“Sogno che la star di Jenny, Barbara Eden, diventi sincera sulle lotte post-aborto

Instagram

Parlando di come ha gestito il suo secondo figlio, la veterana di Hollywood ha sottolineato in una nuova intervista che all’epoca nessuno le aveva detto cosa le fosse successo.

Negozio di ghiaccio – Protagonista di “Ho sognato Jenny” Barbara Eden Si è aperta sul suo devastante aborto spontaneo e su come ha affrontato la perdita.

L’attrice ha perso suo figlio dopo la fine del suo show di successo nel 1970 e ammette di aver lottato per liberarsi dai pensieri oscuri in seguito.

“Ho portato in grembo il mio secondo figlio per quasi otto mesi prima che i medici mi dicessero che era morto nel grembo materno”, ha detto. “È stato terribile. Sono diventato insensibile.”

Eden, ora novantenne, ha rivelato di essere tornata subito al lavoro, realizzando tre film per la TV nel 1971, ma di non poter tornare alla sua vita privata.

“Tornavo a casa e guardavo il mio piccolo, adorabile figlio, e pensavo: ‘Sono così fortunato. Ho questo bellissimo bambino. Ho un marito che mi ama. Qual è il mio problema? “” lei ha aggiunto.

“Nessuno mi ha detto quale fosse il mio fidanzamento. All’epoca, quando andavo da uno psichiatra, le persone non lo facevano. Ti sei solo curato. Ora vai in aiuto quando ti senti così male. Quando non puoi muoverti o non lo fai” t. Non voglio fare niente, vai a chiedere aiuto.”

E c’era ancora più crepacuore: il figlio 35enne dell’attrice, Matthew, è morto nel 2001 dopo un’overdose di eroina.

“Ho una foto in giro [the house]Spiega: “Non fingo che non fosse così prima. Perché lo era [a] Super, super umano.”

READ  Zack Snyder appesantisce il dibattito sul sesso orale in Batman

Altrove nell’intervista, Eden ha anche parlato del suo famoso personaggio Jenny. Ha affermato: “È facile conviverci”. “Lo è davvero. Mi piace molto. Penso che ciò che mi rende così felice è che così tante persone in tutto il mondo la amano. Non io.”

“Amano questo personaggio. Amano lo spettacolo per quello che è. Porta le persone da se stesse in un altro mondo. E lo apprezzo. Lo amo così tanto”.

prossimo articolo