SpaceX ha avuto problemi a bordo della sua prima crociera. avrebbe potuto essere molto peggio

Isaacman ha affermato che i sistemi della navicella spaziale SpaceX Crew Dragon stavano avvertendo l’equipaggio di un problema “significativo”. Hanno trascorso mesi a ricercare i manuali di SpaceX e ad addestrarsi nella risposta alle emergenze spaziali, quindi sono entrati in azione, lavorando con i controller di terra SpaceX per determinare la causa dell’errore.

Come si è scoperto, il Crew Dragon non era in pericolo. Ma il bagno era sull’aereo.

Non c’è niente di facile nello spazio, incluso andare in bagno. Nel caso di un essere umano sano sulla Terra, assicurarsi che tutto finisca nella toilette è di solito una questione di semplice obiettivo. Ma nello spazio non c’è sensazione di gravità. Non c’è alcuna garanzia che ciò che viene fuori andrà… dove dovrebbe essere. I rifiuti possono – e lo fanno – andare in ogni direzione possibile.

Per risolvere questo problema esistono dei wc con all’interno dei ventilatori che servono a creare l’aspirazione. Fondamentalmente estraggono i rifiuti dal corpo umano e li tengono lontani.

I fan del “sistema di gestione dei rifiuti” di Crew Dragon hanno avuto problemi meccanici. Ciò scatenò l’allarme sentito dall’equipaggio.

Scott “Kid” Bottet, il manager della missione di Inspiration4 che ha aiutato a supervisionare la missione dalla Terra, ha raccontato ai giornalisti il ​​problema in un’intervista con la CBS. Il direttore della gestione della missione dell’equipaggio di Poteet e SpaceX ha successivamente confermato “problemi” con il sistema di gestione dei rifiuti in una conferenza stampa, ma non è entrato nei dettagli, portando a un’immediata raffica di speculazioni sul fatto che l’errore avrebbe potuto causare un caos catastrofico.

Quando gli è stato chiesto direttamente in merito giovedì, Isakman ha detto: “Voglio essere chiaro al 100%: non ci sono stati assolutamente problemi in cabina in quanto si riferiscono ad esso”. colui il quale. “

Ma Isaacman e gli altri passeggeri della missione Inspiration4 hanno dovuto lavorare con SpaceX per rispondere al problema durante la loro permanenza di tre giorni in orbita, durante la quale hanno subito numerose interruzioni delle comunicazioni, sottolineando l’importanza di un sistema completo di addestramento dell’equipaggio.

READ  Le contee di Santa Clara, Santa Cruz si sono spostate al livello giallo per riaprire COVID-19 - NBC Bay Area

“Probabilmente direi da qualche parte circa il 10% del nostro tempo in orbita che non abbiamo avuto [communication with the ground]”Siamo stati un equipaggio molto calmo e meraviglioso durante questo”, ha detto, aggiungendo che “la forza mentale, una buona struttura mentale e un buon atteggiamento” erano essenziali per la missione.

“L’aspetto psicologico è un’area in cui non puoi scendere a compromessi perché … c’erano ovviamente circostanze che sono accadute là fuori in cui se avessi avuto qualcuno che non avesse quella forza mentale e avessi iniziato a comportarti male, questo avrebbe davvero potuto portare su”, ha detto Isaacman.

SpaceX non ha risposto alle richieste di commento della CNN Business.

La storia della toilette evidenzia anche una verità fondamentale sull’umanità e le sue ambizioni extraterrestri: non importa quanto lucido e brillante immaginiamo il nostro futuro nello spazio, i fatti biologici rimangono.

rifiuti nello spazio, storia

Isaacsin, come molti astronauti prima di lui, era timido quando si trattava di discutere di “posizione dei servizi igienici”.

“Nessuno vuole davvero entrare nei dettagli cruenti”, ha detto Isakman. Ma quando l’equipaggio di Inspiration4 ha parlato con alcuni astronauti della NASA, hanno detto: “Usare il bagno e lo spazio è difficile, e devi essere bravo – come si dice? – molto” Buon cuore Per ognuno “.

Ha aggiunto che nonostante i problemi con il bagno sull’aereo, nessuno ha avuto incidenti o insulti.

“Non so chi li stesse allenando, ma siamo stati in grado di superarlo e superarlo [the toilet] Anche con le condizioni difficili all’inizio, quindi non c’era assolutamente niente, sai, in cabina O qualcosa del genere”.

Tuttavia, capire come riposare in sicurezza nello spazio era una domanda fondamentale posta all’alba del volo spaziale umano mezzo secolo fa, e il percorso verso le risposte non è stato impeccabile.

