Spiegazione: lo stato dell’economia pakistana

Un hacker ha pubblicato un tweet venerdì dal funzionario dell’ambasciata pachistana a Belgrado, sostenendo che i funzionari del governo non erano stati pagati per tre mesi a causa dell’accelerazione dell’inflazione, e ha chiesto sarcasticamente al primo ministro. Imran Khan Se questo è il “Naya Pakistan” che ha promesso. Il ministero degli Esteri di Islamabad ha affermato che l’accusa contenuta nel tweet era “infondata e irrealistica”.

Si prevede che la crescita del PIL del Pakistan raggiungerà il massimo in 4 anni del 5% nell’anno fiscale che si concluderà a giugno 2022 – nel frattempo, i crescenti rischi di inflazione e un’imminente crisi della bilancia dei pagamenti hanno fatto vacillare il paese oltre il limite, a seconda dei salvataggi. rimanere a galla.

Forex e crisi valutarie

Il Pakistan ha ripetutamente affrontato crisi macroeconomiche: iperinflazione, deficit delle partite correnti, deficit commerciali, esaurimento delle riserve valutarie e svalutazioni valutarie. Ha di nuovo un sacco di questi problemi.

Le due minacce immediate all’economia del paese da 263 miliardi di dollari provengono da un accumulo di pressioni inflazionistiche e da una crisi dei pagamenti che deriva da una combinazione di fattori globali e interni, problemi esacerbati dalla pandemia. La situazione è simile e peggiore della crisi del 2018, quando le riserve valutarie del Pakistan sono scese al livello più basso da diversi anni.

Al 19 novembre, le riserve estere liquide totali del Pakistan ammontavano a 22,773 miliardi di dollari, secondo la State Bank of Pakistan (SBP), la banca centrale del paese. Di questo importo, la Social Investment Bank deteneva 16,254 miliardi di dollari; Il resto era con le banche commerciali. Geo News ha riferito che le riserve di SBP sono diminuite di $ 691 milioni durante la settimana terminata il 19 novembre, principalmente a causa dei pagamenti del debito estero.

La crescita economica annuale del Pakistan nell’anno solare 2018 è stata del 5,8%, ma è scesa allo 0,99% un anno dopo e poi allo 0,53% nel 2020, secondo la Banca mondiale. Ciò ha accumulato un disavanzo delle partite correnti, che tiene traccia della differenza tra l’importazione e l’esportazione di beni e servizi da parte di un paese e include i trasferimenti netti come gli aiuti esteri, in un periodo specificato.

Un disavanzo persistentemente elevato può portare a un eccesso di offerta della valuta di un paese nel mercato dei cambi, che alla fine influisce negativamente sul valore della valuta: questa è la ragione del deterioramento della rupia pakistana.

READ  Dai droni agli aerei ... La Cina mostra il suo nuovo arsenale al più grande spettacolo aereo finora | notizie dal mondo

Piano di salvataggio del FMI

Con il calo della crescita e l’aumento degli obblighi di servizio del debito, il paese ha dovuto affrontare, come molte volte in passato, una potenziale crisi della bilancia dei pagamenti. Una crisi della bilancia dei pagamenti si innesca quando un paese non è in grado di finanziare le fatture di importazione o di onorare il proprio debito estero. Il Pakistan importa la maggior parte degli articoli per il consumo interno, il che lo rende più vulnerabile a queste pressioni; I crescenti obblighi di servizio del debito si sono aggiunti alla pressione.

Nel 2019, il Pakistan ha cercato di salvare un’ancora di salvezza dal FMI, come ha fatto 13 volte negli ultimi quattro decenni. In cambio di un pacchetto di finanziamento di 6 miliardi di dollari, il Pakistan ha dovuto impegnarsi in riforme strutturali e riduzione del debito pubblico. Ma il piano di finanziamento è stato interrotto all’inizio di quest’anno a causa di problemi con gli impegni di riforma e un accordo può essere raggiunto solo il 22 novembre.

“Le autorità pakistane e il personale del Fondo monetario internazionale hanno raggiunto un accordo a livello di personale sulle politiche e le riforme necessarie per completare la sesta revisione”, ha affermato il Fondo monetario internazionale in una dichiarazione quel giorno. Una volta completata la revisione, il Pakistan disporrà di 750 milioni di dollari in diritti speciali di prelievo dell’FMI (circa 1 miliardo di dollari), per un pagamento totale di circa 3 miliardi di dollari.

Lo stesso giorno, Shaukat Tarin, che è l’equivalente del ministro delle finanze pakistano, si è impegnato ad attuare altre quattro misure: ritirare agevolazioni fiscali e sussidi, aumentare i dazi sui prodotti petroliferi, aumentare le tariffe energetiche e rivedere circa 1,4 miliardi di dollari in “denaro extra” prestato in Pakistan nell’aprile 2020 in condizioni di luce epidemica.

I titoli di stato pakistani hanno reagito il giorno in cui è stato concluso l’accordo, balzando tra 1,3 e 2,8 centesimi sul dollaro USA, il loro miglior giorno in più di un anno, secondo i dati Reuters.

READ  L'OMS avverte che casi elevati di Omicron potrebbero portare a varianti più pericolose di COVID-19

accordo saudita

Il 27 novembre, secondo quanto riportato dai media locali, il Pakistan avrebbe ottenuto un prestito di 3 miliardi di dollari dall’Arabia Saudita in quanto il governo ha approvato un accordo per mantenere l’importo nella banca centrale. Nel novembre 2018, il Pakistan ha firmato un prestito di 3 miliardi di dollari, di cui circa 1 miliardo di dollari sarebbe stato erogato.

Secondo il nuovo accordo, 3 miliardi di dollari dal governo saudita rimarranno nel conto di deposito della SBP per un anno, ha riferito Geo News. Ha citato Muzammil Aslam, portavoce del consulente finanziario del Primo Ministro, secondo cui il Pakistan prevede di ottenere 7 miliardi di dollari da tre fonti entro i prossimi 60 giorni, inclusi 3 miliardi di dollari in depositi dall’Arabia Saudita e un impianto petrolifero saudita da 1,2 miliardi di dollari. con pagamenti dilazionati Impianti petroliferi per la Banca islamica di sviluppo per 800 milioni di dollari. Ha detto che tutti questi afflussi di dollari sarebbero stati sufficienti per alleviare la pressione sulle fatture delle importazioni del paese. Ma l’accordo di prestito con l’Arabia Saudita arriva con termini molto rigidi, inclusi tassi di interesse record di circa il 4%, termini di default quasi severi e restrizioni al ricorso legale che il Pakistan avrà contro qualsiasi richiesta saudita.

alta inflazione

Secondo i media, l’inflazione record in Pakistan ha fatto salire i prezzi dei prodotti di prima necessità tra le crescenti minacce di disordini. L’inflazione complessiva è stata dell’11,5% a novembre, rispetto al 9,2% di ottobre.

Secondo la State Bank of Pakistan, nella maggior parte dei mesi dalla metà del 2019 l’inflazione alimentare annua è a doppia cifra, salendo al 23,6% a gennaio 2020, al 17,8% a luglio 2020 e al 15,9% ad aprile 2021. 17 novembre Documento della Banca Mondiale. Novembre ha visto un ritorno alla doppia cifra.

Secondo il presidente dell’Associazione dei consumatori pakistani, Kawkab Iqbal: “L’aumento dei prezzi degli alimenti, in particolare di frutta fresca, latte e pollo, ha un impatto significativo sugli standard di vita e sull’alimentazione di tutte le famiglie. Ma gran parte del fardello ricade sui poveri poiché i prezzi elevati mettono fuori dalla loro portata i cibi ricchi di proteine ​​e vitamine”.

READ  COVID-19 si diffonde in Nuova Zelanda in mezzo a un rigoroso blocco

Sebbene l’inflazione sia stata trainata anche dai prezzi globali delle materie prime, anche le politiche interne regressive non hanno aiutato le cose, poiché Islamabad ha “punito sistematicamente la produzione di prodotti di alto valore concentrando i sussidi su grano e canna da zucchero”, secondo il documento della Banca Mondiale di Daoud . Khan, Namash Nazar e Willem Janssen. Di conseguenza, il Pakistan rimane un importatore netto di prodotti orticoli e lattiero-caseari nonostante abbia un numero schiacciante di animali che producono al di sotto del potenziale e cotone per alimentare l’industria tessile locale, osservano gli autori.

Per quanto riguarda la bilancia dei pagamenti, il disavanzo delle partite correnti del Pakistan a settembre e ottobre è stato molto più elevato del previsto, riflettendo l’aumento dei prezzi del petrolio e delle materie prime e il miglioramento della domanda interna. L’onere di adeguarsi a queste pressioni esterne, come indicato dalla dichiarazione di politica monetaria della SBP di novembre, è ricaduto in gran parte sulla rupia. Il saldo dei rischi si è spostato dalla crescita verso l’inflazione e il conto corrente a un ritmo più rapido del previsto.

guardo avanti

Il Pakistan dovrebbe crescere di circa il 5% nell’anno fiscale 2021-22 (il ciclo annuale da luglio a giugno), ha dichiarato alla CNBC il 24 novembre il governatore della SPB Raza Baqer. Anche dalle importazioni non energetiche in Pakistan.

A settembre, Fitch Solutions prevede una crescita del 4,2% nell’anno conclusosi il 22 luglio, ben al di sotto della stima di Baqer. Le sue affermazioni sono anche più ottimistiche rispetto all’obiettivo del 4,8% del governo.

Il 24 novembre, SBP ha aumentato il suo tasso di riferimento di 150 punti base all’8,75%, rilevando che “i rischi relativi all’inflazione e alla bilancia dei pagamenti sono aumentati mentre le prospettive di crescita hanno continuato a migliorare {. La banca ha anche aumentato i requisiti di riserva di liquidità per le banche commerciali un punto percentuale Uno, la prima mossa del genere in oltre un decennio.

Ma Baqir ha sottolineato che il governo dovrebbe fare di più per ridurre l’inflazione, comprese misure per garantire che “non vi siano accaparramenti o speculazioni sui prezzi dei prodotti di base”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il più grande attore mondiale di energia rinnovabile innova il “fattore verde” chiave in Australia
Next Post Modalità PVP di Fire Emblem Heroes, Duelli di evocatori, Debutto