Statue della regina Vittoria e della regina Elisabetta II demolite e deturpate in Canada dai manifestanti contro il passato coloniale | notizie dal mondo

Diversi manifestanti hanno abbattuto le statue della regina Elisabetta II e della regina Vittoria a Winnipeg, in Canada, giovedì mentre la rabbia aumentava per la scoperta di tombe senza nome di bambini nelle scuole aborigene, secondo le notizie. Insieme ai re, i manifestanti hanno rovesciato una statua dell’esploratore britannico Capitano James Cook.

L’incidente è avvenuto durante il Canada Day (1 luglio), quando il paese celebra la sua festa nazionale ogni anno. Le proteste sono state guidate da membri vestiti di arancione di un gruppo chiamato “Idle No More”, secondo il sito di notizie online Daily Mail.

Secondo il rapporto, le corde sono state attaccate alle statue prima di essere portate a terra insieme ai canti di “No Pride for Genocide”. Le proteste sono arrivate quando molti cittadini hanno anche chiesto la cancellazione delle celebrazioni del Canada Day di quest’anno a causa del passato coloniale del paese.

Leggi anche | Il Canada Day oscurato dalle tombe trovate in una scuola aborigena

Una statua della regina Vittoria è stata rovesciata fuori dalla legislatura provinciale del Manitoba, tra le acclamazioni di molti manifestanti, e la statua e il piedistallo sono stati deturpati con segni di mani rosse. Nel frattempo, la folla ha anche demolito una statua della regina Elisabetta II, che si trovava nelle vicinanze.

Scuole indigene

Dietro la rabbia delle proteste c’è la scoperta di diverse tombe senza nome di bambini nelle scuole aborigene in Canada.

Secondo le notizie, quasi 1.000 di queste tombe sono state trovate in ex siti scolastici residenziali nella Columbia Britannica e nel Saskatchewan in Canada. Queste scuole erano gestite dalla Chiesa cattolica e finanziate dal governo, secondo un rapporto di Reuters.

READ  Gli Stati Uniti sui commenti di Kim Jong Un della Corea del Nord

All’inizio del 23 giugno, centinaia di tali tombe sono state scoperte sul sito dell’ex scuola residenziale indiana Marival nel Saskatchewan che ha operato tra il 1899 e il 1997 prima che fosse sostituita da una scuola diurna.

Nel frattempo, il primo ministro Justin Trudeau ha dichiarato all’inizio del 1 luglio che la scoperta dei resti di bambini nelle ex scuole “ci ha giustamente spinto a riflettere sui fallimenti storici del nostro paese”, durante il suo discorso per il Canada Day.

Un portavoce del primo ministro britannico Boris Johnson ha anche affermato che il suo governo condanna qualsiasi incidente di deturpazione delle statue della regina. “I nostri pensieri sono con la comunità aborigena in Canada a seguito di queste tragiche scoperte, e stiamo seguendo da vicino questi problemi e continuiamo a impegnarci con il governo del Canada sulle questioni aborigene”, ha detto il portavoce venerdì.

(Con voci da Daily Mail Online, agenzie)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Jabur ha sconfitto l’ex campione Mukurusa a Wimbledon
Next Post Legend Of Zelda: Skyward Sword HD renderà Fi meno eccitante