Squilibri commerciali, poi la pandemia: perché il governo Modi ha cambiato la strategia degli ALS

Il Ministro dell’Unione Piyush Goyal in un incontro bilaterale con il Segretario di Stato britannico per il Commercio Internazionale, Anne-Marie Trevelyan (secondo da destra), a margine della riunione dei Ministri del Commercio del G20 in Italia | Twitter / @PiyushGoyal

dimensione del font:

Nuova Delhi: L’India sta accelerando i negoziati sull’Accordo di libero scambio (ALS) con diversi paesi e gruppi come Australia, Regno Unito e Unione europea, mentre persegue l’ambizioso obiettivo di 2 trilioni di dollari nelle esportazioni, tra cui $ 1 trilione di esportazioni di merci e $ 1 trilione di servizi, entro il 2030.

Due settimane fa, India e Australia hanno annunciato che lo avrebbero fatto finalizzare Un accordo di libero scambio entro la fine del 2022. Le trattative erano iniziate nel 2011, ma molte scadenze non erano state rispettate.

Questi sviluppi fanno parte dell’attuale approccio del governo di Narendra Modi agli accordi di libero scambio, che è in netto contrasto con la sua strategia precedente, quando li stava attivamente evitando.

Quando è salito al potere per la prima volta nel 2014, il governo Modi ha iniziato a rivedere tutti gli accordi commerciali esistenti. Alcuni di quelli che hanno subito questa revisione sono stati gli accordi con Singapore (firmati nel 2005), la Corea del Sud (2010), la Malesia (2011), il Giappone (2011) e l’ALS con il gruppo ASEAN (2010).

Nell’ottobre 2014, l’allora ministro del Commercio Nirmala Sitharaman ha dichiarato che era in corso un processo di revisione sta per finireSi è riscontrato che alcuni accordi di libero scambio hanno beneficiato i paesi partner, a differenza dell’India.

E mentre il governo ha firmato accordi in attesa su servizi e investimenti con l’ASEAN quell’anno, nel 2015 è stato formato un altro comitato, sotto la supervisione dell’allora Chief Economic Adviser (CEA) Arvind Subramanian, per rivedere altri ALS esistenti.

Un anno dopo si tenne una riunione di governo di vari ministeri, presieduta dall’allora ministro delle finanze Arun Jaitley, tenuto Discutere i risultati preliminari di un rapporto su queste carte.

Gli analisti affermano che l’attuale approccio del governo agli accordi di libero scambio potrebbe essere stato guidato da trapelato commercio squilibri E l’epidemia.

secondo dati Dal Ministero del Commercio, tra il 2014-15 e il 2019-20, le esportazioni totali dell’India sono passate da 310,33 miliardi di dollari a 313,36 miliardi di dollari, un aumento inferiore all’1%.

Nello stesso periodo, le importazioni totali dell’India sono aumentate da 448,03 miliardi di dollari a 474,70 miliardi di dollari, con un aumento del 5%.

Anche il deficit commerciale dell’India è cresciuto in questo momento, da 118,37 miliardi di dollari Nel 2014-15 al 161,34 miliardi di dollari nel 2019-20.


Leggi anche: Trump non voleva visitare l’India a causa delle preoccupazioni per il Covid, ma Jared Kushner lo ha convinto: Ex assistente


Uscendo da RCEP, lottando per costruire relazioni commerciali con gli Stati Uniti

La posizione del governo Modi sugli accordi di libero scambio è rimasta alquanto invariata fino alla diffusione della pandemia di Covid.

Nel novembre 2019, il primo ministro Modi ha annunciato che l’India non sarebbe stata unirsi Il partenariato economico globale regionale guidato dall’ASEAN (RCEP) sulla base del fatto che influenzerà i mezzi di sussistenza del paese. Poco dopo, il ministro del Commercio e dell’Industria Piyush Goyal ha annunciato che l’India avrebbe riesaminato l’accordo RCEP per “Correzione dell’asimmetria” Nel suo commercio con alcuni paesi dell’ASEAN.

Il primo mandato del governo Modi è stato anche segnato da un “perno visivo” verso un più intenso rapporto commerciale e di investimento con gli Stati Uniti, Rapporto Scritto da Gateway House, un pensatore di politica estera con sede a Mumbai. Tuttavia, il rapporto rileva che, analogamente a quanto accaduto in altri colloqui commerciali, l’India non è riuscita a capitalizzare il suo vantaggio commerciale più competitivo: i servizi.

L’India ha firmato prima l’Accordo di libero scambio (ALS) con l’ASEAN per le merci, seguito cinque anni dopo con l’ALS sui servizi. Nel frattempo, l’India ha sofferto di un saldo commerciale negativo… Se l’India firma un accordo di libero scambio per beni e servizi contemporaneamente, il risultato potrebbe essere diverso.

Riconsiderare gli accordi di libero scambio in sospeso

Ora sembra che il governo abbia riconsiderato quella strategia.

Martedì alla riunione ministeriale del Gruppo dei Venti in Italia, Joyal Ha detto Hanno incontrato quasi 15 ministri degli esteri per rafforzare la posizione commerciale dell’India. Questa è un’estensione del modo in cui il governo Modi ha iniziato quest’anno, riconsiderando gli accordi di libero scambio in sospeso con paesi come Australia, Regno Unito, Unione Europea ed Emirati Arabi Uniti. In alcuni casi, è stato aperto a affari temporanei o piccoli affari.

READ  L'OCSE avverte che la vaccinazione globale disuguale minaccia la ripresa economica

New Delhi prevede di finalizzare un accordo interinale con Canberra Entro Natale di quest’anno. Nel caso del Regno Unito, i servizi l’account per il 71 per cento del suo PIL, quindi piani per avviare i colloqui di libero scambio con l’India il mese prossimo e punta a un accordo sul raccolto anticipato entro marzo 2022.

L’India ha inoltre ripreso i negoziati per un ampio accordo commerciale e di investimento (BTIA) con l’Unione europea, in preparazione dal 2007, e speranze Aprire nuovi mercati ed espandere le opportunità per le aziende indiane ed europee.


Leggi anche: Il vicesegretario di Stato americano ha affermato che non c’è interesse a tornare ai giorni dell’India e del Pakistan descritti


‘Commercio irregolare, pandemia’ dietro una nuova strategia?

Secondo Ajay Sahi, direttore generale e amministratore delegato della Federation of Indian Export Organizations (FIEO), l’ente di promozione commerciale sotto il ministero del Commercio, questo cambiamento nella strategia dell’ALS del governo potrebbe essere stato determinato da molti fattori.

“In tutti i nostri accordi di libero scambio, è emersa una chiara tendenza secondo cui il mercato delle esportazioni non è cresciuto con il tasso di crescita delle importazioni da questi paesi. Ciò potrebbe aver indotto il cambio di strategia”, ha affermato Sahai.

Alla domanda se la pandemia di Covid-19 abbia avuto un ruolo, ha detto: “Oggi China Plus One è diventata una strategia per tutti i paesi. L’India è apparsa sul radar delle società commerciali come alternativa alla Cina”.

China Plus One ااتيجية Strategia Torna a Investitori e paesi che non si affidano esclusivamente alla Cina per la produzione.

Dheeraj Nayyar, capo economista di Vedanta Resources e presidente del Consiglio nazionale del commercio ad Assocham, ha spiegato che il commercio dell’India ha sofferto nei primi anni in quanto ha collaborato con nazioni competitive.

I primi accordi di libero scambio che l’India ha firmato con i paesi erano più competitivi, soprattutto quando si trattava di produzione. Il motivo per cui le nostre esportazioni non stavano crescendo non era perché le aziende non erano operative, ma perché l’infrastruttura e il contesto politico non fornivano un supporto sufficiente, ha detto Nayyar a ThePrint, aggiungendo che gli accordi di libero scambio dell’India tendono a concentrarsi più sui beni che sui servizi, sebbene quest’ultimo Era la sua forza.

Abbiamo scelto i paesi sbagliati e le condizioni sbagliate. Ora abbiamo scelto le persone giuste, come l’Unione Europea e gli Stati Uniti”. “Sono economie ad alto costo di industrializzazione di massa e ora stanno cercando un’alternativa alla Cina. L’India potrebbe avere una possibilità, ma anche Vietnam e Bangladesh avranno una possibilità”.

(a cura di Arun Prashanth)

READ  Le banche italiane riducono le sofferenze al livello pre-crisi dell'euro

Leggi anche: È passato molto tempo da quando Stati Uniti e India hanno preso sul serio le relazioni commerciali: il presidente della US Trade Commission Biswal


Iscriviti ai nostri canali su Youtube & cavo

Perché i media sono in crisi e come puoi risolverlo

L’India ha bisogno di una stampa libera, equa, non connessa e più scettica in un momento in cui sta affrontando molteplici crisi.

Ma i media sono in crisi. Ci sono stati licenziamenti brutali e tagli salariali. Il meglio del giornalismo sta diminuendo, risultando in una scena maleducata in prima serata.

ThePrint ha i migliori giovani giornalisti, editorialisti ed editori che lavorano per questo. Mantenere un giornalismo di questa qualità ha bisogno di persone intelligenti e premurose come te che lo paghino. Che tu viva in India o all’estero, puoi farlo qui.

sostieni la nostra stampa