Durante la missione Apollo 10 del 1969, che vide Thomas Stafford, John Young ed Eugene Cernan navigare intorno alla luna, Stafford riferì al Controllo Missione il sesto giorno della missione che un pezzo di spazzatura galleggiava nella cabina, secondo Documenti governativi che una volta erano classificati.
“Dammi un fazzoletto veloce”, Stafford registrato Come disse pochi minuti prima che Cernan ne scoprisse un altro: “Ecco un’altra dannata merda”.
Arriva alla stazione spaziale una nuova toilette progettata utilizzando le reazioni degli astronauti
Processo di raccolta delle feci in quel momento NASA Rapporto In seguito è stato rivelato che un sacchetto di plastica “molto semplice” era stato “fissato al gluteo”.
“Il sistema di sacca fecale era marginalmente funzionale e l’equipaggio lo ha descritto come estremamente ‘sgradevole'”, Rapporto Dal 2007 poi rivelato. “Le bustine non fornivano alcun controllo degli odori nella mini capsula e l’odore era prominente.”
I bagni nello spazio si sono evoluti da allora, grazie agli sforzi minuziosi degli scienziati della NASA, ha affermato la giornalista Mary Roach, autrice di Packing for Mars. National Public Radio, Radio Pubblica nel 2010.

“Il problema qui è che hai questo gabinetto spaziale molto avanzato e devi testarlo. Beh, devi, sai, portarlo a Ellington Field e guidarlo su un simulatore a gravità zero – un aereo che fa questi archi dettagliati su e giù – e poi devi trovare un povero volontario dell’ufficio di gestione del sistema dei rifiuti per testarlo. E non so voi, ma, voglio dire, farlo su richiesta in 20 secondi, ora è chiedendo molto ai due punti. Quindi è molto dettagliato e ingannevole. “

READ  La NASA rimanda una passeggiata spaziale perché sarebbe un forte dolore al collo per l'astronauta • The Record

Addestrare gli astronauti a usare il bagno non è una cosa da ridere, ha scritto Roach nel suo libro Mobilizing for Mars.

“La semplice minzione può, senza gravità, diventare un’emergenza medica che richiede cateterizzazione e consultazioni radio imbarazzanti con i chirurghi dell’aviazione”, ha scritto. Poiché l’urina si comporta in modo diverso all’interno della vescica nello spazio, può essere molto difficile sapere quando è necessario andare.

adattamento allo spazio

Il corpo umano è progettato in modo evolutivo per la vita sulla Terra, con la sua gravità, l’aria ricca di ossigeno e i cicli ambientali prevedibili. Non è stato progettato specificamente per galleggiare in assenza di gravità, un fatto che ha causato la nausea di molti astronauti, specialmente durante i primi due giorni in orbita.

“Ho vomitato 93 minuti durante il mio primo volo”, ha detto l’astronauta della NASA Stephen Smith, un veterano di quattro missioni dello Space Shuttle. giornalista. “È stata la prima di 100 volte durante i quattro viaggi. È strano andare a un lavoro dove sai che stai per vomitare”.

La NASA ha un termine ufficiale per la malattia – Space Adaptation Syndrome, che in un documento di ricerca stima che circa l’80% degli astronauti abbia sperimentato.

Dove va il tubo dell'astronauta?  Risposte alle tue domande più strane sui viaggi nello spazio

Isaacman ha detto che durante la missione Inspiration4, non ha sentito il bisogno di vomitare. Ma adattarsi alla microgravità può essere scomodo.

“È solo un raduno nella tua testa, come quando sei appeso a testa in giù sul letto”, ha detto alla CNN Business. “Ma devi trovare un modo per ignorarlo e lavorarci sopra… Dopo circa un giorno, c’è una sorta di equilibrio di cui non sai molto.”

READ  Una tempesta solare che viaggia a una velocità di 1,8 milioni di chilometri all'ora per colpire la Terra Scienza | notizia

Non tutti i suoi colleghi sono stati così fortunati. Hayley Arsenault, una sopravvissuta al cancro di 29 anni che ha lavorato come ufficiale medico per Inspiration4, ha dovuto fare un’iniezione di Phenergan, un antistaminico usato per trattare la cinetosi per combattere la nausea, ha detto Isaacman.

La verità inevitabile è che gli esseri umani combatteranno le malattie finché continueremo a guardare lo spazio e a vederlo come un posto dove andare. Ecco perché molti giornalisti, tra cui Roach, hanno messo in dubbio la nostra tendenza a romanzare i viaggi nello spazio e minimizzare le dure realtà e i rischi.

Ma nonostante il fastidio, Isaacman ha detto di non avere rimpianti per la sua decisione di spendere quasi $ 200 milioni per un volo spaziale di tre giorni.

“Spero che questo serva da modello per le missioni future”, ha detto, aggiungendo che crede nella missione di SpaceX di supportare eventualmente intere colonie di persone che vivono nello spazio.

Durante il suo viaggio, “Mi sono sentito davvero pieno di energia e di energia all’idea che dobbiamo solo continuare a spingere e andare oltre”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Risultati delle qualifiche di Formula 1 per la griglia di partenza 2021 del Gran Premio di Russia
Next Post Russell T Davis “Beyond the Excitement” torna in “Doctor Who” per il 60° anniversario