Stagione sciistica: aggiornamenti sulle restrizioni di viaggio per le migliori destinazioni di sport invernali in Europa

Potrebbe essere l’alta stagione sciistica, ma con l’aumento dei casi di omicron in tutta Europa, le restrizioni di viaggio sono state inasprite in molte delle principali destinazioni per gli sport invernali.

Le regole stanno ora iniziando ad allentarsi poiché Austria e Svizzera hanno annullato alcuni requisiti per i turisti che desiderano raggiungere le loro piste innevate.

Ma con un’altra stagione sotto Restrizioni COVID-19Tuttavia, può essere difficile pianificare una vacanza sulla neve in base a queste regole e regolamenti in evoluzione.

Quindi abbiamo raccolto tutto ciò che devi sapere per alcuni dei luoghi sciistici preferiti d’Europa.

Austria

Il ministro del turismo austriaco in precedenza aveva riassunto le restrizioni di viaggio come “regole rigide e un inverno sicuro”, ma nelle ultime settimane le cose si sono inasprite con la diffusione della variante Omicron.

Gli sciatori che desiderano recarsi nel Paese dovranno fornire la prova di essere stati completamente vaccinati o di essersi ripresi dal virus, nonché la prova di un test PCR positivo o negativo. io

Una volta arrivati, la regola 2G in Austria si applica a tutti gli usi delle funivie e di altre strutture. Sta per vaccinazione o guarigione, il che significa che dovrai fornire la prova della vaccinazione completa per riprenderti da COVID-19. Un test negativo non sarà accettato a meno che tu non abbia una prova ufficiale dell’esenzione dalla vaccinazione.

I bambini di età inferiore ai 12 anni sono esentati dal requisito 2G e gli adolescenti di età superiore ai 12 anni possono fornire una prova della vaccinazione o iscriversi per una “Ninja Vacation Card”. Questo sistema consente loro di entrare in luoghi utilizzando invece test negativi. Maggiori dettagli possono essere trovati qui.

Da fine dicembre anche i locali après-ski sono chiusi e i ristoranti hanno imposto il coprifuoco fino alle 22:00. Le maschere sono richieste anche all’interno delle funivie e in altri spazi chiusi in questo paese.

READ  Antonio Conte: Il tecnico del Tottenham ammette che gestire la squadra è la sua sfida più grande finora | notizie di calcio

Vale la pena controllare le singole restrizioni dello stato in cui prevedi di viaggiare in quanto possono avere requisiti più severi di quelli che si applicano all’intera Austria. A Vienna, ad esempio, il test è obbligatorio per i bambini a partire dai sei anni.

Francia

Attualmente, i viaggiatori non vaccinati provenienti dai paesi della lista rossa e arancione della Francia possono viaggiare nel paese solo per un numero limitato di motivi di base. Persone dal Regno Unito, vaccinate o meno, Non è possibile viaggiare in Francia come turisti Ma ci sono state indicazioni dal governo che queste regole potrebbero essere presto allentate.

Se sei in grado di raggiungere una stazione sciistica in questo paese, per accedere a strutture come impianti di risalita, bar, caffetterie e ristoranti è necessaria anche la tessera sanitaria. Richiede di fornire la prova che sei stato completamente vaccinato, che ti sei recentemente ripreso da COVID-19 o che hai avuto un test PCR o antigene negativo nelle ultime 24 ore.

Questo vale per tutte le persone di età superiore ai 12 anni e presto passeranno un vaccino, il che significa che i test negativi non saranno accettati.

Le maschere sono necessarie per fare la fila agli impianti di risalita e alle funivie chiuse, ma non se stai prendendo una seggiovia aperta o sciando attivamente sulle piste. Non ci sono eccezioni mediche, e se non indossi la mascherina potresti rischiare una multa di 135 euro.

Ma controlla il resort che intendi visitare poiché alcune autorità locali hanno messo in atto regole più severe, incluso l’uso di maschere all’aperto.

Germania

Le restrizioni di viaggio per entrare in Germania sono relativamente rigide a causa della prevalenza della variante Omicron.

La Germania utilizza un sistema a due livelli per le sue restrizioni con zone ad “alto rischio” e “basso rischio”. È possibile viaggiare per turismo dai paesi dell’UE e dai paesi Schengen, ma è necessario controllare la regione in cui rientrano.

READ  Il laureato di Warren de la Salle si reca in Italia per giocare a football americano

Tutti gli arrivi di età superiore ai 12 anni da aree ad alto rischio devono fornire prove di vaccinazione, guarigione o test PCR negativo. Anche i viaggiatori non vaccinati dovranno autoisolarsi per 10 giorni.

Per le persone che provengono da questa regione, le regole possono variare a seconda che il tuo paese sia nell’elenco “sicuro”.

Alcune stazioni sciistiche in Germania sono aperte ma in molte località ci sono regole rigide.

Simile all’Austria, la regola 2G innestata o ripristinata si applica a molti locali al coperto, inclusi ristoranti, bar e strutture ricreative. I commenti del governo tedesco indicano che è probabile che questo venga inasprito dal 15 gennaio per introdurre 2G+, il che significa che devi anche presentare un test COVID negativo.

I requisiti possono variare in base allo stato, tuttavia, le regole 2G+ sono già in vigore in Baviera e le stazioni sciistiche sono chiuse in alcune regioni. Quindi è meglio controllare cosa sta succedendo nel resort in cui prevedi di viaggiare prima di prendere qualsiasi decisione.

Italia

Per entrare in Italia, gli sciatori dovranno esibire l’evidenza di vaccinazione o guarigione insieme a un test PCR negativo effettuato entro 48 ore dall’arrivo o un test antigenico entro 24 ore.

Il governo italiano ha appena introdotto nuove regole per le stazioni sciistiche dopo che i casi sono aumentati alla fine dello scorso anno. Prima d’ora, il Green Pass, che puoi ottenere con un test COVID negativo, ti dà accesso a piste in zone di pericolo bianche o gialle.

Ma dal 10 gennaio è necessario un pass verdissimo per accedere alle piste da sci di tutto il Paese. Questo vale per chiunque abbia più di 12 anni e significa che devi essere completamente vaccinato o avere una prova di guarigione dal virus.

READ  3 Capitani Carusa, competitivi, impegnati e compassionevoli

Quando i tuoi skipass saranno verificati, verrà controllato anche questo pass super green. Sono obbligatorie anche le mascherine FFP2 o mediche sulle piste da sci e ovunque non sia possibile mantenere una distanza adeguata anche nelle code all’aperto.

Saranno necessari anche corridoi super green per entrare in bar o ristoranti, nonché per cenare nelle aree salotto all’aperto. Dopo l’ultima modifica delle regole, Le persone non vaccinate non potranno più utilizzare un test COVID negativo per entrare in questi luoghi.

Svizzera

Dal 22 gennaio la Svizzera ha annullato l’obbligo del test di reazione a catena della polimerasi (PCR) pre-viaggio per i visitatori vaccinati. Le persone che possono dimostrare di essersi recentemente riprese da COVID possono anche visitare senza test pre-viaggio.

Le regole per le stazioni sciistiche in tutta la Svizzera sono state pubblicate nell’ottobre 2021 poiché il governo ha convenuto che non sarebbe stato richiesto alcun certificato per accedere alle piste del paese.

Per entrare in qualsiasi bar, ristorante o altra struttura interna sarà richiesto un certificato COVID, che dimostri se hai ricevuto la vaccinazione, se sei guarito o se sei risultato negativo.

Non ne avrai bisogno se prevedi di mangiare solo nei posti a sedere all’aperto.

Le mascherine sono obbligatorie sulle funivie o sulle funivie e alcuni resort stanno limitando la loro capacità di aiutare a fermare la diffusione del virus. I singoli resort possono anche imporre qualsiasi altra restrizione ai viaggiatori che ritengano necessaria.

Quindi controlla prima di partire per una pausa sugli sci, soprattutto se la tua destinazione finale è al confine con un altro paese dove potrebbero esserci restrizioni più severe.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Si dice che Battlefield 2042 sia gratuito
Next Post Studio: L’effetto Leidenfrost si manifesta nelle tre fasi dell’acqua: solida, liquida e vapore