Steve Bannon, consigliere di Donald Trump, è stato accusato di aver rifiutato di testimoniare nell’inchiesta del Campidoglio degli Stati Uniti

Il comitato ristretto della Camera ha convocato Steve Bannon per indagare sull’attacco del 6 gennaio del 23 settembre.

Washington:

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che Steve Bannon, consigliere dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è stato incriminato venerdì per essersi rifiutato di testimoniare davanti alla commissione del Congresso che indaga sui disordini del Campidoglio.

Un gran giurì federale ha restituito l’atto d’accusa in una grande vittoria per il comitato ristretto della Camera per indagare sull’attacco del 6 gennaio, che sta combattendo gli sforzi di Trump e dei suoi migliori aiutanti per utilizzare il privilegio presidenziale per bloccare le testimonianze e i documenti necessari per l’indagine.

L’accusa è arrivata poche ore dopo che Mark Meadows, l’ex capo dello staff di Trump, si è rifiutato di testimoniare davanti al comitato dopo essere stato convocato, il che potrebbe portare a accuse simili di disprezzo.

Gli investigatori ritengono che Meadows e Bannon potrebbero avere informazioni sui collegamenti tra la Casa Bianca e i sostenitori di Trump che hanno invaso il Campidoglio per impedire a Joe Biden di essere certificato come il vincitore delle elezioni presidenziali del novembre 2020.

Bannon, 67 anni, è stato accusato di due capi di oltraggio: per aver ignorato le citazioni in giudizio per comparire prima del deposito e per non aver presentato documenti al comitato.

Ogni accusa comporta una pena detentiva da un mese a un anno.

La commissione ha convocato Bannon, 67 anni, il 23 settembre. Era tra le dozzine di persone chiamate a testimoniare sul violento attacco alla chiusura del Congresso sulle affermazioni infondate di Trump secondo cui Biden aveva vinto le elezioni a causa di una massiccia frode elettorale.

READ  Blinken visiterà l'India il 28 luglio e terrà colloqui con il Primo Ministro e il Ministro degli Esteri | notizie dal mondo

L’attentato, durante il quale sono rimaste uccise cinque persone, è riuscito a ritardare di diverse ore la sessione di ratifica per le elezioni congiunte tra Camera dei Rappresentanti e Senato.

Il pannello ha detto che Bannon aveva informazioni rilevanti per capire come si è verificato l’attacco.

Ha ricordato la sua partecipazione il 5 gennaio alle attività incentrate sulla negazione del martirio, quando ha detto: “Domani crollerà l’inferno”.

Battaglia per il franchising esecutivo

Dopo che Trump ha rivendicato il privilegio esecutivo per impedire alla commissione di intervistare i suoi consiglieri e di accedere ai suoi documenti, Bannon si è rifiutato di testimoniare.

Il 21 ottobre, la Camera dei Rappresentanti ha votato per deferire le accuse di oltraggio del Congresso contro Bannon al Dipartimento di Giustizia.

Dato il contesto altamente politico del caso, non era chiaro che il Dipartimento di Giustizia avrebbe preso provvedimenti fino all’incriminazione del gran giurì di venerdì.

“Fin dal mio primo giorno in carica, ho promesso al personale del Dipartimento di Giustizia che insieme dimostreremo al popolo americano con le parole e con i fatti che il Dipartimento aderisce allo stato di diritto, persegue i fatti e il diritto e persegue la parità di giustizia secondo la legge “, ha dichiarato in una nota il procuratore generale Merrick Garland.

“La quota odierna riflette il fermo impegno del dipartimento nei confronti di questi principi”, ha affermato.

Nel caso di Bannon, la commissione ha respinto la richiesta di Trump per il privilegio, affermando che Bannon era un privato cittadino che non lavorava alla Casa Bianca dal 2017.

Il caso di Meadows per la protezione dei privilegi esecutivi potrebbe essere più forte, poiché ha lavorato alla Casa Bianca con Trump il 6 gennaio.

READ  Aerei dei vigili del fuoco precipitati in Grecia, nessun ferito

Il suo caso potrebbe dipendere dall’esito di una battaglia legale tra Trump e il Comitato per i registri amministrativi degli archivi nazionali in relazione agli eventi del 6 gennaio.

Dopo che Biden, usando il suo potere di presidente degli Stati Uniti, ha rinunciato al privilegio dei documenti, martedì un giudice ha detto che Trump, in quanto solo ex presidente, non poteva bloccarli.

Ma Trump ha presentato ricorso contro una corte d’appello federale, dove il caso sarà discusso il 30 novembre.

Il caso è senza precedenti, mettendo l’ex presidente e l’attuale presidente l’uno contro l’altro su chi può esercitare il privilegio e rinunciarvi.

Ciò rende più probabile che la controversia andrà alla Corte Suprema per una sentenza definitiva.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Live Blog: segui la partita Indiana-Illinois settentrionale in tempo reale
Next Post Ex dipendente dell’Apple Store rivela trucchi segreti per iPhone