Spiegazione: cosa significa per l’India l’accordo sulla tassazione delle società del G7?

Le economie avanzate che compongono il G7 hanno raggiunto un accordo “storico” sulla tassazione delle multinazionali. I ministri delle finanze riuniti a Londra hanno deciso di affrontare l’evasione fiscale con misure per indurre le aziende a pagare nei paesi in cui operano. Hanno anche concordato in linea di principio di approvare un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società per contrastare la possibilità che i paesi si indeboliscano a vicenda per attrarre investimenti. L’accordo annunciato sabato, che include Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Italia e Giappone, sarà probabilmente portato alla riunione del G20 di luglio.

Quali decisioni vengono prese?

La prima risoluzione approvata è obbligare le multinazionali a pagare le tasse ovunque operino. Una seconda risoluzione nell’accordo impegna gli stati a un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15% per evitare che gli stati si indeboliscano a vicenda. L’accordo sarà ora discusso in dettaglio in una riunione dei ministri delle finanze del G20 e dei governatori delle banche centrali a luglio.

“Ci impegniamo a trovare una soluzione equa sull’assegnazione dei diritti fiscali, con i paesi di mercato che danno diritti fiscali su almeno il 20% dei profitti in eccesso del margine del 10% per le multinazionali più grandi e redditizie. Forniremo un coordinamento appropriato tra l’attuazione delle nuove regole fiscali internazionali e l’abolizione di tutte le tasse sui servizi Il digitale e altre misure simili si applicano a tutte le imprese.Ci impegniamo inoltre a una tassa minima globale di almeno il 15% su base nazionale. “Siamo d’accordo sull’importanza di compiere progressi sull’accordo in parallelo”, ha affermato la dichiarazione del Gruppo dei Sette dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali su entrambi i pilastri e non vediamo l’ora di raggiungere un accordo alla riunione di luglio dei ministri delle finanze del G20 e governatori delle banche centrali”.

Perché il prezzo minimo?

La decisione di ratificare un’aliquota minima del 15% segue una dichiarazione di guerra alle giurisdizioni a bassa tassazione in tutto il mondo annunciata dal segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, che ha esortato i 20 paesi avanzati del mondo a muoversi nella direzione dell’adozione delle società globali minime. Imposta sul reddito ad aprile. In un ipotetico discorso al Chicago Council on Global Affairs, ha affermato che la mossa per mettere in atto un piano ha tentato di invertire una “corsa al ribasso di 30 anni” in cui gli stati hanno fatto ricorso ad abbassare le aliquote dell’imposta sulle società per attirare le multinazionali.

READ  Il primo ministro britannico Boris Johnson sposa la sua fidanzata Carrie Symonds in una cerimonia segreta: rapporti

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

La proposta statunitense proponeva un’aliquota minima più elevata del 21 per cento sulle società, oltre all’eliminazione delle esenzioni sui redditi provenienti da paesi che non leggono un’aliquota minima d’imposta per scoraggiare il trasferimento di operazioni e profitti multinazionali all’estero. Uno dei motivi per cui gli Stati Uniti hanno spinto per questo è puramente locale. È destinato in una certa misura a compensare eventuali difetti che potrebbero derivare dall’aumento proposto dall’amministrazione Biden dell’aliquota dell’imposta sulle società negli Stati Uniti. L’aumento proposto al 28% dal 21% rifletterebbe in parte il taglio delle aliquote dell’imposta sulle società operato dalla precedente amministrazione Trump dal 35% al ​​21% tramite la legislazione fiscale per il 2017. Cosa più importante, la proposta degli Stati Uniti include un aumento delle imposte minime incluse nel la legislazione L’aliquota fiscale dell’amministrazione Trump, dal 10,5% al ​​21%, l’aliquota minima dell’imposta sulle società che Yellen ha previsto per gli altri paesi del G-20.

Questo aumento arriva in un momento in cui pandemia Costa ai governi di tutto il mondo.

L’accordo globale sulla questione, ha annunciato Yellen, sta funzionando bene con il governo degli Stati Uniti in questo momento. Lo stesso vale per la maggior parte degli altri paesi dell’Europa occidentale, anche con alcune giurisdizioni europee a bassa tassazione come Paesi Bassi, Irlanda, Lussemburgo e alcune nei Caraibi che dipendono in gran parte dall’arbitraggio delle aliquote fiscali per attirare le società multinazionali.

La proposta gode anche di un certo sostegno da parte del Fondo monetario internazionale. Sebbene sia improbabile che la Cina abbia una seria obiezione all’invito degli Stati Uniti, un’area di preoccupazione per Pechino sarebbe l’impatto di tale requisito fiscale su Hong Kong, il settimo paradiso fiscale più grande del mondo e il più grande in Asia, di conseguenza . In uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno dal Tax Justice Network e dall’agenzia di advocacy. Inoltre, le relazioni tese della Cina con gli Stati Uniti potrebbero essere un deterrente per i negoziati su un accordo fiscale globale.

READ  Gli Stati Uniti non lasceranno l'Australia sola contro la Cina

Chi sono i bersagli?

