Secondo caso omicron confermato in NC::WRAL.com

Un secondo caso omicron di coronavirus è stato confermato nella Carolina del Nord, secondo quanto riferito da un ricercatore mercoledì.

Dirk Dettmer, un immunologo dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, ha affermato di non poter fornire dettagli su chi aveva la variante in rapida diffusione, solo che il caso non era a Charlotte, dove il primo caso di omicron si trovava nella Carolina del Nord. Confermato la scorsa settimana.

“Sembra che il virus si stia diffondendo nello stato”, ha detto Detmer a WRAL News.

Il sistema sanitario della Duke University è già preoccupato che la nuova alternativa possa nuovamente inondare gli ospedali di pazienti gravemente malati.

Più di 1.500 persone in tutto lo stato sono state ricoverate in ospedale con COVID-19 e gli esperti sanitari affermano che il numero aumenterà rapidamente se le persone non si proteggeranno durante le festività natalizie.

“Siamo davvero preoccupati che stiamo iniziando a vedere l’impatto post-viaggio ora negli ospedali”, ha affermato la dottoressa Becky Smith, esperta di malattie infettive presso Duke Health.

Le infezioni da coronavirus e i relativi ricoveri sono in costante aumento dal Giorno del Ringraziamento. I 3.755 nuovi casi segnalati mercoledì sono stati un aumento del 14% rispetto alla scorsa settimana e i 3.200 casi al giorno nell’ultima settimana sono la media più alta nello stato in due mesi.

Smith ha affermato che se combinate con i viaggi di vacanza e l’inizio della stagione influenzale, la variante omicron e la variante delta del virus che è ancora presente creano una tempesta perfetta di infezione. Ha aggiunto che crede che l’omicron sarà l’alternativa dominante nella Carolina del Nord entro gennaio.

READ  Il New Mexico vede il suo primo caso di peste bubbonica quest'anno

“Sarà davvero sopraffare la capacità della terapia intensiva, davvero la capacità del letto d’ospedale”, ha detto. “[This is] Solo un appello a chi non è ancora stato vaccinato: per favore proteggiti”.

Già, l’86 percento dei pazienti COVID-19 negli ospedali Duke Health non è immunizzato, così come il 96 percento dei pazienti in terapia intensiva.

“Quello che volevo davvero fare era contattare tutti, solo per ricordarvi che la vaccinazione rimane molto protettiva contro malattie gravi, ospedalizzazione e morte”, ha detto Smith.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’hype torna in campo nel 2021: le Twin Cities
Next Post Big Sean: Quello che Kanye West ha detto in “Drink Champs” era “B*tch Ass Sh*t”