STC Solutions firma contratti per data center NEOM per un valore di 53,66 milioni di dollari

Viceministro degli Esteri italiano: l’Italia ha grandi aspettative per iniziative green saudite e mediorientali

Roma: l’Italia aveva “grandi aspettative” sugli eventi dell’Iniziativa verde saudita e dell’Iniziativa verde per il Medio Oriente a Riyadh insieme alla partecipazione del Regno alla produzione di energia verde, ha affermato un eminente parlamentare italiano.

Manlio Di Stefano rappresenterà il suo governo al vertice della Middle East Green Initiative che si terrà nella capitale saudita e ha detto ad Arab News che il suo paese attribuisce “grande importanza a questo evento”.

Il 40enne Sottosegretario (Viceministro) agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale è del Movimento Cinque Stelle, il partito populista fondato dal comico Beppe Grillo che è stato fondamentale negli ultimi tre anni di governo di coalizione italiano.

Dopo la laurea in ingegneria informatica in Sicilia, Di Stefano ha lavorato come consulente informatico per un’azienda americana ed è stato volontario per una ONG italiana operante nella Repubblica Democratica del Congo e in Guatemala lavorando su progetti di sviluppo sostenibile.

“Crediamo che questo sia il momento in cui ogni paese a livello globale deve fare uno sforzo per affrontare il cambiamento climatico”, ha affermato.

Il politico ha osservato che la promozione dell’energia verde era “un modo per creare un mercato, creare infrastrutture, creare storie sul cambiamento climatico, dove sta accadendo e soluzioni per affrontarlo”.

Ha aggiunto: “Questo evento a Riyadh si concentrerà su come affrontare la situazione con soluzioni, e quindi siamo pronti a sostenerlo”.

Rilevando che l’Italia è uno dei principali paesi europei in termini di collegamenti di produzione di energia con la regione del Medio Oriente e del Nord Africa, Di Stefano ha affermato che l’Unione europea dovrebbe fornire maggiori finanziamenti ai paesi del Medio Oriente, come l’Egitto, per aiutare a finanziare la protezione ambientale piani. .

READ  L'investitore di Atlantia Italia esorta a non interferire con la vendita di Autostrade

Ha aggiunto che Italia ed Egitto hanno collaborato a diversi progetti e che l’interdipendenza strategica è importante per il suo Paese.

“Dobbiamo lavorare di più con paesi che possono generare energia rinnovabile in futuro. Abbiamo molti progetti in corso in Nord Africa e Medio Oriente per produrre energia.

“E pensiamo che l’Italia possa svolgere un ruolo strategico in questo, perché possiamo davvero collegare la regione MENA alla parte settentrionale dell’Europa, dove potrebbe non esserci molto potenziale di energia verde.

“L’Arabia Saudita, e questo è stato sottolineato molto chiaramente da quel governo, sta già pagando molto per la produzione di energia verde e l’Italia è in prima linea con le nostre industrie”, ha affermato.

Di Stefano si aspettava che si sviluppasse la cooperazione tra Italia e Arabia Saudita, già forte attraverso la trilogia del G20.

“Penso che possiamo fare di più perché c’è una grande complementarietà tra i nostri Paesi che a volte viene sottovalutata. È chiaro che siamo davvero impegnati sui valori europei e sulle caratteristiche del mercato, e chiediamo la stessa comprensione quando ci occupiamo di altri paesi, ma per noi si tratta di un rapporto bilaterale fondamentale.

L’Arabia Saudita è uno dei paesi più importanti della regione MENA e l’Italia ha già buoni casi di cooperazione, come nel G20. Quando ci incontriamo a tavola, parliamo la stessa lingua”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione della quinta stagione di “Insecure”: l’addio di Issa Rae su HBO (senza spoiler)
Next Post Il potente uragano provoca forti piogge, inondazioni e frane nel nord della California: NPR