Spiegazione: perché le forze armate indiane non usano il termine “martire” per le persone che muoiono nell’adempimento del dovere

Il 28 marzo il Ministero della Difesa ha chiarito in Parlamento che le forze armate indiane non usano il termine “martire” per le persone che sacrificano la propria vita nell’esercizio del proprio dovere.

Perché e come questo problema è stato sollevato nel dibattito pubblico negli ultimi anni?

🗞️ Abbonati ora: ottieni Express Premium per accedere ai migliori report e analisi elettorali 🗞️

Qual è l’ultima dichiarazione rilasciata dal ministero della Difesa in merito al termine “martire”?

Il 28 marzo, durante la sessione parlamentare in corso, il Ministro della Difesa ha risposto a una domanda posta dal Dr. Santanu Sen della Conferenza Trinamool a Rajya Sabha sul termine “martire”. Il dottor Sen aveva chiesto se il governo avesse smesso di usare il termine “martire” per coloro che avevano compiuto il maggior sacrificio nell’esercizio del proprio dovere.

Il ministro della Difesa ha informato la Camera dei rappresentanti che “il termine ‘Shahid’ non è usato nelle forze armate indiane”.

Qual è stata la posizione del governo al riguardo in passato?

Per quasi un decennio, il governo ha sostenuto che la parola “martire” non ha alcun riconoscimento ufficiale.

Nel 2013 e nel 2014, il Ministero dell’Interno ha chiarito nelle sue risposte alle richieste di RTI che le parole “martire” e “martire” non erano definite da nessuna parte dal governo indiano.

Nel dicembre 2015, l’allora ministro dell’Interno Kiren Riejo ha dichiarato nel Lok Sabha che il ministero della Difesa era stato informato che la parola “martire” non era usata in riferimento a nessuna delle vittime delle forze armate indiane. Ha aggiunto che tali termini non sono utilizzati nemmeno per il personale delle forze di polizia armate centrali (CAPF) e dei fucili d’Assam.

READ  La morte della regina Elisabetta potrebbe portare a una riconciliazione reale per il principe Harry, Meghan Markle

Nel dicembre 2021 Ministro di Stato per gli Affari Interni Nityan e Rai Ancora una volta il Rajya Sabha è stato informato che non esiste una designazione ufficiale come “Shahid”.

Qual è l’obiezione alla parola “martire”?

La parola “martire” ha connotazioni religiose ed è stata usata nella storia per riferirsi ai sacrifici fatti dalle persone per le loro credenze religiose, in particolare nel cristianesimo. La parola “martire”, che è usata come alternativa Hindustani alla parola “martire”, ha anche connotazioni religiose ed è associata al concetto di martirio nell’Islam.

Si dice che la parola “martire” abbia le sue radici nella parola greca per “martirio”. Vari dizionari definiscono “martire” una persona che riceve volontariamente la pena di morte come punizione per aver rifiutato di rinunciare alla religione.

Poiché le forze armate indiane non sono associate a nessuna religione e non sacrificano la propria vita per i principi religiosi, l’uso di tali parole di sacrificio è stato trovato erroneamente in diversi ambienti, inclusi alti ufficiali dell’esercito. Diversi alti ufficiali in pensione ed esperti legali hanno sottolineato che l’uso del termine “martire” o “martire” per riferirsi a un soldato che muore per il suo paese non è corretto dal punto di vista indiano.

Quali misure sono state adottate per impedire l’uso della parola “martire”?

Nonostante le ripetute assicurazioni del governo che non vi era alcun riconoscimento ufficiale della parola “martire”, è stato liberamente utilizzato nelle dichiarazioni del governo rilasciate da vari funzionari delle pubbliche relazioni dei servizi di difesa e CAPF. E ‘stato anche usato frequentemente da molti alti ufficiali in servizio e in pensione per descrivere l’uccisione di soldati sul lavoro. Così, la parola è rimasta di uso comune.

READ  Donald Trump e la sua famiglia partecipano al funerale di Ivana Trump a New York City | notizie dal mondo

Nel febbraio 2022, l’esercito ha emesso una lettera a tutti i suoi comandanti chiedendo loro di smettere di usare la parola “martire” poiché potrebbe non essere appropriato per i soldati che muoiono in servizio. Invece, è stato chiesto loro di usare frasi come “hanno dato la vita”, “uccisi in azione”, “il grande sacrificio per la nazione”, “eroi caduti”, “i soldati coraggiosi e caduti dell’esercito indiano” e ” Vittime della battaglia.”, “Coraggiosi”, “I coraggiosi che abbiamo perso” e fergati / fergati prabt / vir.

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione del giorno nella tua casella di posta

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Risultati in tempo reale di Senegal vs Egitto, risultati in diretta dalle qualificazioni ai Mondiali d’Africa, aggiornamenti, momenti salienti e serie
Next Post Rifornimento PS5 29 marzo 2022: dove puoi acquistare azioni? (Stati Uniti e Regno Unito)