spiegato | Come la Cina prende di mira i dissidenti in 53 paesi con “stazioni di polizia” straniere.

Lunedì gli Stati Uniti hanno arrestato due uomini di etnia cinese con l’accusa di aver istituito una “stazione di polizia” cinese nella Chinatown di New York City. Sebbene questi siano i primi arresti di questo tipo in qualsiasi parte del mondo, l’esistenza di tali operazioni di polizia all’estero da parte di Pechino è nota dal settembre 2022.

“Stazioni di polizia” cinesi d’oltremare: operazione “110 oltremare”

Le autorità cinesi affermano che dall’aprile 2021 al luglio 2022, 230.000 cittadini sono stati “convinti a tornare” dall’estero per affrontare procedimenti penali in Cina. Pechino giustifica l’operazione come parte di una campagna nazionale per combattere le frodi nelle telecomunicazioni.

L’Organizzazione per la protezione dei difensori dei diritti umani con sede in Spagna, nel suo rapporto del settembre 2022 intitolato “110 all’estero, la polizia transnazionale cinese si è scatenata”, ha svolto ricerche approfondite su questo problema.

Finora, è stato rivelato che la Cina ha istituito la sua prima “stazione di servizio” della polizia cinese all’estero nel 2016, come parte del suo “Overseas 110”, dopo il numero di emergenza nazionale del paese che è simile al 911 negli Stati Uniti.

In 53 paesi, queste “stazioni di servizio” fungono de facto da centri operativi di polizia destinati a monitorare i cinesi d’oltremare che sono visti come obiettivi da Pechino per una serie di motivi. La giustificazione più comune è combattere le truffe online e garantire che i latitanti nei casi in questione vengano rimpatriati in Cina. Ma i bersagli sono spesso dissidenti cinesi che si oppongono alla repressione di Pechino in aree dalle contestate ambizioni territoriali, come lo Xinjiang e Taiwan.

READ  Profili Facebook: le tante sfide che Zuckerberg deve affrontare

Guarda anche | Gravitas: Tutto sulle stazioni di polizia cinesi all’estero

Altrimenti, le persone fuggite da persecuzioni religiose o razziali sono state prese di mira da questi dipartimenti di polizia.

Designati pubblicamente come centri di servizi di polizia all’estero per soddisfare le crescenti esigenze amministrative dei residenti cinesi all’estero – ad esempio nel rinnovo a distanza di patenti di guida o passaporti cinesi e altri compiti normalmente considerati di natura consolare – “110 stazioni all’estero”, sia nei suoi siti web o forma fisica all’estero, serve anche al cosiddetto obiettivo di “sopprimere risolutamente tutti i tipi di attività illegali e criminali che coinvolgono cinesi d’oltremare”.

Stazioni di polizia cinesi d’oltremare: dove si trovano tutte?

Secondo Safeguard Defenders, Pechino ha gestito almeno 102 “centri di servizio di polizia cinese all’estero” in 53 paesi in tutto il mondo.

Questi paesi sono Angola, Argentina, Australia, Austria, Bangladesh, Brasile, Brunei, Cambogia, Canada, Cile, Colombia, Cuba, Repubblica Ceca, Ecuador, Etiopia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Indonesia, Irlanda, Israele, Italia, Lesotho, Madagascar, Mongolia, Myanmar, Namibia, Nuova Zelanda, Nigeria, Sudan, Panama, Perù, Portogallo, Romania, Russia, Serbia, Repubblica Slovacca, Sudafrica, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Tanzania, Paesi Bassi, Emirati Arabi Uniti, Ucraina e Regno Stati Uniti, USA, Uzbekistan, Vietnam e Zambia.

“Stazioni di polizia” cinesi all’estero: il caso di Li Qingqing

Il rapporto di Safeguard Defenders cita la storia di un cittadino cinese in Cambogia, Li Qingqing (vero nome nascosto).

Nel marzo 2022, una stazione di polizia straniera in Cambogia ha chiesto a Li di tornare in Cina.

Ha detto che non è sospettata di alcun crimine e sta solo facendo affari in Cambogia. La polizia le ha detto che secondo la politica cinese, i cittadini cinesi che risiedono nei nove paesi collegati alla frode (Turchia, Emirati Arabi Uniti, Tailandia, Myanmar, Malesia, Laos, Cambogia, Filippine e Indonesia) sono tenuti a rientrare incondizionatamente. Successivamente, ha ricevuto costantemente messaggi dalla polizia locale che le chiedevano di tornare.

READ  L'Università di Oxford assegna una Honorary Fellowship a Malala Yousafzai. Suo padre dice... | notizie dal mondo

Il 5 maggio 2022, la polizia l’ha informata che era nell’elenco dei sospetti di telecomunicazioni e l’ha avvertita che la casa di sua madre sarebbe stata tagliata dall’elettricità e dall’approvvigionamento idrico. La casa di sua madre è stata successivamente spruzzata con le parole “House of Telecom Fraud” e un avviso di politica affisso accanto al tabellone.

Sua madre è stata quindi convocata al comitato del villaggio e le è stato detto di convincere la figlia a tornare entro il 31 maggio. L’attuale destino di Li e se sia tornata o meno non è noto.

“Stazioni di polizia” cinesi all’estero: le tattiche utilizzate

Il rapporto di Protection Defenders cita dichiarazioni ufficiali che dettagliano la negazione del diritto all’istruzione ai figli di una persona presa di mira in Cina e azioni contro parenti e familiari in una campagna di “colpa per associazione”. Quindi, la persona straniera presa di mira è costretta a tornare in Cina.

Le autorità cinesi stanno anche rintracciando la famiglia dell’obiettivo in Cina al fine di esercitare pressioni su di loro attraverso intimidazioni, vessazioni, detenzione o imprigionamento per convincere i loro familiari a tornare “volontariamente”.

Stazioni di polizia cinesi all’estero: non è una violazione del diritto internazionale?

La Cina ha istituito stazioni di polizia all’estero piuttosto che fornire “servizi consolari” ai suoi cittadini.

Alcuni paesi hanno espressamente approvato la loro istituzione e le forze dell’ordine locali, così come le ambasciate e/o i consolati cinesi, collaborano strettamente con le stazioni in quelle località.

In altri Paesi, come l’Italia, dove non esiste tale consenso, le autorità cinesi, in virtù dei meccanismi bilaterali di cooperazione condizionale esistenti, promuovono i propri obiettivi condizionati all’estero.

READ  La Thailandia permette a Rajapaksa di rimanere temporaneamente nel Paese, ma a una condizione | notizie dal mondo

Queste operazioni violano l’integrità territoriale dei paesi terzi coinvolti poiché la Cina crea un meccanismo di polizia parallelo utilizzando metodi segreti.

Puoi Scrivi ora per wionews.com Ed essere parte della comunità. Condividi le tue storie e opinioni con noi Qui.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I legislatori italiani discutono di una contestata repressione dell’immigrazione
Next Post Promosso dall’improvviso passaggio in Champions League di Steven Gerrard dopo l’uscita dall’Aston Villa, era anche considerato il grande giocatore italiano