Spiegazione: perché Jagmeet Singh potrebbe essere di nuovo un re in Canada?

Lunedì il Partito Liberale canadese ha vinto il maggior numero di seggi alle elezioni parlamentari anticipate, ma la scommessa del primo ministro Justin Trudeau per assicurarsi la maggioranza è fallita.

Il risultato è quasi identico a quello del 2019 e Trudeau, che è primo ministro dal 2015, dovrà continuare a fare affidamento su altri partiti, primo fra tutti il ​​New Democratic Party (NDP) di Jagmeet Singh e quello di Yves Francois Blanchett. Bloc Quebecois – Per approvare la legislazione e rimanere al potere.

elezioni e risultati

Trudeau ha indetto le elezioni con più di due anni di anticipo, dicendo che aveva bisogno di un mandato chiaro per guidare il Canada COVID-19 Pandemia e difficile ripresa economica. L’opposizione a guida conservatrice guidata da Irene O-Toole ha denunciato il tentativo di “prendere il potere”, ei sondaggi hanno mostrato che la maggioranza dei canadesi non crede che il voto sia necessario.

Gli ultimi risultati mostrano che i liberali di Trudeau hanno vinto o sono in vantaggio in 158 collegi elettorali, un seggio in più rispetto a quanto hanno vinto nel 2019 e meno dei 170 richiesti per la maggioranza. I conservatori hanno vinto 119 seggi.

Il Partito Nazionale Democratico, i suoi attuali alleati, ha vinto 25 seggi, abbastanza per continuare ad essere l’arbitro della politica caso per caso. Bloc Quebecois avrebbe dovuto vincere 34 seggi.

I Nuovi Democratici

Jagmeet Singh ha vinto da Burnaby South, un distretto elettorale federale nella Columbia Britannica dove oltre il 70 per cento della popolazione è una netta minoranza. Tuttavia, il suo partito è andato peggio rispetto al 2019, quando ha vinto 44 seggi.

READ  I casi giornalieri di Covid in India sono i più bassi in due mesi, 2.677 morti in 24 ore 24

L’NDP ha affermato che sosterrà il governo Trudeau su una serie di questioni sociali e ambientali, ma continuerà a premere su questioni progressiste, tra cui il perdono dei prestiti agli studenti e il cambiamento climatico.

“Continueremo a combattere per te nello stesso modo in cui abbiamo combattuto per te durante la pandemia”, ha detto Singh, secondo un rapporto del Canadian CTV News. “Continueremo a lottare per assicurarci che i ricchi paghino la loro giusta quota… in modo che l’onere non ricada su di te e sulla tua famiglia”.

Una delle principali promesse della campagna elettorale di Singh era di tassare i super ricchi. Ha detto a CTV che una delle sue priorità una volta che il nuovo governo sarà insediato sarà garantire che i miliardari paghino la loro giusta quota del costo della pandemia.

Leader pro-Khalistan

Nato e cresciuto in Canada, Singh è un ex avvocato penalista. Ha vinto la sua prima elezione nel 2011, è diventato rapidamente famoso per la sua politica progressista, il suo carisma e il suo stile di abbigliamento glamour.

È diventato il leader del Partito nazionale democratico nel 2017 e ha ripetutamente espresso la sua ambizione di candidarsi come primo ministro.

Il rapporto di Singh con l’India era complesso. La sua posizione pro-Khalestan e il suo esplicito sostegno al diritto all’autodeterminazione del Punjab hanno ripetutamente causato polemiche. Singh ha accusato l’India di “aver avviato una campagna di genocidio contro la minoranza sikh” in passato e ha presentato una risoluzione all’Assemblea dell’Ontario per descrivere le rivolte anti-sikh nel 1984 come “genocidio”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il principe William si gode una notte speciale all’Aston Villa Tournament | Reale | Notizia
Next Post Guarda la Xbox Series X personalizzata resuscitata da Diablo 2