Scandali e diplomazia cinese incombono nelle elezioni in Honduras

(Bloomberg) – Gli honduregni voteranno domenica alle elezioni presidenziali che potrebbero rovesciare il partito di governo colpito dallo scandalo e porre fine all’alleanza della nazione con Taiwan.

I più letti da Bloomberg

Xiomara Castro, la moglie di un ex presidente estromesso da un colpo di stato, è in testa nei sondaggi d’opinione mentre cerca di porre fine a 12 anni di governo conservatore del Partito Nazionale. Ha spaventato alcuni investitori dicendo che il capitalismo non ha funzionato per la maggior parte degli honduregni e ha chiesto una revisione radicale del “modello neoliberista fallito” della nazione.

Alcune aziende della capitale, Tegucigalpa, hanno chiuso le finestre per paura dei violenti disordini seguiti alle ultime elezioni del 2017, che sono state ampiamente considerate fraudolente.

L’obbligazione in dollari dell’Honduras del 2030 ha toccato un minimo record per essere scambiata a 99,7 centesimi sul dollaro il mese scorso mentre la campagna di Castro ha guadagnato slancio.

Hugo Noy Pino, un economista che ha lavorato al piano del governo Castro, ha affermato che il candidato studierà un piano con il Fondo monetario internazionale se le condizioni fossero favorevoli e se il ritmo con cui ridurre il deficit non fosse stato troppo oneroso.

“La gente inventa sempre questi paragoni con Venezuela, Nicaragua e Cuba, ma io ho sempre detto che il Paese a cui vorremmo essere è il Costa Rica”, ha detto venerdì Noy Pino in un’intervista a Tegucigalpa.

Castro vuole tassare grandi fortune, dare un nuovo impulso al welfare per le famiglie povere e gli anziani, e permettere alla banca centrale di concedere prestiti al Tesoro in situazioni di emergenza. La sua retorica è stata più moderata rispetto alle campagne precedenti, ha affermato Risa Grace Targo, analista di Eurasia Group, e alcuni investitori stanno aspettando di vedere come giudicherà se vincerà.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

L’Honduras è uno dei restanti 15 paesi che hanno relazioni diplomatiche formali complete con Taiwan e non con la Repubblica popolare cinese. Castro ha lanciato l’idea di passare a Pechino in caso di vittoria, anche se Noi Pino ha affermato che questo non era un affare fatto e che i gruppi imprenditoriali locali avevano espresso preoccupazioni sull’idea, che dovrebbero essere prese in considerazione.

Non c’è lo smartphone

Al secondo posto c’è il candidato del partito di governo, Nasri Asfoura, sindaco della capitale e figlio di immigrati palestinesi. Asfura si definisce “Papi a la orden”, che significa “Papa al tuo servizio”, e si vanta di non usare uno smartphone. Ha promesso di costruire migliaia di chilometri di strade e di aumentare i lavori agricoli, il commercio e il turismo.

Asfoura è indagato per appropriazione indebita di fondi comunali, anche se si dice innocente.

Le votazioni sono aperte dalle 7:00 alle 17:00 e i risultati preliminari sono attesi domenica sera.

Uno studio di un sondaggista locale ha rilevato che la disoccupazione e la corruzione sono le maggiori lamentele degli elettori. Il governo del presidente Juan Orlando Hernandez ha subito scandali e accuse di legami con la criminalità organizzata, soprattutto dopo che suo fratello è stato condannato all’ergastolo negli Stati Uniti.

Hernandez ha affermato che le accuse erano “oltraggiose” e basate su “false testimonianze di assassini riconosciuti”.

Per saperne di più: il presidente dell’Honduras implicato nel complotto della cocaina, afferma il pubblico ministero

Juan Antonio Hernandez è stato condannato nel 2019 dopo un processo che includeva prove che ha lavorato con contrabbandieri dalla Colombia e dal Messico per trasformare l’Honduras in un importante hub per la cocaina destinata agli Stati Uniti. Questa relazione si è inacidita.

READ  Il Papa nomina 21 nuovi cardinali e dà un'impronta al futuro della Chiesa

Criminalità, povertà e disastri naturali hanno reso l’Honduras una delle principali fonti di immigrazione al confine meridionale degli Stati Uniti, che è diventata una delle più grandi crisi dell’amministrazione del presidente Joe Biden. 321.000 honduregni sono rimasti intrappolati negli Stati Uniti nell’anno fiscale 2021 che si è concluso a settembre dopo gli uragani consecutivi alla fine del 2019 e l’economia è rimasta stagnante a seguito di un arresto della pandemia. Si tratta di un aumento del 22% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Fuga di cervelli super

Yanni Rosenthal, il candidato per il Partito Liberale dell’Honduras, che è al terzo posto nel ballottaggio, ha affermato che i deflussi di immigrati hanno prosciugato molti dei migliori honduregni.

“È una super fuga di cervelli”, ha detto Rosenthal in un’intervista a Washington. “Il governo investe molti soldi nell’istruzione della sua gente, e gli Stati Uniti ottengono il ritorno su quell’investimento, non l’Honduras”.

L’economia si espanderà del 4,9% quest’anno, dopo un calo del 9% lo scorso anno, secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale. Il paese esporta caffè, tessuti e banane, con gli Stati Uniti come principale partner commerciale.

I più letti Bloomberg Businessweek

© 2021 Bloomberg LB

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Scott Disick e Kristen Burke in Nobu: Immagini – Hollywood Life
Next Post Curly Culp muore a 75