Spiegazione: qual è la differenza tra 1,5°C e 2°C per il riscaldamento globale?

Glasgow (Reuters) – Al vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, i leader mondiali hanno ripetutamente sottolineato la necessità di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius.

L’accordo di Parigi del 2015 impegna i paesi a limitare l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali e punta a 1,5°C.

Superare la soglia di 1,5°C rischia di scatenare gravi impatti del cambiamento climatico su persone, fauna selvatica ed ecosistemi, hanno affermato gli scienziati.

Per prevenirlo è necessario quasi dimezzare le emissioni globali di anidride carbonica entro il 2030 dai livelli del 2010 e ridurle a zero entro il 2050: un compito ambizioso che scienziati, finanzieri, negoziatori e attivisti della COP26 stanno discutendo su come raggiungerlo e pagarlo.

Ma qual è la differenza tra il riscaldamento tra 1,5°C e 2°C? Abbiamo chiesto a diversi studiosi di spiegare:

Dove siamo ora?

La temperatura globale è già salita a circa 1,1°C rispetto ai livelli preindustriali. Ciascuno degli ultimi quattro decenni è stato più caldo di qualsiasi altro dal 1850.

“Non abbiamo visto un tale riscaldamento globale in pochi decenni”, ha affermato la climatologica Daniela Jakob presso il Climate Services Center in Germania. “Mezzo grado significa condizioni meteorologiche più rigide e spesso può essere più intenso o esteso nella durata”.

Solo quest’anno piogge torrenziali hanno inondato la Cina e l’Europa occidentale, uccidendo centinaia di persone. Centinaia di persone sono morte quando le temperature nel nord-ovest del Pacifico hanno raggiunto livelli record. La Groenlandia ha subito un massiccio scioglimento, incendi hanno devastato il Mediterraneo e la Siberia e una siccità record ha colpito parti del Brasile.

READ  Spiegazione: La crisi in Ciad, perché la Francia è bloccata nei paesi del Sahel

“Il cambiamento climatico sta già colpendo ogni area abitata del mondo”, ha affermato la climatologa Rachel Warren dell’Università dell’East Anglia.

Caldo, pioggia e siccità

Un ulteriore riscaldamento a 1,5°C e oltre aggraverà questi effetti.

“Per ogni aumento del riscaldamento globale, i cambiamenti negli estremi diventano più grandi”, ha affermato la climatologa Sonia Seneviratne dell’ETH di Zurigo.

Ad esempio, le ondate di calore diventeranno più frequenti e intense.

Secondo il Climate Science Committee (IPCC) delle Nazioni Unite, un evento di calore estremo che si verifica una volta ogni decennio in un clima senza influenza umana potrebbe verificarsi 4,1 volte ogni decennio a 1,5°C di riscaldamento e 5,6 volte a 2°C.

Lascia che il riscaldamento raggiunga i 4°C e un evento come questo potrebbe accadere 9,4 volte ogni decennio.

Un’atmosfera più calda può anche trattenere più umidità, con conseguenti piogge più intense che aumentano il rischio di inondazioni. Aumenta anche l’evaporazione, che porta a siccità più gravi.

Variazioni della temperatura superficiale media annua e delle precipitazioni.

Una bottiglia viene schiacciata sulla terraferma della diga di Jaguri, che fa parte del sistema di invasi di Cantarera, durante un periodo di siccità a Guanopolis, vicino a San Paolo, in Brasile, l’8 ottobre 2021. REUTERS/AMANDA PERUBELLI/File Photo

Ghiaccio, mari, barriere coralline

La differenza tra 1,5°C e 2°C è fondamentale per gli oceani e le regioni fredde della Terra.

“A 1,5 gradi Celsius, ci sono buone possibilità di impedire il collasso della maggior parte della calotta glaciale della Groenlandia e dell’Antartico occidentale”, ha affermato il climatologo Michael Mann della Penn State University.

Ciò contribuirà a limitare l’innalzamento del livello del mare a pochi metri entro la fine del secolo, un cambiamento importante che eroderà le coste e inonderà alcuni piccoli stati insulari e città costiere.

