S’mores Outbreak: questa stella è più bella di un falò

Quando ti siedi accanto a un falò e guardi le stelle, anche le più piccole scie di luce che vedi sono enormi fornaci che producono un calore rovente. Ma i corpi celesti sono così deboli tra questi carboni infernali che non sono visibili ad occhio nudo.

Una di queste stelle, una nana bruna più piccola di Giove, recentemente è diventata la stella più fredda rilevata utilizzando un radiotelescopio. A un misero 797 gradi Fahrenheit, è più fresco del tuo falò medio: una stella perfetta per arrostire marshmallow. Non dimenticare i cracker graham e il cioccolato.

Una stella massiccia come il nostro Sole, ha detto Kofi Rose, uno studente di dottorato in astronomia all’Università di Sydney, è “una macchina di fusione nucleare perfettamente funzionante nello spazio che comprime l’idrogeno gassoso e lo fonde in elio”. Questo produce l’energia che si irradia dalla stella, la maggior parte di ciò che notiamo sotto forma di calore e luce.

Le nane brune, a volte chiamate “stelle fallite”, sono troppo giovani per raggiungere la forte gravità necessaria per comprimere l’idrogeno fino al punto di fusione nucleare. Invece, ha detto Tara Murphy, professoressa di astronomia all’Università di Sydney e coautrice con Rose di un articolo pubblicato giovedì sulla rivista Lettere del diario astrofisico. Il dottor Murphy ha affermato che l’esistenza delle nane brune è stata ipotizzata 60 anni fa, ma “è stato molto difficile trovarle, perché non sono molto luminose”.

Mentre le nane brune non emettono molta luce visibile, emettono energia di altre frequenze, che diversi tipi di telescopi possono rilevare. Nel 2011, gli scienziati del Caltech hanno utilizzato telescopi a infrarossi per individuare un certo numero di nane brune, inclusa una che hanno chiamato T8 Dwarf WISE J062309.94−045624.6.

Sebbene la stella sia stata identificata in base alle sue emissioni infrarosse, c’è ancora una grande quantità di informazioni da ottenere dall’altra energia che emette.

“Ogni banda di questo spettro elettromagnetico ti offre una finestra completamente diversa sull’universo”, ha affermato il dottor Murphy. “È come un romanzo poliziesco.” Le onde radio studiate dal dottor Murphy e dal signor Rose rivelano informazioni sui campi magnetici delle stelle. (Nonostante il nome, le onde radio non emettono suoni.)

Come parte del dottorato di ricerca di Mr. Rose. tesi, ha setacciato i dati delle onde radio generati dall’array Australian Square Kilometer Pathfinder. “Ogni volta che trovavo qualcosa che poteva essere abbinato alle coordinate nel cielo di una stella conosciuta, era davvero eccitante e interessante”, ha detto.

È stato sorprendente, hanno detto i ricercatori, scoprire che una fonte di onde radio non era altro che la nana bruna T8 Dwarf WISE J062309.94-045624.6, in parte perché meno del 10% delle nane brune emette onde radio.

“Una volta che ci siamo resi conto che si trattava di una nana bruna, sì, è stato decisamente molto eccitante, perché poi ti addentri in questa tana del coniglio cercando di capire le implicazioni, cosa possiamo imparare sulle proprietà del campo magnetico”, ha detto Mr. disse Rosa.

I ricercatori hanno confermato le loro scoperte con altri radiotelescopi, tra cui MeerKAT in Sud Africa e l’Australia Telescope Compact Array. Anche se non era la stella più fredda mai scoperta (lo era Saggio J085510.83-071442.5con temperature che vanno da meno 54 a 9 gradi Fahrenheit), è la stella più fredda che abbia mai emesso onde radio.

I risultati sono stati “abbastanza impressionanti”, ha affermato Elena Manjavakas, astronoma dello Space Telescope Science Institute di Baltimora che non è stata coinvolta nello studio. Combinando i risultati con quelli ottenuti da altri tipi di telescopi “si ottiene un quadro essenzialmente completo della struttura tridimensionale della nana bruna”.

Al di là delle implicazioni scientifiche della scoperta, il signor Rose ha sottolineato il quadro più ampio.

Stare nella natura, guardare la distesa di luci scintillanti e sapere che “in alcuni casi sono più fresche del fumo di un falò” Voglio dire, è stimolante. “È stimolante e umiliante capire il nostro posto nell’universo”, ha detto.

READ  Il Webb Space Telescope trova l'acqua su uno strano mondo surriscaldato

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *