Sullasteroide Bennu si trova una vasta quantità di carbonio – Buzznews

Sullasteroide Bennu si trova una vasta quantità di carbonio – Buzznews

I pezzi dell’asteroide Bennu portati sulla Terra dalla missione OSIRIS-REx della NASA contengono molto carbonio e molta acqua. Questa scoperta è importante perché il carbonio e l’acqua sono necessari allo sviluppo degli esseri viventi. La presenza di queste sostanze sugli asteroidi potrebbe aiutarci a comprendere le origini della vita. I campioni di Bennu sono atterrati nel deserto dello Utah alla fine di settembre e sono stati sottoposti a un esame al Johnson Space Center di Houston, in Texas. Questi campioni sono i pezzi di asteroide più ricchi di carbonio mai portati sulla Terra.

Gli asteroidi sono corpi spaziali rocciosi che hanno dimensioni più piccole dei pianeti e forme irregolari. Lo studio delle rocce raccolte su Bennu potrebbe fornire informazioni sulle origini del sistema solare e sulla formazione degli elementi necessari per la vita. I campioni di Bennu sono considerati una sorta di “capsula del tempo” per la storia del sistema solare. I pezzi di Bennu sono stati esaminati all’interno di una “scatola a guanti” per evitare la contaminazione da sostanze terrestri. La polvere proveniente da Bennu è stata analizzata con un microscopio elettronico e altri strumenti chimici.

È stato scoperto che le rocce di Bennu sono ricche di carbonio, base delle molecole biologiche. Sono state trovate anche piccole quantità di acqua all’interno dei cristalli che compongono i pezzi di Bennu. Lo studio dei pezzi di Bennu proseguirà per i prossimi due anni con la partecipazione di circa 200 scienziati in tutto il mondo. Il campione di Bennu sarà confrontato con quello raccolto dall’agenzia spaziale giapponese su un altro asteroide, mostrando differenze nella composizione. Inoltre, verrà analizzata la presenza di deuterio e di eventuali amminoacidi per approfondire la ricerca sulla vita e le sue origini.

READ  Samsung Galaxy S23 Ultra 5G da 8/256GB scontato di 580€: OFFERTONA di Buzznews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *