Spiegazione: Il conflitto tra Cina e Taiwan | Spiegando la notizia, Indian Express

Le tensioni tra Cina e Taiwan sono in aumento dal 1 ottobre, quando la Cina celebra la sua Giornata nazionale che segna la nascita della Repubblica popolare cinese.

In concomitanza con le celebrazioni del 72° anniversario, La Cina ha fatto volare più di 100 aerei da combattimento nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan, fa innervosire Taiwan e fa suonare campanelli d’allarme in tutto il mondo che si appresta a conquistare l’isola con la forza.

Sebbene in gran parte non riconosciuto da altre nazioni come tale, l’autonoma Taiwan si considera un paese indipendente e i suoi leader, incluso il presidente ferocemente indipendentista Tsai Ing-wen, hanno giurato di difendere la sua sovranità contro l’obiettivo cinese della “Riunione”.

Ma Taiwan dipende interamente dagli Stati Uniti per la sua difesa contro la potenziale aggressione cinese, motivo per cui ogni escalation delle tensioni militari tra Cina e Taiwan inietta più animosità nelle già tese relazioni tra Washington e Pechino.

1949: Fondazione della Repubblica Popolare Cinese

Taiwan, precedentemente nota come Formosa, una piccola isola al largo della costa orientale della Cina, è il luogo in cui i repubblicani cinesi si sono ritirati dal governo del Kuomintang dopo la vittoria dei comunisti nel 1949 – e da allora ha continuato a essere la Repubblica di Cina (RoC). L’isola si trova nel Mar Cinese Orientale, a nord-est di Hong Kong, a nord delle Filippine, a sud della Corea del Sud e a sud-ovest del Giappone. Ciò che sta accadendo a Taiwan e nei dintorni è fonte di profonda preoccupazione per tutta l’Asia orientale.

Taiwan celebra il 10 ottobre – “10 multipli” – come giornata nazionale; In questo giorno del 1911, sezioni dell’esercito manciù si ribellarono, portando infine al rovesciamento della dinastia Qing e alla fine di 4.000 anni di monarchia. La Repubblica del Congo è stata proclamata il 29 dicembre 1911 e ha fondato gli anni ’20 sotto la guida del dottor Sun Yat-sen, fondatore del Kuomintang (KMT).

Sun successe al generale Chiang Kai-shek, le cui azioni contro i comunisti cinesi, che facevano parte di un’alleanza con il KMT, portarono allo scoppio della guerra civile che si concluse con la vittoria dei comunisti e la ritirata di Chiang e del Km a Taiwan.

Sin dalla sua fondazione nel 1949, la Repubblica popolare cinese ha creduto che Taiwan dovesse essere riunificata con la terraferma, mentre la Repubblica popolare cinese è stata designata come paese “indipendente”. La Repubblica del Congo divenne la frontiera non comunista contro la Cina durante la Guerra Fredda, e fu l’unica “Cina” riconosciuta dalle Nazioni Unite fino al 1971. Fu allora che gli Stati Uniti stabilirono relazioni con la Cina attraverso la diplomazia segreta di Henry Kissinger , consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Richard Nixon .

READ  Afghanistan ora senza servizi di traffico aereo civile: IATA

Gli Stati Uniti sostengono l’indipendenza di Taiwan, mantengono relazioni con Taipei e vendono armi a Taipei, ma accettano ufficialmente la “politica della Cina unica” della Repubblica popolare cinese, il che significa che esiste un solo governo cinese legittimo. Solo 15 paesi, la maggior parte dei quali molto piccoli, riconoscono Taiwan.

Tensioni tra Cina e Taiwan

Nel 1954-55 e nel 1958, la Repubblica Popolare Cinese bombardò le isole di Jinmen, Mazu e Dashen sotto il controllo di Taiwan, provocando l’invasione degli Stati Uniti. Il Congresso approvò la Risoluzione Formosa che autorizzava il presidente Dwight Eisenhower a difendere il territorio della Repubblica Democratica del Congo.

Nel 1955, il primo ministro Zhou Enlai annunciò alla conferenza di Bandung di voler negoziare con gli Stati Uniti. Ma con lo scoppio della guerra civile in Libano nel 1958, la Cina riprese i bombardamenti, spingendo gli Stati Uniti a rifornire gli avamposti taiwanesi sulle isole. Quindi la Repubblica popolare cinese e la Repubblica di Cina hanno trovato un accordo per bombardare le guarnigioni l’una dell’altra a giorni alterni – questo è continuato fino al 1971 (Pietre miliari nella storia delle relazioni estere americane, history.state.gov)

Lo scontro più serio è arrivato nel 1995-1996, quando la Cina ha iniziato a testare missili nei mari intorno a Taiwan, portando alla più grande mobilitazione americana nella regione dalla guerra del Vietnam. I test hanno portato alla rielezione del presidente Lee Teng-hui nel 1996, considerato dai cinesi un leader indipendentista.

Xi ha ribadito che Taiwan (mappa) dovrebbe unirsi alla Cina.

politica di indipendenza

Nel 1975, Chiang Kai-shek morì, la legge marziale fu revocata e Taiwan ricevette le sue prime riforme democratiche. A partire dagli anni ’90, nonostante la crisi dei missili, le relazioni tra la Repubblica Popolare Cinese e la Repubblica Democratica del Congo sono migliorate e sono state stabilite relazioni commerciali. Mentre gli inglesi si preparavano a lasciare Hong Kong nel 1999, anche a Taiwan fu offerta una soluzione “una Cina, due sistemi”, ma i taiwanesi la rifiutarono.

Nel 2000, Taiwan ha ottenuto il suo primo governo al di fuori del Kuomintang, quando il Partito Democratico Progressista (DPP) nazionalista taiwanese ha vinto la presidenza. Nel 2004, la Cina ha iniziato a redigere una legge anti-secessione contro Taiwan. Tuttavia, il commercio e l’interdipendenza hanno continuato a migliorare.

READ  Quando riapriranno le scuole in UP, Karnataka, Punjab e altri stati?

Oggi, i due principali attori della politica taiwanese sono il Partito Democratico Progressista (DPP) e il Kuomintang (KMT), e più in generale i partiti rispettivamente della popolazione Hakka sull’isola e della minoranza cinese sulla terraferma. L’elezione del presidente Tsai nel 2016 ha segnato l’inizio di una forte fase pro-indipendenza a Taiwan e le attuali tensioni con la Cina hanno coinciso con la sua rielezione nel 2020.

Taiwan ora ha enormi interessi economici, compresi gli investimenti in Cina, e le sezioni indipendentiste temono che questo possa ostacolare i loro obiettivi. Al contrario, le sezioni del sistema politico favorevoli alla riunificazione, così come la Cina, sperano che la dipendenza economica e l’aumento dei contatti tra le persone indeboliscano la lobby indipendentista.

Il presidente cinese Xi Jinping a Pechino. (Foto AP/Andy Wong, file)

tensioni attuali

L’anno scorso, a causa del deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina a causa del COVID e del commercio, il Dipartimento di Stato ha inviato la sua più alta delegazione a Taipei. Durante la visita, i cinesi hanno condotto esercitazioni militari nello stretto di Taiwan che separa Taiwan dalla Cina continentale.

Nell’ottobre 2020, il presidente Xi Jinping ha chiesto all’Esercito di liberazione popolare di prepararsi alla guerra, lanciando un ultimatum a Taiwan, che considerava una minaccia aperta.

All’inizio dell’amministrazione Biden, che ha dichiarato il suo impegno “incrollabile” a Taiwan, Taipei ha lanciato un avvertimento sull’incursione di aerei da guerra cinesi. Ad aprile, Taiwan ha segnalato la presenza di aerei cinesi nella sua zona di difesa aerea. A luglio, Xi ha avvertito che avrebbe “schiacciato” qualsiasi mossa di Taiwan verso l’indipendenza.

All’inizio di questo mese, con il ritorno degli aerei cinesi, il ministro della Difesa taiwanese Chiu Kuo-cheng ha dichiarato al parlamento che la Cina aveva già la capacità di invadere Taiwan, ma sarebbe stata in grado di “ridurre i costi e l’attrito ai livelli più bassi”. entro il 2025.

In un discorso del 10 ottobre, Xi sembrava… Calmare le paure del sequestro forzatoHa parlato di “riunione pacifica”. Ma ha sottolineato che “la missione storica della completa unificazione della madrepatria… sarà certamente compiuta”. Lo stesso giorno, il presidente taiwanese ha affermato che anche se il suo governo non avrebbe “agito in modo avventato”, il popolo taiwanese non sarebbe “muto sotto pressione”.

La sfida per gli Stati Uniti

Con l’aumentare delle tensioni, il mondo sta guardando gli Stati Uniti, il cui status di prima potenza mondiale è stato influenzato dalla caotica uscita dall’Afghanistan. Nell’Asia orientale e sud-orientale, molti paesi, tra cui Giappone, Corea del Sud e Filippine, protetti sotto l’ombrello della protezione americana, leggono le foglie di tè.

READ  Highlights di Euro 2020: Inghilterra bocciata la storia. L'Italia vince ai rigori

Il presidente Joe Biden ha finora percorso una linea sottile tra l’impegno a sostenere Taiwan e il contenimento delle tensioni con Pechino. dopo, dopo parlando con shi All’inizio di questo mese, ha affermato di aver accettato di rispettare l'”Accordo di Taiwan”, in base al quale il sostegno degli Stati Uniti alla “politica della Cina unica” si basa sul fatto che Pechino non invade Taiwan.

Carta AUKUS Tra gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia, in base ai quali l’Australia sarà rifornita di sottomarini nucleari, ha aggiunto una nuova dimensione alle dinamiche di sicurezza dell’Indo-Pacifico. Mentre Taiwan ha accolto con favore l’accordo La Cina lo ha denunciato Inoltre mina gravemente la pace regionale.

Il Regno Unito, il Giappone e gli Stati Uniti salpano per più operazioni di gruppo di attacco di portaerei nel Mare delle Filippine, 3 ottobre 2021 (Jason Tarleton/US Navy via AP)

Implicazioni per l’India

Poiché l’India affronta i propri problemi con la Cina in America Latina e nei Caraibi, è stato suggerito che dovrebbe rivedere la politica della Cina unica – da tempo ha ufficialmente smesso di ripeterla – e utilizzare non solo la carta del Tibet, ma anche sviluppare relazioni più forti con Taiwan per inviare un messaggio a Pechino.

India e Taiwan attualmente mantengono uffici di “scambio commerciale e culturale” nelle rispettive capitali. Nel maggio 2020, Tsai ha effettivamente partecipato al giuramento Bharatiya Janata Rappresentanti Meenakshi Lekhi (ora Ministero degli Affari Esteri) e Rahul Kiswan. Nel 2016, New Delhi ha abbandonato i piani per inviare due attori a partecipare alla prima inaugurazione di Tsai all’ultimo minuto.

Bloomberg ha riferito che sono in corso trattative con Taipei per portare in India $ 7,5 miliardi per un impianto di semiconduttori o chip. I chip sono utilizzati in una vasta gamma di dispositivi, dai computer agli smartphone 5G, alle auto elettriche e alle apparecchiature mediche. L’accordo è stato segnalato sulla scia del vertice del Quartetto, un raggruppamento di Stati Uniti, India, Giappone e Australia che cerca di contenere l’influenza della Cina nell’Indo-Pacifico. Uno degli argomenti discussi durante l’incontro è stata la necessità di costruire una “catena di approvvigionamento sicura dei semiconduttori”.

le notizie | Fai clic per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Pacchetto di 5,5 miliardi di rupie di Pustar a favore di detenuti e autorità carcerarie – Pakistan
Next Post Con l’avvicinarsi della fine di Android Auto per i telefoni, la modalità di guida di Google Maps ottiene una nuova funzionalità