Spiegazione: perché le norme UE sui caricabatterie più diffusi possono far sì che l’iPhone venga utilizzato senza porte di ricarica

La Commissione Europea giovedì ha proposto una nuova regola che costringerebbe tutti i produttori di telefoni cellulari e altri dispositivi elettronici ad adottare un’unica soluzione di ricarica globale. Una linea guida di 18 pagine affermava chiaramente che un mittente comune di tutti i marchi “avrebbe beneficiato i consumatori e avrebbe ridotto i rifiuti elettronici”. Ma se c’è un marchio che sarà colpito più di altri dalla mossa, sarà Apple che dovrà ridisegnare i suoi iPhone da zero per rispettare le regole.

Spieghiamo perché l’UE vuole che ogni telefono abbia lo stesso caricabatterie e cosa significa la direttiva per l’industria tecnologica.

L’Unione Europea suggerisce un caricabatterie universale per tutti i telefoni

Da anni il Parlamento europeo spinge per un caricabatterie comune per i telefoni cellulari. Ma la Commissione Europea, il ramo esecutivo dell’Unione Europea, questa settimana ha annunciato un nuovo piano per standardizzare le prese di ricarica per dispositivi di elettronica di consumo come smartphone e tablet venduti all’interno del blocco di 27 nazioni. La nuova proposta sembra essere più solida e, una volta approvata, renderà obbligatorio l’uso di USB-C come standard comune per quasi tutti i telefoni e altri piccoli dispositivi elettronici portatili. La proposta legislativa sarà discussa per la prima volta dal Parlamento europeo in legge. Il Parlamento ha già votato a favore di nuove regole su un caricatore comune nel 2020.

I produttori di dispositivi avranno solo 24 mesi per conformarsi alle regole e apportare modifiche ai loro prodotti di conseguenza.

Se la Commissione europea andrà avanti con i suoi piani per rendere obbligatori i caricabatterie comuni su tutti gli smartphone, la mossa danneggerà Apple più dei rivali tra cui Samsung, OnePlus e Xioami.

“I consumatori europei sono stati frustrati abbastanza a lungo dall’accumulo di caricabatterie incompatibili nei loro cassetti”, ha dichiarato in un comunicato stampa Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea. “Abbiamo dato al settore tutto il tempo per trovare le proprie soluzioni e ora è il momento di intraprendere un’azione legislativa per un caricabatterie comune”.

La proposta di linea guida rivista per le apparecchiature radio mira a favorire una porta di ricarica USB-C comune che sia conveniente per i consumatori, ma la mossa riduce anche gli sprechi. La proposta “guidata” stabilirebbe anche una tecnologia di ricarica rapida “coordinata” che impedirebbe ai produttori di ridurre la velocità di ricarica. Pertanto, quando un consumatore acquista un dispositivo senza caricabatterie, dovrebbe ricevere una guida adeguata sugli standard di ricarica supportati dal proprio dispositivo. A differenza del regolatore brasiliano che continua a insistere affinché i produttori assemblano il caricabatterie all’interno della scatola del dispositivo, la Commissione europea preferisce separare il caricabatterie dai nuovi prodotti. La mossa interesserà smartphone, tablet, cuffie, fotocamere, altoparlanti e console per videogiochi.

READ  Nintendo nega che lo Switch 4K che tutti vogliono sia in lavorazione

Cos’è l’USB-C?

USB è l’acronimo di “Universal Serial Bus”, uno standard industriale per le comunicazioni di dati digitali a breve distanza. USB-C è l’ultima versione di questo standard ed è lo stesso, quindi può essere inserito in entrambi i modi. USB-C è un singolo cavo in grado di trasferire dati, audio, video e alimentazione. Ad esempio, puoi collegare il tuo laptop a un monitor esterno utilizzando un cavo USB-C. Questo è molto più veloce di USB 2.0.

Alcuni degli smartphone Android più popolari tra cui Samsung Galaxy S21, Nintendo Switch, Dell XPS 13, MacBook e persino iPad supportano USB-C. Uno studio di valutazione dell’impatto della Commissione del 2019 ha rilevato che la metà dei caricabatterie venduti con i telefoni cellulari nell’UE nel 2018 aveva un connettore USB micro-B, mentre il 29% aveva un connettore USB-C e il 21% aveva un connettore Lightning.

Perché la proposta dell’UE di creare una porta di ricarica comune per tutti i dispositivi è una cattiva notizia per Apple?

A differenza di Samsung che carica i suoi smartphone Galaxy con porte USB-C, Apple utilizza il proprio connettore Lightning per caricare l’iPhone. Il connettore Lightning è stato introdotto nel 2012 con l’arrivo dell’iPhone 5 e da allora Apple è rimasta fedele al connettore Lightning nei suoi prodotti di maggior successo, sebbene gli altri suoi prodotti come l’iPad Air 4 e i recenti MacBook ora utilizzino USB-C invece di Lightning come loro connettore standard. Anche l’ultima serie di iPhone 13 di Apple utilizza il connettore Lightning standard per la ricarica.

