Scoperta una tomba ellenistica a Chieti, Italia

Questa settimana a Chieti, in Italia, è stato scoperto un cimitero di epoca ellenistica contenente corpi incredibili. Crediti: Facebook / Soprintendenza Archeologia Belle Arti

Una splendida tomba ellenistica con eleganti funerali è stata appena svelata a Chieti, in Italia, la scorsa settimana come risultato di un progetto di lavori pubblici.

La sepoltura, dal IV al III secolo a.C., è stata scoperta a seguito dei lavori di ristrutturazione della piazza San Giustino in città, situata in Abruzzo, con la ricerca archeologica coordinata dalla Soprintendenza.

Incredibilmente, il luogo di sepoltura di epoca ellenistica era a pochi centimetri sottoterra, sfuggendo in qualche modo miracolosamente ai numerosi fori profondi che furono scavati per creare serbatoi durante il periodo romano e nel XVIII secolo.

Un cimitero ellenistico in una zona abitata dai greci illiri

L’Abruzzo si trova nell’Italia centrale lungo la costa del mare Adriatico. La zona era abitata anche prima del Paleolitico. Grandi insediamenti sono stati scoperti nei pressi della città di Chieti nella valle del fiume Foro. In epoca preistorica l’Abruzzo era abitato da tribù italiane oltre che da popolazioni greche illiriche, che stabilirono numerose colonie sulla costa adriatica.

La tomba di epoca ellenistica è insolita per la sua forma semiquadrupla delimitata da una circonferenza di lastre di pietra. La struttura funeraria non è solo il doppio di una tomba ordinaria; Gli archeologi dicono che sembra unico anche nei suoi contenuti.

sepoltura ellenistica
Un luogo di sepoltura ellenistico a Chieti, Italia. La tomba di una donna benestante è stata ritrovata poco prima del capodanno a seguito di lavori pubblici in corso in città. La regione Abruzzo conteneva un certo numero di colonie greche in quel momento. Crediti: Facebook / Soprintendenza Archeologia Belle Arti

Il cimitero ellenistico comprende corredi funerari come vasi e amuleti

All’interno sono stati rinvenuti i resti di una giovane donna che è stata accompagnata nel suo viaggio nell’aldilà da una ricchissima collezione di vasi in bronzo, vetro e maiolica, alcuni dei quali importati; I suoi vestiti erano decorati con oggetti in bronzo con amuleti.

READ  L'Osservatorio italiano punta sugli algoritmi degli operai specializzati per l'impresa di consegne

Lo scavo della tomba è stato ora completato, lasciando ai ricercatori lo studio degli oggetti trovati e condurre ulteriori analisi antropologiche del corpo insieme a ciò che hanno trovato nei vasi e nelle ciotole adiacenti.

Inoltre, studieranno il contesto del cimitero e tutti gli strati che si sono accumulati sopra e intorno ad esso nel corso dei secoli.

Gli archeologi sperano che il loro studio sulla tomba consentirà loro di introdurli in una fase lontana della storia italiana, dove recenti scoperte indicano già una società benestante con un’economia basata su ampi contatti con altre regioni, insieme all’uso di beni importati.

I greci stabilirono colonie all’inizio dell’VIII secolo a.C.

Le prime antiche colonie greche al di fuori della Grecia furono stabilite già nell’VIII secolo a.C., mentre una vasta colonizzazione continuò fino al V secolo a.C.

Furono fondate un certo numero di città e insediamenti e l’ellenizzazione si diffuse in Europa, Africa e Asia durante quei secoli, raggiungendo un totale di 500, che includevano fino a 60.000 cittadini greci colonizzati.

La fondazione di colonie (αποικίαι, singolare αποικία) fu un’impresa organizzata per le città-stato più grandi, sebbene in molti casi avvenisse attraverso la cooperazione delle città.

I luoghi da colonizzare sono stati accuratamente selezionati in anticipo, non solo sulla base dei loro potenziali vantaggi commerciali, ma anche per fornire sicurezza dai predoni.

La prima colonia greca al di fuori dell’attuale Grecia fu fondata sulle Isole Pithekousai (l’odierna Ischia, Italia).

La colonia fu fondata dai Calcediani e dagli Eritrei tra il 770 e il 760 aC. Alcuni anni dopo, gli abitanti di Chalkis e Kymi fondarono Kymi, di fronte alle isole Pithekousai, nell’odierna Campania, sull’Italia continentale.

READ  Lo Sri Lanka punta sulla diplomazia economica post-pandemia

Nel 734 a.C., i greci iniziarono la colonizzazione sistematica della Sicilia: Naxos fu fondata in Sicilia, Siracusa, Catania, Leontina, Megara Heplia e Maille in Sicilia prima del 700 a.C.

Contemporaneamente iniziarono a stabilirsi colonie greche nell’Italia meridionale, con Taranto, Sibari, Crotone (Crotone) e Reggio.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post WWE NXT incorona il nuovo campione NXT in New Year’s Evil
Next Post Bradley Cooper, pensa prima di iniziare la transizione