Sono stato davvero vittima di bullismo per tutta la mia vita

Lady Gaga si è aperta sul fatto di essere vittima di bullismo a scuola e ha colpito i sistemi educativi per essere troppo rigidi.

La cantante e attrice americana ha detto che la sua educazione è stata sempre fantasiosa e avrebbe “cantato mentre l’insegnante parlava” – qualcosa per cui è stata rimproverata. Ma dopo essere stata vittima di bullismo a scuola, ha detto che vede molto di se stessa nei suoi fan.

parlando Spettacolo in ritardo A proposito del suo tempo a scuola, ha detto: “Ho avuto buoni voti quando ero più giovane, e poi nel mio primo anno i miei voti stavano peggiorando, e sono stata davvero vittima di bullismo per tutta la mia vita”.

Gaga, protagonista del film in uscita Gucci HouseSpesso non esiste una “via d’uscita” per le persone vittime di bullismo.

“Penso che il modo in cui mi parli sempre è che i giovani stanno attraversando forti esperienze di vita e le loro storie spesso non vengono raccontate perché gli viene detto di non parlarne e non va bene parlarne e se parlane e dillo a tua madre e tuo padre e poi chiamano la scuola e poi il bullo scopre di te, poi diventa più vittima di bullismo, non c’è via d’uscita.

“E mi sono detto, mi importa di quei bambini che sentono di non avere via d’uscita, dov’è il loro punto di uscita e dove vanno?”

Ha detto che “era quel bambino” e quando è diventata una star, ha visto tutti quei bambini nel suo pubblico – “è stato come guardarsi allo specchio”.

“Ecco perché amo così tanto i miei fan, siamo collegati in questo modo”.

READ  Il presidente argentino incontra il capo del Fondo monetario internazionale

Il cantante, 35 anni, ha affermato che non tutti i bambini ricevono un’istruzione uguale perché il sistema è “difettoso in quanto troppo rigido”.

“Perché alcuni bambini possono essere estremamente dotati in modi che non vengono allevati. Possono anche avere una reale mancanza di un’area che non li interessa o che semplicemente non li interessa, forse non gli interessa in quel modo, e non credo che dovrebbero essere puniti per questo.”

Lady Gaga partecipa alla prima britannica di House of Gucci.

Ha detto che sentiva che il sistema educativo la stava mettendo dove sarebbe rimasta bloccata.

“Ho deciso di non andare al college perché volevo seguire i miei sogni, ma dovevo trovare tre lavori, dovevo pagare l’affitto e dovevo affrettarmi e bussare a ogni porta che potevo comunicare e conoscere le persone.

“Questa è stata una decisione che ho preso unicamente sulla base della mia sensazione che il sistema educativo non fosse giusto per me e che mi stesse intrappolando in questo buco in cui stavo per inciampare, quindi sai che penso che il sistema educativo sia imperfetto in questo modo. Inoltre, credo nella buona educazione, quindi penso che ci siano due lati Quindi”.

Gaga è di origini italiane e ha detto che è tornata a quello per il suo ruolo in Gucci House.

Diretto da Ridley Scott, Gaga interpreta Patricia Reggiani che organizza l’omicidio del suo ex marito Maurizio Gucci (interpretato da Adam Driver) della casa di moda Gucci. Il film è interpretato da Jared Leto, Salma Hayek e Al Pacino.

“Ciò che significa essere irlandese-americano è diverso dall’essere irlandese. È vero che sono due cose diverse. Quindi essere italo-americano ed è questo che è diverso dall’essere italiano. Ed è questo che mi ha portato a interpretare il ruolo”.

READ  Compagnie europee del gas i principali gasdotti dell'autostrada dell'idrogeno

Parlando del personaggio che interpreta nel film, Gaga ha detto di essersi concentrata sulla gara di Patrizia.

Ha detto che “i manierismi e il modo in cui interpretava il ruolo erano una cosa reale per una vera donna italiana e per la cultura italiana, non italoamericana”.

Gaga ha anche reso omaggio al suo “compagno musicale” Tony Bennett, con il quale ha pubblicato due album.

Lady Gaga e Tony Bennett in sala stampa con il premio per il miglior album vocale tradizionale per "guancia a guancia" Nel 2015. Foto file: Chris Pizzello / Invision / AP
Lady Gaga e Tony Bennett in sala stampa con il premio per il miglior album vocale tradizionale per “Cheek to Cheek” nel 2015. Foto d’archivio: Chris Pizzello/Invision/AP

“Cantare con lui è stato uno dei più grandi onori della mia carriera. Cantare con la leggenda per 10 anni, penso che qualsiasi artista sarebbe molto fortunato e so che questa è stata una formazione jazz”.

Ha elogiato Bennett per aver “costruito un’economia” con la valuta della gentilezza.

“Il ragazzo era solito accompagnare Martin Luther King Jr. che si avvicinava di soppiatto a Duke Ellington nel retro degli hotel per suonare jazz tutta la notte durante l’apartheid. Questo è un essere umano che crede nel far progredire la società e l’umanità.

“La sua passione per i diritti civili e la musica nera attraverso il jazz è qualcosa di cui non posso parlarti – anche essere così vicino a lui è come stare accanto a una galassia”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le uova di Cleopatra nel Red Bulletin sono reali? Ecco la vera storia
Next Post James Lowe placa i critici con un tentativo scioccante contro All Blocks