Sfruttare il potere trasformativo dell’economia digitale e sociale: l’idea regionale dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa

Il 4 e 5 novembre 2022 sul Lago di Ohrid, nella Macedonia del Nord, un’idea regionale organizzata dall’Ufficio di coordinamento dell’OSCE per le attività economiche e ambientali ha riunito settanta giovani di età compresa tra i 18 ei 25 anni dei Balcani occidentali. Sotto lo slogan “Ispira, connetti, potenziaIdeathon è un esercizio creativo di risoluzione dei problemi in cui i giovani si riuniscono, guidati da principianti innovativi, si tuffano in una sfida sociale o ambientale e considerano possibili soluzioni utilizzando la tecnologia.

Ideathon è un’attività chiave del progetto OSCE YDEAS che promuove la riconciliazione e la cooperazione a livello regionale sfruttando l’innovazione e la digitalizzazione per una ripresa economica post-pandemia più inclusiva, equa, efficiente dal punto di vista energetico e rispettosa dell’ambiente nei Balcani occidentali.

“Sii la versione migliore di te stesso”, è stato l’incoraggiamento della Rappresentante speciale dell’OSCE per la gioventù e la sicurezza, Maria Raczynska. “Abbiamo bisogno della creatività e della visione dei giovani per ricostruire la pace e la sicurezza per tutti”, ha aggiunto nel suo discorso di apertura.

Anita Pasheva, presidente della Camera economica delle TIC di Skopje, ha preso atto delle sfide che ha dovuto affrontare come donna e scienziata informatica e ha discusso i suoi primi passi nel settore del business IT. “Nessuno crede che fossi l’amministratore delegato della mia azienda. Segui la tua passione e il tuo sogno”, ha detto. “Ma non dimenticare che la tua comunità ha bisogno del tuo talento. Oggi, il 90% delle aziende IT della Macedonia del Nord lavora per società straniere in outsourcing. A seguito dell’approvazione del Piano d’azione per il mercato comune regionale dei Balcani occidentali, le competenze dei giovani sono diventate essenziali per cambiare le prospettive economiche della regione”.

Con il sostegno finanziario del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, della Presidenza polacca per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa per il 2022 e della SECI (Southern European Collaborative Initiative), il progetto YDEAS fornisce una piattaforma ideale per il dialogo politico sul digitale e l’economia sociale e un prezioso contributo per ispirare una nuova generazione di facciate verdi e sociali.

“Vogliamo lanciare una rivoluzione digitale che sia giusta, socialmente e ambientalmente sensibile. E vogliamo che il progetto agisca da catalizzatore per la collaborazione con gli enti locali, le università, il settore privato e le organizzazioni regionali, come l’Ufficio regionale per la cooperazione giovanile e il Consiglio di Cooperazione Regionale”, ha affermato Teresa Albano, Responsabile Affari Economici presso OCEEA e YDEAS Project Management. “In tempi di persistente disuguaglianza, il progetto YDEAS intende cogliere il potere di trasformazione dell’economia digitale e sociale per andare avanti meglio dopo la pandemia di COVID-19”.

In qualità di più grande organizzazione regionale per la sicurezza, l’OSCE riconosce l’importanza della riconciliazione e dell’impegno multi-stakeholder per garantire una giusta ripresa, sicurezza e stabilità dopo la pandemia nella regione dell’OSCE. Il progetto YDEAS è un’importante iniziativa nell’impegno a lungo termine dell’Ufficio di coordinamento dell’OSCE per le attività economiche e ambientali a tal fine.

READ  Barche che trasportano centinaia di migranti arrivano a Lampedusa, in Italia, da Reuters

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *