Simon Yates e Richard Carapaz e chi?! Cinque grandi vincitori della 14a tappa del thriller del Giro d’Italia

La tappa 14 del Giro di quest’anno sarà sempre quella che vale la pena guardare. Un sacco di esperti stavano girando il secondo sabato del loro calendario molto prima che iniziasse la corsa per costruire la grande parte ungherese, per non parlare dell’Italia continentale.

Tuttavia, anche se il profilo corto e incisivo del piemontese richiedeva una guida aggressiva e prometteva una ricompensa per il rischio, pochi avrebbero potuto prevedere l’impatto devastante che avrebbe avuto sulla valutazione complessiva.

Prima della corsa di Santena, ogni concorrente tra i primi dieci può presentare domanda per essere un concorrente. Quando l’ultimo corridore ha tagliato il traguardo a Torino, solo la metà di loro, in una volta sola, poteva dire lo stesso.

Giro d’Italia

Riscatto per Yates nella fase 14 del thriller in cui Karabaz assume il colore rosa e Hendley aleggia

5 ore fa

È stata una brutta giornata per alcuni, come Alejandro Valverde e Guillaume Martin. Sulla base del suo record passato, però, aspettati che il capitano Cofidis possa tornare in cima alla classifica domani.

Altri trascorrevano giorni medi in ufficio. In termini di tempo, Mikel Landa, Joao Almeida, Domenico Pozovovo e Belo Bilbao sono più lontani dalla testa della corsa. Posizionalmente, invece, sono tutti pochi posti vicini al podio.

Solo cinque dovrebbero essere davvero soddisfatti del loro palcoscenico. Il quinto potrebbe sorprenderti. Andiamo ad esso…

Richard Karabaz (Eneus Granatieri)

Ineos “farà domande” dopo che Bora lo avrà decimato

La corsa rosa del leader di Ineos non è stata delle più eleganti, né quella dominante. Il suo massiccio attacco non è stato abbastanza grande, alla fine, per portarlo via tutto. Tuttavia, è stata la sua prestazione a dimostrare che è ancora il pilota da battere nella gara di quest’anno. Rimasto senza un solo compagno di squadra con più della metà della tappa rimanente, non sembrava mai essere nei guai, sembrava debole o sembrava che fosse sullo sfondo.

Carabaz non è il pilota più eccitante in circolazione. Non si impone al pavone; Non suscita paura nel cuore dei suoi avversari. Quello che fa è agire con la calma fiducia del campione olimpico e del Grand Tour, la persona che è stata lì e l’ha fatto, non ha nulla da dimostrare a te oa nessun altro. Dicono: “Vieni dal re, è meglio che non manchi”. Non è difficile capire perché nessuno stia davvero cercando di venire per Karapaz.

Jay Hindley (Bora Hansgrohe)

TORINO, ITALIA – 21 MAGGIO: (LR) Jay Hindley dell’Australia, Wilko Kieldermann dei Paesi Bassi e Team Bora – guida il gruppo Hansgrohe mentre i fan esultano durante il 105° Giro d’Italia 2022, tappa 14, tappa 147 km da Santina a Torino / #giro/# Giro del mondo /

Credito immagine: Getty Images

Punti interrogativi sul potenziale di leadership di Jay Hindley sono rimasti sull’australiano da quando è caduto dal primo al secondo nell’ultima giornata del Giro d’Italia 2020. Molti corridori sono rimasti scioccati sul grande podio e non hanno più avuto notizie. In un anno come questo, con tutto sottosopra, sembrava doppiamente probabile che si applicasse a lui. La scorsa stagione – il proverbiale duro seguito – ha solo cementato quei dubbi. Il suo miglior piazzamento nel WorldTour è stato il sesto posto nella tappa del Giro di Polonia.

Non dovrebbero esserci più dubbi. Hindley è un leader in tutto e per tutto. Ha già uno stadio giroscopico a suo nome in questa edizione. Questa è stata probabilmente una prestazione ancora più impressionante, poiché aveva la sicurezza di guidare una flotta di compagni di squadra per prepararlo e la compostezza per completare la mossa. Carapaz è ancora il vincitore più probabile in questa gara, ma se c’è un pilota che può batterlo, è Hindley. Anche se l’australiano riuscisse ad avvicinarsi, nessuno lo chiamerebbe per caso.