A parte le giurisdizioni a bassa tassazione, il piano d’imposta sulle società proposto è progettato per affrontare le basse aliquote fiscali effettive applicate da alcune delle più grandi società del mondo, compresi i giganti digitali come una mela, l’alfabeto e Sito di social network FacebookOltre a importanti aziende come Nike e Starbucks. Queste aziende in genere si affidano a complesse reti di affiliati per indirizzare i profitti dai mercati chiave a paesi a bassa tassazione come l’Irlanda, paesi caraibici come le Isole Vergini britanniche o le Bahamas o paesi dell’America centrale come Panama.

Il Tesoro degli Stati Uniti perde quasi 50 miliardi di dollari all’anno a causa della frode fiscale, secondo un rapporto del Tax Justice Network, con Germania e Francia anche tra i maggiori perdenti. Secondo il rapporto, le perdite fiscali annuali in India dovute all’abuso dell’imposta sulle società sono stimate in oltre 10 miliardi di dollari.

Quali sono i problemi con il piano?

A parte le sfide di mettere tutte le principali nazioni sulla stessa pagina, soprattutto perché questo interferisce con il diritto del sovrano di decidere la politica fiscale di una nazione, la proposta ha altri difetti. La media minima globale eliminerebbe essenzialmente lo strumento che i paesi utilizzano per promuovere le politiche che li soddisfano. Ad esempio, sullo sfondo della pandemia, i dati del FMI e della Banca mondiale suggeriscono che i paesi in via di sviluppo con meno capacità di fornire massicci pacchetti di incentivi potrebbero subire ricadute economiche più lunghe rispetto alle nazioni sviluppate. Un’aliquota fiscale più bassa è uno strumento che possono invece utilizzare per guidare l’attività economica. Inoltre, un’aliquota fiscale minima globale farebbe ben poco per contrastare l’evasione fiscale.

Dov’è l’India?

Nel tentativo di rilanciare l’attività di investimento Ministro delle Finanze Nirmala Sitharaman Il 21 settembre 2019 ha annunciato un forte taglio delle imposte sulle società sulle imprese locali al 22% e le nuove imprese manifatturiere nazionali al 15%. Il Tax Laws (Amendment) Act 2019 ha portato all’inclusione della Sezione 115BAA nell’Income Tax Act 1961 per fornire un’aliquota fiscale agevolata del 22% per le imprese locali esistenti che sono soggette a determinate condizioni, incluso il fatto che non lo facciano. Approfitta di eventuali incentivi o sconti specifici. Inoltre, le imprese locali esistenti che optano per il sistema fiscale agevolato non saranno tenute a pagare alcuna tassa minima alternativa.

READ  Singapore limita l'ingresso ai titolari di permesso di lavoro in mezzo all'escalation di COVID-19 in India

📣 Iscriviti ora 📣: Spiegazione del canale Express Telegram

Questo, insieme ad altre misure, ha stimato il costo del tesoro a Rs 1,45 mila crore all’anno. I tagli hanno effettivamente reso la principale aliquota dell’imposta sulle società indiana sostanzialmente uguale con l’aliquota media del 23% nei paesi asiatici. L’aliquota fiscale in Cina e Corea del Sud è del 25% ciascuna, mentre l’aliquota fiscale in Malesia è del 24%, Vietnam del 20%, Thailandia del 20% e Singapore del 17%. L’aliquota fiscale effettiva, inclusi supplementi e tasse, per le imprese domestiche indiane è di circa il 25,17%.

“Mentre la tassazione è in definitiva una funzione sovrana e dipende dalle esigenze e dalle circostanze della nazione, il governo è aperto a partecipare e partecipare ai dibattiti emergenti a livello globale sulla struttura fiscale delle società. La divisione economica prenderà in considerazione i pro e i contro di la nuova proposta quando arriverà, e il governo prenderà un punto di vista allora: l’aliquota media dell’imposta sulle società è di circa il 29% per le imprese esistenti che rivendicano un vantaggio o l’altro.

Un altro funzionario ha affermato che Nuova Delhi si sta “coinvolgendo in modo proattivo” con i governi stranieri con l’obiettivo di facilitare e migliorare lo scambio di informazioni nell’ambito degli accordi per evitare la doppia imposizione, degli accordi di scambio di informazioni fiscali e degli accordi multilaterali per colmare le lacune. Inoltre, sono state avviate “Azioni esecutive efficaci”, comprese indagini rapide su casi di beni esteri, comprese perquisizioni, indagini, riscossione delle imposte, sanzioni, ecc. e presentazione di denunce di azione penale, ove applicabile.

Per far fronte alle “sfide poste dalle aziende che operano attraverso mezzi digitali e svolgono attività nel Paese da remoto”, il governo ha previsto una “tassa di bilancio”, introdotta nel 2016 a seguito di una raccomandazione di un comitato istituito per deliberare sulla tassazione del economia digitale. Inoltre, l’Information Technology Act è stato modificato per introdurre il concetto di “grande presenza economica” per creare una “connessione commerciale” nel caso di non residenti in India.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Risultati della pesatura di Floyd Mayweather Jr. vs. Logan Paul: Mayweather & Paul for Exhibition Main Event
Next Post Bella Poarch, la prima filippina ad apparire nell’emote di Fortnite