Se la Commissione europea andrà avanti con i suoi piani per rendere obbligatori i caricabatterie comuni su tutti gli smartphone, la mossa danneggerà Apple più dei rivali tra cui Samsung, OnePlus e Xioami.

READ  OnePlus invia un avviso legale all'avvocato che ha affermato l'esplosione in Nord 2 e gli chiede di eliminare i tweet e scusarsi

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

Per anni Apple ha resistito all’idea di mettere la porta standard nei suoi dispositivi, in particolare su iPhone, che è forse il prodotto di maggior successo dell’ultimo decennio. E c’è un motivo per cui l’iPhone supporta ancora il connettore Lightning e non USB-C. Rimuovendo il connettore Lightning dall’iPhone, Apple avrà un successo nel redditizio business degli accessori. C’è un ecosistema attorno al connettore Lightning e ucciderlo istantaneamente causerà problemi ai produttori di accessori, inoltre questa mossa può essere particolarmente fastidiosa per i consumatori.

La società di Cupertino ha ripetutamente avvertito che la proposta dell’UE per un caricabatterie comune danneggerebbe “l’innovazione” e creerebbe una montagna di rifiuti elettronici se i consumatori fossero costretti a passare a nuovi caricabatterie. “Apple è sinonimo di innovazione”, ha scritto la società nel suo modulo di commento del 2019 opponendosi all’iniziativa. “Vogliamo assicurarci che qualsiasi nuova legislazione non comporti la spedizione di cavi o adattatori esterni non necessari con ogni dispositivo o renda obsoleti i dispositivi e gli accessori utilizzati da milioni di europei e centinaia di milioni di clienti Apple in tutto il mondo”. Ha aggiunto.

Cosa farà Apple dopo?

L’Europa è un mercato importante per Apple. Ma Apple non produce prodotti specifici per paese. Quindi non aspettarti che questa strategia cambi anche se i legislatori dell’UE riusciranno a standardizzare le porte di ricarica per dispositivi come smartphone e tablet. Apple ha due opzioni: passare l’iPhone a USB-C o sviluppare invece un iPhone senza porta.

Secondo il sito web tecnologico The Verge, la proposta della Commissione europea è limitata alla ricarica cablata standard e non alla ricarica wireless. Ciò significa che se l’iPhone diventa completamente wireless in futuro, Apple non dovrà aggiungere una porta USB-C. Ciò consente ad Apple di caricare l’iPhone senza porte e di eliminare completamente i cavi. Va notato che la proposta della Commissione deve prima ottenere l’approvazione del Parlamento europeo e del Consiglio europeo, nonché un “periodo di transizione” di due anni che consentirà ad Apple di lanciare un iPhone completamente wireless e senza porta.

READ  I residenti di San Antonio hanno riferito di aver visto una meteora nel cielo

Le prospettive per i futuri iPhone senza porta hanno più senso e Apple sta già accennando a un futuro senza porta con MagSafe, un sistema di ricarica wireless che sfrutta una serie di magneti che agganciano l’iPhone 12 o l’iPhone 13 Pro su un disco MagSafe. Questa idea MagSafe evita la necessità di un connettore Lightning, sebbene gli iPhone abbiano ancora questo sistema di ricarica ma non caricano più l’adattatore a muro e gli auricolari cablati nella confezione.

📣 Iscriviti ora 📣: Spiegazione del canale Express Telegram

In effetti, i rapporti precedenti hanno affermato che Apple caricherà l’iPhone senza porte e passerà completamente alla ricarica wireless. Apple non è contraria ad apportare modifiche drastiche all’iPhone. Ad esempio, il jack per cuffie da 3,5 mm ucciso con l’iPhone 7 e l’intera industria degli smartphone ha seguito quel passaggio e si è sbarazzato del jack per cuffie dai loro telefoni di punta.

Mentre Apple ha adottato per la prima volta la ricarica wireless aggiungendo la ricarica induttiva wireless basata su Qi a iPhone 8 e iPhone X nel 2017, la verità è che la tecnologia è molto più lenta del vecchio adattatore a muro. La serie iPhone 13, ad esempio, supporta la ricarica Qi fino a 7,5 W e la ricarica wireless MagSafe fino a 15 W.

Al contrario, OnePlus 9 Pro supporta la ricarica wireless da 50 W. Xiaomi ha recentemente annunciato un supporto per caricabatterie wireless da 100 W in grado di caricare completamente la batteria da 4.500 mAh del Mi Mix 4 in 28 minuti. Quindi sì, le cose stanno migliorando ogni anno, anche se la ricarica wireless è ancora nella fase iniziale finora.

Apple non è ancora riuscita a utilizzare un caricabatterie wireless autonomo. Ha provato a costruire un caricabatterie wireless AirPower, ma alla fine non è riuscita a caricare il dispositivo a causa di problemi tecnici. Da diversi mesi circolano segnalazioni di un nuovo pad di ricarica wireless, anche se resta da vedere se Apple gestirà il prodotto o se dovrà affrontare la stessa sorte di AirPower.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Scambio di prigionieri: il Canada rilascia il CFO Huawei Meng Wanzhou, la Cina rilascia due canadesi | notizie dal mondo
Next Post Tutto quello che vuoi sapere