Spero che uno sia ricordato come un concorrente eccezionale: Valentino Rossi

Dopo che il suo contratto è scaduto alla fine della stagione MotoGP 2020 devastata dalla pandemia, si è ipotizzato che il sette volte campione del mondo Valentino Rossi si sarebbe ritirato dopo due decenni di gare di prima classe, ponendo fine a un periodo che probabilmente sarebbe stato conosciuto come il ‘ Era russa ” nei prossimi tempi. Ma il “dottore” aveva altri piani. Vieni il 28 marzo, quella moto iconica era la numero 46 in linea con gli altri piloti in Qatar per iniziare un’altra stagione della MotoGP – la sua 22esima – per il divertimento dei suoi milioni di fan.

Il 42enne è più eccitato che mai per la nuova stagione, una nuova squadra corre nonostante la pandemia, discutendo tra l’altro della sua eredità, dell’amore per le corse 4×4 e del ritorno di Marc Marquez in videochiamata con HT di Rimini , Italia. Estratti:

Ti sei perso due gare l’anno scorso dopo essere risultato positivo al virus Covid-19. Come stai affrontando? Com’è la vita in una biobolla?

Covid ha cambiato le nostre vite in modo negativo. Dallo scorso anno è cambiato tutto, non solo la MotoGP ma la vita in generale. È stato difficile da gestire. Il torneo è iniziato a luglio, dovevamo restare tre mesi a casa, è stato davvero noioso. Dopo (la stagione è iniziata), abbiamo dovuto fare molte gare consecutive sulle stesse piste e non siamo riusciti a uscire dall’Europa, quindi il 2020 è stato gravemente influenzato da Covid. Siamo ancora in difficoltà dopo un anno ma sembra meglio. Il torneo può essere più naturale, possiamo gareggiare più o meno su tutte le piste e andare in Europa nel periodo appropriato della stagione. Tutto è molto più difficile da organizzare; Viaggi, voli e tutto il resto. Ma è così e speriamo che (l’epidemia) finisca il prima possibile e che si torni alla vita normale.

READ  Queste sono le auto italiane più veloci mai costruite

Dopo otto anni con Yahama, il tuo passaggio alla Yamaha SRT Petronas non è iniziato bene con il 12 ° e il 16 ° posto e il ritiro nelle prime tre gare.

Sì, quest’anno corro su Petronas. È una nuova esperienza per me ma mi sento molto bene in squadra. È un posto fantastico, l’atmosfera è buona, tutti sono molto motivati. Purtroppo le prime gare non sono state grandiose. Non ero molto veloce e non ero abbastanza forte. E ora la MotoGP è molto impegnativa perché tutti sono così potenti. L’ultima gara (GP del Portogallo) è andata un po ‘meglio ma purtroppo ho commesso un errore (e sono andato a pezzi) ma ora siamo tornati in pista che conosco bene (Gran Premio di Spagna a Jerez domenica). Dobbiamo cercare di essere più forti.

Il 2020 è stata una stagione unica: il Covid-19 e il sei volte campione Mark Marquez è stato eliminato per infortunio e Joan Mir ha vinto il titolo mondiale con una sola vittoria. Come vede la formazione di quest’anno con il ritorno del marchese?

Sì, lo scorso anno Mir ha vinto solo una gara ma era un concorrente un po ‘ovunque e alla fine ha vinto il campionato. Quest’anno è un po ‘diverso perché il campionato è più lungo, ci sono più gare e Marquez è tornato. Ma in questo momento, dopo tre gare, l’uomo è molto più in forma, e quello che va a fuoco è Fabio Quartararo. Ha già vinto due gare ed è molto forte e sarà difficile da battere.

Cosa ti spinge anche dopo due decenni di MotoGP, sette titoli mondiali e 89 vittorie? Sei motivato dalla sfida di guidare la nuova generazione?

READ  Mondo dello sport: ex allenatore dello Zimbabwe sospeso per innesto, sport e storie di alto livello

Per me la motivazione più grande è che amo guidare una MotoGP. Amo questa vita e amo lavorare con la mia squadra e lavorare con i migliori giocatori. Se facciamo bene possiamo essere più veloci. Ecco perché vado avanti. La nuova generazione di motociclisti è molto forte. Sono più preparati e più professionali quindi è molto difficile perché hanno molta motivazione.

Quale rivalità assapori di più?

È difficile da dire, ma dirò tre nomi. I miei combattimenti più grandi sono stati con Max Biagi, Jorge Lorenzo e Casey Stoner. Con Biagi è stata una lotta lunga, lunga ma ricordo benissimo il 2001, l’anno scorso con motori da 500 cc, 2 tempi. Quell’anno è stato uno dei migliori della mia carriera. Abbiamo lottato a lungo anche con Lorenzo quando eravamo compagni di squadra. Il migliore è stato il 2009 quando abbiamo lottato per il campionato. Allo stesso tempo ricordo molto bene (i nostri scontri) con Stoner nel 2008 quando era con la Ducati. Queste tre stagioni sono indimenticabili per me. Sempre nel 2004, quando ho vinto per la prima volta con la Yamaha.

Come si è evoluta la gara negli ultimi due decenni in termini di numero di corridori?

Tecnicamente il livello è salito molto perché tutti i costruttori stanno lavorando molto per migliorare le moto. Ma i piloti sono più preparati, si allenano di più e sono pronti per tutte le piste. Poi le persone che lavorano intorno alla MotoGP (offerta su Eurosport in India). Abbiamo molti grandi ingegneri ora, opzioni di pneumatici, sviluppo del motore: tutto è davvero importante. Usano molta energia. Ogni anno, la MotoGP diventa più di una moto di Formula 1 (in termini di tecnologia).

READ  Rafael Nadal si qualifica per le semifinali

Giacomo Agostini ha otto titoli e tu sette. Vedi il marchese, con sei persone, che ti supera?

Il marchese è molto forte. È ancora giovane e ha già vinto tanto. Ma molti altri piloti sono giovani e motivati. Quindi sarà una grande battaglia nei prossimi anni.

Che tipo di eredità vuoi lasciare?

Spero che ti ricordi di me come un grande concorrente. Penso che continuerò (in) MotoGP perché quando mi fermo possiamo organizzare una squadra nei prossimi anni. Stiamo lavorando duramente con VR46 (Russian Owned Team) in Moto3 e Moto2. Aiuteremo anche i giovani piloti italiani ad accedere alla MotoGP alla VR46 Academy. Continuerò con questi progetti.

Ho provato una Ferrari più di dieci anni fa. Hai scambiato i veicoli con Lewis Hamilton nel 2019. Non vuoi essere John Surtees nel 21 ° secolo?

Sì, ero molto vicino, soprattutto alla fine del 2006, tanto per cambiare. Avevamo un progetto con la Ferrari ma non è successo perché volevo restare in MotoGP. Amo le corse ma le moto sono la mia passione numero uno. Quando smetto con la MotoGP, voglio correre con macchine come la 24 Ore di Le Mans ma sicuramente non una F1 perché sono troppo vecchio!

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Joe Biden e Kamala Harris assicurano all’India il loro sostegno nella lotta contro il Covid-19
Next Post La polizia spagnola ha detto che un uomo con sintomi del virus Corona è stato accusato di aver infettato 22 persone con COVID-19