SpaceX lancia un altro gruppo di satelliti Starlink mentre si avvicina alla copertura globale

Washington – SpaceX ha continuato il lancio del suo gruppo Starlink a banda larga con un altro lancio di 60 satelliti il ​​7 aprile, avvicinandosi alla fornitura di un servizio globale continuo.

Un Falcon 9 è decollato dallo Space Launch Complex 40 alla Cape Canaveral Space Force Station alle 12:34 ET. Lo stadio superiore del missile ha diffuso in orbita il suo carico utile di 60 satelliti Starlink dopo poco più di un’ora.

Il primo stadio del missile è atterrato su un drone nell’Oceano Atlantico otto minuti e mezzo dopo il decollo. Questo è stato il settimo volo di questo rinforzo, che ha lanciato per la prima volta la missione dell’equipaggio commerciale Demo-2 lo scorso maggio e l’ultimo Un altro gruppo di satelliti Starlink è stato lanciato l’11 marzo.

Questo è stato il lancio del decimo Falcon 9 di quest’anno per SpaceX, otto dei quali sono per i satelliti Starlink. L’azienda ora ha 1.378 satelliti in orbita quando si contano quelli che sono stati lanciati e successivamente rimossi. Secondo le statistiche mantenute da Jonathan McDowell.

Questa costellazione è ora vicina alle dimensioni richieste per fornire almeno un servizio di base a livello globale. “Abbiamo già una portata globale, ma non abbiamo ancora una connettività globale completa”, ha dichiarato Gwen Shotwell, presidente e chief operating officer di SpaceX, durante una tavola rotonda tenutasi il 6 aprile al LEO Digital Satellite Forum.

“Ci auguriamo che dopo circa 28 lanci, avremo una copertura continua in tutto il mondo”, ha aggiunto. Questo lancio è la ventitreesima versione dei satelliti v1.0, sebbene solo pochi satelliti v0.9 lanciati quasi due anni fa siano ancora in orbita, insieme a 10 satelliti lanciati in orbita polare in una missione di condivisione a gennaio. Ciò indica che l’azienda raggiungerà la fase di copertura continua dopo altri quattro o cinque lanci.

READ  La perdita di ghiaccio nell'Artico ha alimentato la tempesta invernale, la bestia orientale.

Questi lanci pagheranno a SpaceX l’attuale licenza FCC, che consente alla società di operare fino a 1.584 satelliti in orbita a circa 550 chilometri di distanza. L’attuale licenza FCC dell’azienda le consente di gestire altri 2.825 satelliti ad altitudini comprese tra 1.100 e 1.300 chilometri. SpaceX ha presentato una richiesta alla Federal Communications Commission per modificare questa licenza e per spostare quei satelliti aggiuntivi a 550 chilometri.

La FCC non si è ancora pronunciata su questo emendamento, ma l’attuale velocità di lancio di SpaceX significa che la compagnia raggiungerà il suo attuale limite di 550 km entro due mesi. Shotwell ha affermato durante la sessione che l’azienda sta “riducendo i nostri satelliti dalla nostra altitudine originale” per affrontare i problemi di sostenibilità dello spazio. Tuttavia, non ha affrontato la questione di un emendamento alla licenza FCC oltre a dichiarare che la società avrebbe continuato a lanciare satelliti “come ci è stato consentito”.

Shotwell ha affermato che la società proseguirà con il lancio di Starlink anche dopo aver raggiunto la soglia per una copertura globale sostenuta. “Il piano successivo è quello di continuare ad aggiungere satelliti per fornire capacità aggiuntiva”, ha detto. Ciò include il lancio di ulteriori satelliti in orbita polare all’inizio di questa estate dalla base aeronautica di Vandenberg in California. Ha detto che questi satelliti polari includeranno probabilmente collegamenti laser tra satelliti che la società ha provato su alcuni dei satelliti Starlink.

La componente dello sforzo complessivo di Starlink che ha attirato maggiormente l’attenzione è la serie di lanci che hanno creato la più grande raccolta di satelliti al mondo in meno di due anni. Tuttavia, non è stata necessariamente la sfida più grande di SpaceX.

READ  "I passaporti per i vaccini" comportano più rischi che benefici, afferma Duke expert, :: WRAL.com

“I satelliti e il lancio ci sono stati molto chiari. Pensavamo di lottare un po ‘di più sui satelliti, ma si è scoperto che il nostro Dragon, che è un satellite molto avanzato, ci ha aiutato immensamente a scoprire l’architettura del satellite Starlink ,” lei disse.

Quello che era difficile, ha detto, era trattare con un numero crescente di clienti e costruire una rete affidabile, ma “non siamo in grado di risolverne nessuno”.

Starlink è ancora in fase di beta testing negli Stati Uniti e in molti altri paesi. Shotwell ha detto che non ci sono piani per terminare il beta test e passare al servizio commerciale completo nel prossimo futuro. “Abbiamo ancora molto lavoro da fare per rendere la rete affidabile”, ha detto. “Usciremo dalla beta quando avremo un prodotto davvero eccezionale di cui siamo molto orgogliosi”.

Un’altra area di impegno è l’apparecchiatura di terra utilizzata dagli abbonati Starlink, in particolare l’antenna orientabile elettronicamente. Shotwell ha affermato che la società sta lavorando per ridurre il costo di quell’attrezzatura, che è essenziale per ottenere un’adozione diffusa.

“Abbiamo fatto grandi progressi nella riduzione del costo del nostro impianto”, ha detto. Il costo di questa apparecchiatura era originariamente di circa $ 3.000. “Adesso ne siamo meno della metà.”

I clienti stanno attualmente pagando circa $ 500 per questa apparecchiatura, il che significa che SpaceX è ancora fortemente sovvenzionato per questi terminali. Ciò potrebbe cambiare, tuttavia, poiché l’azienda fa continui progressi per ridurre i costi. “Vediamo che i nostri terminali arrivano nella gamma di poche centinaia di dollari nel prossimo anno o due”.

Shotwell È apparso in un consiglio con i dirigenti di diversi altri operatori satellitariMolti di loro hanno sostenuto che i sistemi ibridi che utilizzano i satelliti in orbite terrestri basse e medie, nonché l’orbita geostazionaria, o solo i satelliti GEO, offrivano soluzioni migliori. “Non vediamo assolutamente alcun modo, né probabilità, che queste torri a orbita bassa possano soddisfare la domanda latente di tutte le popolazioni svantaggiate oggi”, ha affermato Rudolf Bellmer, CEO di Eutelsat.

READ  La Cina vuole lanciare il proprio telescopio di classe Hubble come parte di una stazione spaziale

Mentre Bellmer e gli altri dirigenti del comitato esprimevano riserve sulle torri dell’orbita terrestre del Leone, Shotwell sorrise. “A proposito, sorrido sempre quando le persone fanno aspettative su ciò che può e non può essere fatto con la tecnologia”, ha detto. “Non credo che abbiamo idea di come si evolverà la tecnologia tra cinque anni”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Inter batte il Sassuolo 2-1, 11 punti di vantaggio in vetta al campionato italiano | Buffalo Sports
Next Post The Conners: Death of Darlene’s rivale Molly – Daniel Harris per Rosan