Simon Yates (@BikeExchange-Jayco)

Perché ‘The Special’ Yates ha ragione a rimanere deluso nonostante abbia vinto il thriller

C’è un universo alternativo in cui Simon Yates ha vinto diversi Jerry d’Italia. Questa versione di lui è spietata come questa e ha la stessa forza. L’unica differenza è che non è soggetto a valanghe così devastanti come è successo a Blockhaus. Tuttavia, Simon Yates non potrà mai tornare con la metà della grazia quando cade. Domenica, dopo che un’altra sfida in classifica generale è stata ridotta in macerie, ci sono state richieste per lui di dimettersi, rivedere e ricostruire per il Tour de France Challenge.

Yeats li ha ignorati, ha mantenuto questa corsa e ha puntato a salvare ciò che poteva. Molti piloti si sono trovati in una situazione simile, ma i pochi che sono stati costretti a rifocalizzarsi sulle “fasi obiettivo” in realtà sono lontani da nessuno di loro. Yeats sembra eseguirlo quasi ogni volta. Non si aggrappa alla sconfitta e non permette alla sconfitta di chiudergli gli artigli o di danneggiare la sua fede in ciò di cui è capace. Non è stata la sua vittoria in due fasi per l’Italia, e dopo oggi non ha tentato di nascondere la sua delusione, ma più di molti pensavano che potesse lasciare l’Italia.

Vincenzo Nibali (Astana, Kazakistan)

Nepalese Ataka Sol Colle della Maddalena – Giro d’Italia 2022

Credito immagine: Getty Images

Il sole tramonterà presto a Vincenzo Nibali, ora in gruppo. Va da sé che le capacità dei siciliani sono l’ombra di quello che erano prima. Ma anche le ombre non sono riuscite a bloccare del tutto lo splendore di Nabali, che ha saputo regalarci uno degli ultimi scorci di oggi. Anche se è riuscito a prendere solo il 4 ° posto sul palco, è rimasto lì fino alla fine. Su sua iniziativa, iniziò la sequenza di eventi che riportarono indietro Richard Karapaz.

Su alcuni dei pendii molto ripidi in Italia, i ciclisti di un decennio o più non avevano attacchi manubrio migliori e non potevano toglierselo dalle ruote. “Vincenzo! Vincenzo! Tifussi pianse mentre li sorpassava sul Colle della Maddalena, felice di vedere il loro eroe, il più grande ciclista italiano dell’era moderna Nabali forse non ha tutto, ma di certo ha ancora “quello”.

Juan Pedro Lopez (Trek Segafredo)

Lopez Guarda al Vaquia Carabaz – Giro d’Italia 2022

Credito immagine: Getty Images

Mentre l’autobus della squadra lo porta in hotel, senza impegni post-tappa per la prima volta in 10 giorni, Juanpi potrebbe non essere stato nel posto migliore per la serata. Forse stava guardando quei momenti sul palco mentre si spingeva in rosso, in un punto fisiologico da cui non riusciva a riprendersi, invece di lasciare che la ruota si muovesse e la cavalcasse dentro di sé. Sebbene fosse possibile che avrebbe potuto limitare le sue perdite, se avesse giocato sul sicuro non avrebbe indossato il rosa domani rispetto a se non l’avesse fatto. Nella migliore delle ipotesi, ci sarebbero alcune posizioni più alte in generale, e chi se ne frega davvero?

Per 10 tappe Lopez ha corso in Maglia rosa come se fosse nato per indossarla. Oggi ha tenuto il passo con i piloti più di quanto si sia dimostrato efficace, per molto più tempo di quanto sembrava realistico.

Penseresti che un pilota che ha perso quattro minuti ed è caduto dal primo all’ottavo posto, non si possa dire che abbia avuto una giornata di successo sulla moto. Ci permettiamo di dissentire rispettosamente. Nella sua ultima giornata in rosa, Lopez ha onorato la maglia e qualsiasi campione. Speriamo che questa non sia l’ultima volta che lo vediamo.

– – –

Trasmetti in streaming il Giro d’Italia in diretta e on demand Scopri +. Puoi anche guardare tutta l’azione in diretta su eurosport.co.uk.

Giro d’Italia

In ricordo di Jiro Wouter Wellandt, 11 anni dopo la tragica morte

19/05/2022 alle 14:21

Giro d’Italia

Il pioniere Girmay entra nella storia con la vittoria della fase 10

17/05/2022 alle 15:30

READ  La prova che la solitudine bussa sempre al tuo gioco
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post È stato riferito che Modern Warfare 2 ha cambiato una caratteristica molto controversa
Next Post La navicella spaziale Starliner di Boeing è aperta agli astronauti