READ  Il Pakistan è utile solo agli Stati Uniti per ripulire il "pasticcio" dell'Afghanistan: Khan | Notizie su Imran Khan

Ma Mann ha detto che i colpi sopra i 2 gradi Celsius potrebbero far crollare le calotte glaciali, con il livello del mare che sale fino a 10 metri (30 piedi), anche se non è chiaro quanto velocemente ciò possa accadere.

Il riscaldamento di 1,5°C distruggerebbe almeno il 70% dei coralli, ma a 2°C si perderebbe più del 99%. Ciò distruggerà gli habitat e le comunità ittiche che dipendono dalle barriere coralline per il loro cibo e mezzi di sussistenza.

cibo, foreste, malattie

Il riscaldamento di 2°C, contro 1,5°C, aumenterà l’impatto sulla produzione alimentare.

“Se si verificano fallimenti del raccolto in due dei granai del mondo contemporaneamente, è possibile vedere i prezzi del cibo alle stelle, la fame e la fame in vaste aree del mondo”, ha affermato lo scienziato del clima Simon Lewis dell’University College di Londra.

Un mondo più caldo potrebbe vedere le zanzare che portano malattie come la malaria e la dengue diffondersi più ampiamente. Ma due gradi Celsius vedrebbero anche una quota maggiore di insetti e animali perdere la maggior parte del loro habitat, rispetto a 1,5 gradi Celsius, e aumentare il rischio di incendi boschivi, un altro pericolo per la fauna selvatica.

‘punti critici’

Man mano che il mondo si riscalda, aumenta il rischio che il pianeta raggiunga “punti di non ritorno”, per cui i sistemi della Terra attraversano una soglia che porta a effetti irreversibili o a cascata. Non è certo esattamente quando questi punti verranno raggiunti.

La siccità, la riduzione delle precipitazioni e la continua distruzione dell’Amazzonia attraverso la deforestazione, ad esempio, possono portare al collasso del sistema della foresta pluviale, rilasciando anidride carbonica nell’atmosfera invece di immagazzinarla. Oppure un permafrost artico in fase di riscaldamento potrebbe decomporre la biomassa congelata a lungo, rilasciando enormi quantità di emissioni di carbonio.

READ  La statua del Maharaja Ranjit Singh vandalizzata in Pakistan e una persona arrestata | notizie dal mondo

“Ecco perché è così pericoloso continuare a emettere da combustibili fossili… perché aumentiamo la probabilità che supereremo uno di questi punti critici”, ha detto Lewis.

Oltre i 2 gradi Celsius

Finora, gli impegni sul clima che i paesi hanno fatto al Registro degli impegni delle Nazioni Unite hanno messo il mondo sulla buona strada per un riscaldamento di 2,7 ° C. Agenzia Internazionale dell’Energia Giovedì ha detto Che le nuove promesse annunciate al vertice della COP26 – se mantenute – potrebbero portare la temperatura a salire al di sotto di 1,8 gradi Celsius, anche se questo calcolo è stato contestato da alcuni esperti. Resta da vedere se quelle promesse si traducono in azione nel mondo reale. Per saperne di più

Il riscaldamento di 2,7 ° C fornirebbe “calore invivibile” per parti dell’anno nelle regioni dei tropici e subtropicali. Gli scienziati hanno affermato che la biodiversità sarebbe enormemente impoverita, la sicurezza alimentare diminuirebbe e il maltempo supererebbe la capacità di adattamento della maggior parte delle infrastrutture urbane.

“Se riusciamo a mantenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 3°C, probabilmente rimarremo all’interno della nostra capacità di adattamento come civiltà, ma a 2,7°C dovremo affrontare grandi difficoltà”, ha detto Mann.

(Segnalazione di Kate Abnett Editing) Di Katie Daigle e Frances Kerry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Pallacanestro delle studentesse universitarie: Siracusa fa tabula rasa e parte una lista quasi completamente nuova | Sport universitario
Next Post Il DLC Tiny Tina di Borderlands 2 è ora disponibile come standalone