Scoppiano proteste in Italia contro il passaporto COVID-19 e la sua nuova estensione

Dopo che il governo italiano ha annunciato che avrebbe esteso l’uso del Corridoio Verde e reso obbligatoria la certificazione COVID-19 per tutti i lavoratori, migliaia di cittadini hanno protestato per le strade di Roma, Milano e Trieste.

Le autorità italiane hanno recentemente annunciato che dal 15 ottobre tutte le persone che lavorano nel settore pubblico e privato devono ottenere un Green Pass, un’estensione del passaporto digitale COVID-19 dell’UE.

Coloro che si rifiutano di prendere il vaccino e che non possono presentare un risultato negativo del test, rimborso o certificato di vaccinazione che indichi che il titolare del vaccino è stato completamente vaccinato contro il COVID-19 verranno fermati e rischiano di non essere pagati dopo il quinto giorno, riferisce SchengenVisaInfo.com .

Per quanto riguarda l’estensione del corridoio, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha affermato che per rendere il Paese un luogo più sicuro e aumentare i tassi di vaccinazione, le autorità hanno deciso di estendere l’obbligo del corridoio verde a tutti i lavoratori, indipendentemente dal settore in quale lavorano.

Tuttavia, i cittadini italiani contrari alla vaccinazione hanno respinto queste regole. Hanno affermato che l’utilizzo del vaccino COVID-19 come condizione per consentire loro di lavorare e accedere alla maggior parte dei luoghi è contro i diritti umani fondamentali, sottolineando al contempo che sono in gioco la loro libertà e le libertà civili.

Sebbene la vaccinazione completa contro il coronavirus non sia diventata obbligatoria per i cittadini del paese, gli italiani e i viaggiatori provenienti da altri paesi devono ancora portare con sé un certificato di guarigione che indichi che si sono ripresi dal virus negli ultimi sei mesi o un test COVID-19 negativo risultato preso negli ultimi sei mesi Le ultime 48 ore per poter entrare nel paese.

READ  Ancora in controllo a 40 anni: Zlatan decisivo nella vittoria del Milan sulla Roma

Tuttavia, poiché è troppo costoso ottenere un nuovo test COVID-19 ogni 48 ore, i manifestanti non supportano la decisione del governo.

Attualmente l’Italian Green Passage è obbligatorio per tutte le persone, turisti compresi, che desiderano frequentare uno qualsiasi dei mezzi pubblici come aerei, bus, traghetti, ecc. Il pass è obbligatorio anche per tutti coloro che desiderano raggiungere ristoranti, bar, cinema, teatri, eventi sportivi, musei, piscine, parchi divertimento, palestre, convegni, meeting e molti altri luoghi.

In precedenza, l’agenzia sanitaria dell’Unione europea ha rivelato che la situazione COVID-19 è migliorata in modo significativo in Italia, indicando che altri paesi stanno allentando le restrizioni all’ingresso imposte ai viaggiatori italiani. Sulla base dei dati dell’ECDC pubblicati il ​​30 settembre, l’Italia ha registrato meno di 50 casi ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni.

>> L’Italia ora riconosce tutte le versioni del vaccino AstraZeneca per i viaggi

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post allarme rosso! La nuova Honda Civic Type R arriverà il prossimo anno e sembra che stia andando a fuoco
Next Post Nastri di palle di fuoco nel cielo del Colorado domenica mattina presto – CBS Denver