Tempesta solare: la NASA avverte di un “grande” bagliore che colpisce la Terra: “Colpo diretto ad Halloween” | scienza | Notizia

Un grande brillamento solare è scoppiato ieri dal sole nella tempesta più potente che l’attuale ciclo meteorologico abbia mai visto. Ha lanciato quello che è noto come un brillamento solare di classe X1, il più potente del suo genere, che ha raggiunto il picco alle 15:30, secondo i rapporti. I funzionari della NASA lo hanno descritto come un “importante brillamento solare”, aggiungendo che è stato catturato in video in tempo reale dal Solar Dynamics Observatory dell’agenzia spaziale.

Ora, un’espulsione di massa coronale del bagliore potrebbe colpire la Terra durante il fine settimana.

La CME è una grande esplosione di particelle cariche dal bagliore.

Quando questi satelliti entrano nell’atmosfera dove si trovano, le interruzioni di corrente diffuse e le interruzioni delle comunicazioni sono una delle principali preoccupazioni.

Sta già scatenando il caos, causando un temporaneo ma potente blackout radio sulla parte illuminata dal sole del Sud America.

Il meteorologo spaziale della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha riferito che l’evento R3 (strong radio dimming) si è verificato a causa di un “flare pulsante”. che “sembra avere firme relative all’ECM”.

Questo potrebbe prefigurare cattive notizie, con più caos in arrivo.

I meteorologi spaziali di Spaceweather.com hanno affermato che il CME sta correndo verso la Terra. A 1.260 km/sec (2,8 milioni di mph).

Si prevede che colpirà la Terra sabato o domenica.

La dottoressa Tamitha Skov, una fisica meteorologica spaziale, ha dichiarato su Twitter: “Colpo diretto per Halloween! La tempesta solare lanciata durante l’X-flare di oggi è davvero diretta verso la Terra!

Le previsioni della NASA confermano l’impatto entro l’inizio del 31 ottobre.

READ  Qualcomm mira a catturare una quota significativa del mercato dei laptop con chip dedicati, ha affermato il CEO CEO

“Aspettatevi l’aurora boreale alle medie latitudini, così come problemi di ricezione GPS e disturbi radioamatoriali sul lato notturno della Terra!”

Ma mentre i brillamenti di Classe X rappresentano la classe più intensa dei brillamenti solari, il numero indica l’intensità dei brillamenti di Classe X.

Per saperne di più: Scoperta archeologica come “reperto raro” realizzato nel Kent

All’inizio di questo mese Express.co.uk ha parlato con l’esperto di meteorologia spaziale, il professor Matthew Owen, dell’Università di Reading, dei danni che le tempeste geomagnetiche possono causare.

Ha avvertito che lo scenario peggiore è che potremmo vedere blackout globali che durano per giorni.

Questa volta con una tempesta G-3, più forte della precedente tempesta G-2 di questo mese, potremmo davvero subire uno shock.

Il Regno Unito ha già sperimentato gli effetti devastanti di una tempesta solare una volta.

Nel 1859, una potente tempesta magnetica colpì la Terra.

Conosciuto come l’evento di Carrington, è stata la tempesta solare più potente mai registrata.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Perché l’India è arrabbiata per l’obiettivo di spostare il cambiamento climatico nei paesi sviluppati alla COP 26?
Next Post Taccuino del giovedì di Misano – Sportscar365