SpaceX lancia i satelliti in una rara missione in orbita polare

Un razzo SpaceX Falcon 9 che trasportava 88 piccoli satelliti è partito mercoledì dalla Florida, ha sorvolato Cuba ed è salito in orbita polare mentre il primo stadio, durante il suo ottavo volo, è volato verso il perfetto atterraggio di Cape Canaveral.

Inaugurato con un doppio boom sonico, un primo stadio ben viaggiato, carbonizzato e fuligginoso per il riscaldamento di nuovo, è atterrato circa otto minuti e mezzo dopo il decollo, portando con successo un recupero di spinta dell’89° e 20° di SpaceX alla stazione della forza spaziale di Cape Canaveral.

063021-launch1.jpg
Un razzo SpaceX Falcon 9 si allontana dalla stazione delle forze spaziali di Cape Canaveral trasportando 88 piccoli satelliti diretti ai poli della Terra. Questo è il ventesimo volo del Falcon 9 finora quest’anno e l’ottavo volo del primo stadio del razzo.

William Harwood/CBS News


Questo è stato il primo touchdown di SpaceX in Florida dallo scorso dicembre a causa dei requisiti orbitali e dei pesi del carico utile che non lasciavano abbastanza spinta per riportarlo al sito di lancio. Invece, quei missili si sono diretti verso l’atterraggio di droni offshore, e tutti tranne uno ci sono riusciti.

Il lancio di mercoledì è stato il terzo volo in orbita polare, tutto di SpaceX, dal 1969. lanci polari Di solito sono organizzati dalla Vandenberg Space Force Base in California per evitare di sorvolare aree densamente popolate. Ma SpaceX ha ottenuto l’approvazione per mirare alle orbite polari dalla Florida in base alle traiettorie pianificate e al sistema di autodistruzione automatizzato del razzo.

Quindi, invece di decollare verso est o nord-est dopo il decollo alle 15:31 EDT, il Falcon 9 è schizzato via su una rotta sud-est e poi ha eseguito una manovra “dogleg” una volta uscito dalla costa della Florida per piegare la traiettoria di volo. più direttamente a sud.

Il primo stadio è caduto due minuti e mezzo dopo il lancio, si è capovolto e ha acceso tre dei suoi nove motori per invertire la rotta e tornare a Cape Canaveral. Il secondo stadio, alimentato da un singolo motore, ha effettuato due lanci per raggiungere la sua orbita pianificata di 326 miglia meno di un’ora dopo il decollo.

Nella mezz’ora successiva, tutti gli 88 satelliti associati al meccanismo di dispiegamento sopra il secondo stadio sono stati lanciati in una sequenza accuratamente scritta.

063021-land2.jpg
Un booster del primo stadio del Falcon 9 scende verso un atterraggio perfetto presso il sito di lancio di Cape Canaveral, segnando il successo del 20° stadio di recupero di SpaceX in Florida e l’89° in generale.

Webcast di SpaceX


SpaceX ha tentato di lanciare la missione Transporter 2 martedì, ma il conto alla rovescia è stato interrotto meno di un minuto prima del decollo quando un elicottero commerciale ha virato nella zona di pericolo del lancio. Il fondatore di SpaceX Elon Musk ha accusato il ritardo di un’area di blocco “irragionevolmente grande”, twittando che “l’attuale sistema normativo è rotto”.

“Sfortunatamente, il lancio è stato annullato per oggi, poiché l’aereo è entrato nella ‘zona di allontanamento’, una zona irragionevolmente gigantesca”, ha detto. “Semplicemente non c’è modo che l’umanità possa diventare una civiltà spaziale senza un’importante riforma normativa. L’attuale sistema normativo è rotto”.

Ma dopo aver atteso i ritardi meteorologici, mercoledì la navigazione è andata senza intoppi per la seconda missione “flight share” di SpaceX, che è stata offerta a ricercatori, aziende e agenzie governative come un modo a basso costo per mettere rapidamente in orbita piccoli satelliti.

SpaceX addebita $ 1 milione per ospitare carichi utili di peso inferiore a 200 chilogrammi o 440 libbre e $ 5.000 per ogni chilogrammo aggiuntivo o 2,2 libbre.

È stata la prima missione di rideshare “portatore” Lanciato a gennaio, e ha messo in orbita 143 piccoli satelliti.

La missione Transporter 2 è stata lanciata martedì e includeva CubeSats, microsat e un diffusore orbitale di proprietà di un’ampia varietà di aziende e agenzie, tra cui la NASA, la Defense Advanced Research Projects Agency o DARPA, la Space Development Agency, l’Air Force e persino SpaceX , che ha distribuito tre dei suoi satelliti Internet Starlink.

Spaceflight Inc. Con sede a Seattle, gestisce 36 dei suoi 88 satelliti, inclusi sei microsatelliti, 29 CubeSat e un carico utile ospitato su un altro satellite.

L’Agenzia per lo sviluppo spaziale del Pentagono ha posizionato cinque satelliti a bordo del Transporter 2, incluso uno per testare l’analisi dei dati spaziali e quattro che testeranno stazioni di comunicazione ottica avanzate fornite da diversi fornitori.

“Stiamo cercando di capire il processo di acquisizione, marcatura e tracciamento”, ha detto un alto funzionario della SDA in una nota. “Possiamo stabilire la connessione, possiamo mantenere quella connessione e possiamo scambiare dati tra due stazioni nello spazio con questa connessione?”

Il sistema sarà testato con satelliti distanti 2.400 miglia.

“Fondamentalmente proveremo a inviare dati da DC a Denver alla velocità della luce”, ha detto il funzionario. Questo è ciò che offriremo al combattente nei prossimi anni.

READ  Il gameplay di Ragnarok sarà rivelato in un prossimo evento PlayStation
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’indiano statunitense Joe Biden nomina Shalina de Kumar giudice federale
Next Post Il veterano Thiago Silva guarda alla Coppa del Mondo e alla pista Maldini | Gli sport