Startup e VC scommettono che navigheremo più sul Web insieme – TechCrunch

L’anno scorso, durante la pandemia, un’estensione del browser gratuita chiamata Netflix Party ha guadagnato popolarità perché ha permesso alle persone intrappolate nelle loro case di connettersi con amici e familiari in aree remote guardando contemporaneamente gli stessi programmi TV e film su Netflix. Ha anche permesso loro di conoscere l’azione nella chat della barra laterale.

Ma quella società – ribattezzata in seguito Teleparty – Era solo l’inizio, discutere di due piccole aziende che hanno raccolto fondi di avviamento. Uno, un novellino di un anno a Londra che è stato lanciato a dicembre, ha appena terminato il suo tour questa settimana guidato da Craft Ventures. L’altra, una startup della Bay Area di quattro anni, ha raccolto $ 3 milioni in finanziamenti di avviamento precedentemente non divulgati, tra cui 500 startup.

Entrambi credono che mentre gli investitori hanno investito denaro in eventi virtuali e edtech Per le aziende, c’è una maggiore possibilità di sviluppare il tipo di esperienza di navigazione multiplayer che consente alle persone di fare di più insieme online. Dal guardare lo sport al guardare i film e forse anche rivedere le radiografie con un medico un giorno, entrambi affermano che una maggiore navigazione web insieme è inevitabile, soprattutto per gli utenti più giovani.

Le aziende adottano approcci un po’ diversi. La startup su cui Craft ha appena scommesso, guidando il suo round iniziale di $ 2,2 milioni, è Jijel, una start-up con sede a Londra di un anno fa, invita gli utenti della sua app web a sfruttare sessioni virtuali, che chiama “portali”, in cui possono invitare gli amici a sfogliare insieme i contenuti, nonché chat di testo e chiama. I portali possono essere stanze private o resi “pubblici” in modo che chiunque possa accedervi.

READ  EA svela 'F1 2021' - Nexstar Media Wire

Giggl è stata fondata da quattro adolescenti cresciuti insieme, guidati dal CEO diciannovenne Tony Zug. Si è recentemente laureato al programma di accelerazione del lancio. Tuttavia, ha già abbastanza utenti – circa 20.000 dei quali utilizzano il servizio su base mensile attiva – che ha iniziato a costruire la sua infrastruttura di server dedicati per ridurre i tempi di inattività e abbassare i costi.

L’idea più grande è costruire una piattaforma per tutti i tipi di scenari e caricarla di conseguenza. Ad esempio, mentre le persone possono chattare gratuitamente durante la navigazione sul Web o guardare eventi insieme come l’Apple Worldwide Developers Conference, Giggl prevede di addebitare più funzionalità premium, oltre a vendere abbonamenti alle organizzazioni che cercano più modi per collaborare. (Puoi vedere una demo dell’attuale servizio Giggl di seguito.)

Hero.live È un’altra startup “multiplayer”, supportata da 500 startup, insieme a diversi angel investor. L’azienda nasce da un’idea di Ned Lerner, che in precedenza ha trascorso 13 anni come Direttore dell’Ingegneria presso Sony Worldwide Studios e poco prima come Direttore della Tecnologia nella divisione Electronic Arts.

Hearo ha una strategia più specifica in cui gli utenti non possono sfogliare nulla insieme come nel caso di Giggl. Invece, Hearo consente agli utenti di accedere a oltre 35 servizi di streaming negli Stati Uniti (da NBC Sports a YouTube a Disney+) e si basa sulla sincronizzazione dei dati per assicurarsi che ogni utente veda la stessa qualità video originale.

Hearo ha anche concentrato molti dei suoi sforzi sull’audio, con l’obiettivo di assicurarsi che quando si creano più flussi audio contemporaneamente – diciamo che gli utenti guardano insieme le partite di basket e commentano – non tutti i partecipanti sperimentino un ciclo di feedback chiassoso.

READ  L'aggiornamento OnePlus Nord OxygenOS 11.1.4.4 viene lanciato in India per migliorare la durata della batteria e correggere le notifiche ritardate

In effetti, afferma Lerner, con la cancellazione dell’eco e altri “trucchi audio speciali” sviluppati dal piccolo team di Hearo, gli utenti possono godersi l’esperienza senza “rumore e altre cose che rovinano l’esperienza”. (Possiamo fare tutto ciò che può fare la Clubhouse. Lo facciamo solo perché stai guardando qualcos’altro perché onestamente non pensavo che stare seduti a parlare sarebbe una cosa così grande”, dice Lerner.)

Come Giggl, Hearo Lerner immagina un modello di abbonamento; Si aspetta anche una ripartizione finale degli introiti pubblicitari con le emittenti sportive e afferma che sta già lavorando con l’Unione europea di radiodiffusione su questo fronte.

Sebbene le startup siano interessanti a modo loro, non sono le prime a concentrarsi sulle esperienze di scrittura di gruppo. Rabbit, un’azienda fondata nel 2013, ha consentito alle persone di navigare e guardare contemporaneamente gli stessi contenuti da remoto, nonché chat di testo e video in qualsiasi momento.

In particolare, il coniglio alla fine si è arenato. Lerner dice che è perché la società stava condividendo il materiale protetto da copyright con altre persone sullo schermo, quindi non poteva addebitare il suo servizio. (“Essenzialmente”, sottolinea, “puoi farla franca con una certa quantità di hacking se non è a tuo vantaggio finanziario personale.”)

Tuttavia, il grado in cui le persone sono interessate alle “feste di visualizzazione online” non è ancora chiaro, anche se Hearo e Giggl hanno tecniche più avvincenti e percorsi redditizi per generare entrate.

Come Giggl, i numeri degli utenti di Hearo sono conservatori secondo la maggior parte dei criteri, con 300.000 download finora per la sua app per iOS, Android, Windows e macOS e 60.000 utenti attivi mensili. Sebbene l’azienda abbia lavorato duramente per costruire la sua tecnologia piuttosto che il marketing, è probabile che ci chiediamo in quale direzione si sposteranno quei numeri, in particolare quando le persone si reintegrano nel mondo fisico dopo la pandemia.

READ  2022 Volkswagen Arteon ottiene grande trazione e aggiunge DSG

Da parte sua, Lerner non è affatto preoccupato per l’ordine. Si riferisce a una generazione che è più a suo agio a guardare video su un telefono che altrove. Sottolinea anche che il tempo sullo schermo è diventato “una cosa solitaria”, quando potrebbe – e diventerebbe facilmente – “un momento perfetto per uscire con i tuoi amici”.

“Negli ultimi 20 anni, i giochi sono passati dal giocatore singolo al multiplayer, fino all’emergere delle chat vocali nei giochi in modo che le persone possano trascorrere del tempo insieme”, afferma. “Dato che il mobile è onnipresente e la socializzazione è divertente, pensiamo che lo stesso accadrà al resto del business dei media”.

Zog pensa che anche le tendenze giochino a favore di Giggl. “Ovviamente le persone si riuniranno molto” mentre la pandemia passa, dice. Ma tutta questa socializzazione nel mondo reale “non sarà davvero un sostituto” per il tipo di social networking online che sta già accadendo in molti angoli di Internet.

Inoltre, aggiunge, Giggl vuole “fare in modo che stare insieme online sia bello come stare insieme nella vita reale. Questo è l’obiettivo finale qui”.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Covid-19: l’Indonesia affronta la crisi dell’ossigeno e si rivolge ai paesi per chiedere aiuto | notizie dal mondo
Next Post Euro 2020: l’Italia ha portato la felicità alla nazione per disperazione