Stretto di Taiwan: la Cina rivendica “attacchi missilistici di precisione” nello Stretto di Taiwan

La Cina ha dichiarato di aver effettuato “attacchi missilistici di precisione” nello Stretto di Taiwan giovedì nell’ambito di esercitazioni militari che hanno portato le tensioni nella regione al livello più alto degli ultimi decenni.

La Cina ha annunciato in precedenza che le esercitazioni militari della sua marina, dell’aviazione e di altri dipartimenti si stanno svolgendo in sei regioni intorno a Taiwan, i cui territori, secondo Pechino, saranno annessi con la forza, se necessario.

Le esercitazioni sono state sollecitate dalla visita sull’isola della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi questa settimana e miravano ad annunciare la minaccia della Cina di attaccare la repubblica di autogoverno dell’isola. Oltre alle sue mosse per isolare diplomaticamente Taiwan, la Cina ha da tempo minacciato ritorsioni militari per le mosse dell’isola per consolidare la sua indipendenza de facto con il sostegno di alleati chiave, inclusi gli Stati Uniti.

Lo ha affermato in una dichiarazione sulla piattaforma mediatica il Comando del teatro orientale dell’Esercito popolare di liberazione, l’ala militare del Partito comunista al potere.

“Il risultato atteso è stato raggiunto”, ha aggiunto, senza fornire ulteriori dettagli.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che le sue forze sono in allerta e stanno monitorando la situazione mentre cercano di evitare l’escalation delle tensioni. Sono state inoltre condotte esercitazioni di protezione civile e sono state collocate notifiche sui rifugi antiaerei.

Il ministero ha affermato che il “comportamento irrazionale” della Cina mira a cambiare lo status quo e interrompere la pace e la stabilità regionali.

“I tre rami di servizio uniranno gli sforzi con tutte le persone per proteggere congiuntamente la sicurezza nazionale e l’integrità territoriale”, adattandosi allo stesso tempo alla situazione mentre si sviluppa, afferma la dichiarazione.

READ  Steve Bannon, consigliere di Donald Trump, è stato accusato di aver rifiutato di testimoniare nell'inchiesta del Campidoglio degli Stati Uniti

La Xinhua ha riferito che le esercitazioni erano operazioni congiunte incentrate su “blocco, attacco a obiettivi navali, colpire obiettivi terrestri e controllo dello spazio aereo”.

Sebbene gli Stati Uniti non abbiano detto che sarebbero intervenuti, hanno schierato basi e risorse nella regione, inclusi i gruppi da battaglia delle portaerei. La legge statunitense richiede al governo di trattare le minacce a Taiwan, compresi i blocchi, come questioni “estremamente preoccupanti”.

Le esercitazioni si svolgeranno da giovedì a domenica e includeranno attacchi missilistici su obiettivi nei mari a nord ea sud dell’isola, in una ripetizione delle ultime grandi esercitazioni militari cinesi volte a intimidire i leader e gli elettori di Taiwan che ebbero luogo nel 1995 e nel 1996 .

Sebbene la Cina non abbia fornito alcuna informazione sul numero di truppe e risorse militari coinvolte, le esercitazioni sembrano essere geograficamente le più grandi vicino a Taiwan.

Le forze della marina, dell’aviazione, della forza missilistica, della forza di supporto strategico e della forza di supporto logistico hanno partecipato alle esercitazioni, ha affermato Xinhua.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Attuazione italiana di sanzioni economiche mirate
Next Post Il Nottingham Forest cerca l’attaccante dell’Inter Pinamonti