hala Galal (Egitto)

Premio per la recitazione

Afaf bin Mahmoud sulla sua performance in “Streets”.

Menzione speciale della giuria

READ  Jordin Sparks è coinvolto con Michael Xavier in "Christmas Treasure"

“Seconda vita”, Anis Lassaoud (Tunisia)

Premio Youssef Cherif Rizkallah – premio del pubblico

“Figlie di Abd al-Rahman” Zaid Abu Hamdan (Giordania).

Concorso Settimana Internazionale della Critica

Premio Shadi Abdel Salam per il miglior film

Al-Gharib Amir Fakher Al-Din (Siria, Palestina, Germania).

Premio Fathy Farag – Premio Speciale della Giuria

“Wild Roots”, Hajni Kiss (Ungheria e Slovacchia)

menzione speciale

L’attrice Arcelia Ramirez per la sua interpretazione in “La Civil”

Regia di Teodora Anna Mihai (Belgio, Romania e Messico)

Premio Fipresci

“Domani”, Dhafer Abdeen (Tunisia).

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le alghe verdi possono aiutare a prevenire che il virus COVID-19 colpisca le cellule umane: Studio
Next Post Interruzione della catena di approvvigionamento e variabile Omicron per rallentare la ripresa del Regno Unito; Calo degli ordini di fabbrica tedeschi – Business Live | un lavoro