Spiegazione: La crisi in Ciad, perché la Francia è bloccata nei paesi del Sahel

La scorsa settimana, il presidente ciadiano più longevo Idriss Déby è morto per le ferite riportate durante gli scontri con il gruppo FACT (Fronte per il cambiamento e accordo in Ciad) in prima linea.

Poco dopo, il governo e il parlamento ciadiani furono sciolti in modo che un consiglio militare guidato da Mohamed Idriss Déby, figlio di Déby, potesse governare per i successivi 18 mesi. La mossa è stata ampiamente criticata, ma i militari promettono di tenere elezioni “libere e democratiche” una volta terminato il periodo di transizione.

L’ex colonia francese è ora un importante avamposto dell’Occidente che combatte i militanti islamisti in tutto il Sahel, la vasta regione tra il Sahara e la savana sudanese. La Francia rimane una forte presenza militare nella regione e ha sostenuto Deby nella lotta contro avversari politici e alleati. Tuttavia, la Francia ha cercato di disimpegnarsi dalla regione sin dalla ribellione del 2013 nella Repubblica Centrafricana. Con Debbie morente, questa potrebbe non essere un’uscita facile.

Il 20 aprile 2021, un portavoce dell’esercito ciadiano ha annunciato che il presidente ciadiano Idriss Deby era morto per le ferite riportate negli scontri con i ribelli nel nord del Paese.

Venerdì, durante i funerali di stato di Déby, il presidente francese Emmanuel Macron, l’unico capo di stato occidentale presente, si è seduto accanto al nuovo capo di stato, Mohamed Idriss Deby. La Francia ha difeso la presa del potere da parte dell’esercito ciadiano e Macron ha invitato il governo militare a promuovere “stabilità, integrazione, dialogo e democratizzazione”. Il motivo della Francia non è stabilire la democrazia, ma una stabilità sufficiente a ritirare le sue forze dalla regione.

READ  Gli Stati Uniti evacuano 4 cittadini dall'Afghanistan per la prima volta dal ritiro

Qual è la presenza militare francese nella regione?

Il motivo delle operazioni militari nei paesi del Sahel è combattere i gruppi islamisti, monitorare le ambizioni politiche e formare i futuri leader africani. Il Ciad è l’alleato più efficace e stabile della Francia nel Sahel nel raggiungimento di questi obiettivi.

Al momento, la Francia ha circa 5.100 soldati francesi e attrezzature militari avanzate nella regione del Sahel per l’operazione francese Barkhane, iniziata nel 2014 per guidare le operazioni di antiterrorismo nella regione del Sahel. Le forze sono permanentemente di stanza in Ciad. Solo nel 2020, la Francia ha speso 1,1 miliardi di dollari per l’operazione Barkhane.

La Francia afferma che il suo obiettivo è aiutare i paesi del Sahel a preservare la loro integrità territoriale e prevenire l’emergere di gruppi islamisti che minacciano la Francia e l’Occidente.

La Francia ha fornito un massiccio supporto militare e di intelligence al Ciad nel corso degli anni, anche quando ha dispiegato truppe e aerei da combattimento per respingere un attacco libico e sudanese. Continua inoltre a mantenere basi militari nelle città di confine del Ciad.

Perché la Francia vuole una via d’uscita?

La presenza militare francese nella regione è estremamente elevata. La maggior parte dei paesi occidentali che forniscono supporto militare alla Francia nel Sahel stanno cercando di ridurre le proprie forze e l’arsenale militare. La Germania quest’anno ha rifiutato di inviare più truppe per ulteriori operazioni nella regione. Anche gli Stati Uniti, le cui forze sono per lo più di stanza in Africa nel Sahel, stanno cercando di ridurre il loro numero.

Fin dal suo inizio, l’operazione Barkhane è diventata famosa per la morte di civili, attacchi armati ed esplosioni di mine. I civili nella regione del Sahel sono sempre più ostili alle forze straniere che non sono riuscite a proteggerli.

READ  Delhi registra zero morti, 30 casi di Covid

La popolarità di Macron ha avuto un grande successo in Francia a causa della morte di dozzine di soldati francesi e dei costi estremamente elevati. Si stima che circa 2 milioni di persone siano state sfollate, la maggior parte delle quali ora viene in Europa per chiedere asilo.

Perché la Francia non poteva uscire?

La Francia sa che se ritira le sue forze creerà un vuoto di sicurezza e le forze locali e le missioni di pace delle Nazioni Unite non saranno in grado di mantenere le operazioni e combattere da sole. Tutto ciò che la Francia ei suoi alleati hanno ottenuto andrà perso.

Iscriviti ora 📣: Spiegazione Canale Express di Telegram

La lotta al terrorismo è diventata più difficile poiché alti livelli di povertà, disoccupazione e crescita della popolazione rendono più facile per i jihadisti e i gruppi islamici reclutare più quadri.

Gli stati del Sahel, in particolare il Ciad, erano in gran parte riluttanti a investire nello sviluppo umano e risolvere le questioni transfrontaliere con mezzi diplomatici. Secondo l’International Crisis Group, la spesa per la difesa del Ciad rappresenta almeno il 30% del suo budget annuale. Durante i suoi 30 anni di governo, Déby non ha investito abbastanza nella costruzione della società o dell’economia del Ciad, e la nazione conta attualmente 187 nazioni su 189 nell’Indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.

Déby è rimasto autoritario per tutto il tempo e ha fortemente limitato la libertà personale, reprimendo gli oppositori e reprimendo il dissenso. È possibile che il nuovo governo guidato da suo figlio non sarà molto diverso.

L’opposizione più forte che il Ciad deve affrontare a livello nazionale è FACT, che si sta mobilitando contro il passaggio di consegne dell’esercito e si è impegnato a continuare le ostilità. Un portavoce di FACT ha detto a Reuters che stanno progettando di volare nella capitale, N’Djamena, e hanno inviato circa 400-450 veicoli in Ciad con a bordo migliaia di soldati.

READ  Un'esplosione di una bomba in Pakistan: 4 morti e 11 feriti nell'esplosione di un'autobomba in un hotel nel sud-ovest del Pakistan | notizie dal mondo

Il portavoce ha aggiunto che FACT non sta cercando di prendere il potere, ma di consolidare la democrazia e migliorare i servizi sociali. Ci sono crescenti preoccupazioni per la violenza e la destabilizzazione in Ciad che potrebbero portare a crisi umanitarie e potenziali di rifugiati.

Macron ha detto che non avrebbe tollerato alcun attacco al Ciad.

Nandini Mahajan Intern con Indianexpress.com

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post VOX POPULI: I dolci italiani non avranno lo stesso sapore durante la Golden Week: The Asahi Shimbun
Next Post La Russia espelle un diplomatico, l’Italia convoca un inviato