Saturno aggiunge 62 lune appena scoperte al suo totale

Nell’angolo rosso c’è Giove, il pianeta più grande in orbita attorno al nostro sole, che ha formato il nostro sistema solare con la sua attrazione gravitazionale.

Nell’angolo blu c’è Saturno, il mondo meravigliosamente circolare con sconcertanti tempeste esagonali ai suoi poli.

Questi due mondi giganti sono in ritardo nel loro attacco per superare in astuzia i satelliti. Ma ora la lotta su quale pianeta abbia il maggior numero di lune in orbita si è decisamente spostata a favore di Saturno.

Questo mese, l’Unione Astronomica Internazionale riconoscerà altre 62 persone Le lune di Saturno Basato su una collezione di oggetti scoperti dagli astronomi. I corpi più piccoli daranno a Saturno 145 lune, più del totale di 95 di Giove.

“Entrambi hanno molte, molte lune”, ha detto Scott Sheppard, astronomo della Carnegie Institution for Science di Washington, DC, ma Saturno “sembra avere molte più lune” per ragioni non del tutto comprese.

Le lune di Saturno appena scoperte non assomigliano affatto all’oggetto luminoso nel cielo notturno della Terra. Sono di forma irregolare, come una patata, e non sono più larghi di un miglio o due. Orbitano anche più lontano dal pianeta, tra sei milioni e 18 milioni di miglia, rispetto a lune più grandi, come Titano, che orbitano per lo più entro un milione di miglia da Saturno. Tuttavia, queste lune piccole e irregolari sono affascinanti di per sé. Per lo più raggruppati insieme in ammassi, potrebbero essere i resti di lune più grandi che sono state frantumate durante le loro orbite attorno a Saturno.

“Queste lune sono fondamentali per comprendere alcune delle grandi domande sul sistema solare”, ha affermato Bonnie Buratti del Jet Propulsion Laboratory della NASA in California e vice scienziato del progetto per l’imminente missione Europa Clipper su Giove. “Hanno le impronte di eventi accaduti nel primo sistema solare”.

Il numero crescente di lune evidenzia anche potenziali dibattiti su ciò che compone la luna.

“La semplice definizione di luna è che si tratta di un oggetto in orbita attorno a un pianeta”, ha affermato il dottor Sheppard. La dimensione dell’oggetto, per ora, non ha importanza.

Le nuove lune sono state scoperte da due gruppi, uno guidato dal Dr. Sheppard e l’altro guidato da Edward Ashton dell’Academia Sinica Institute for Astronomy and Astrophysics di Taiwan. Il gruppo del dottor Sheppard, a metà degli anni 2000, ha utilizzato il Subaru Telescope alle Hawaii per cercare altre lune attorno a Saturno.

A marzo, anche il dottor Sheppard era responsabile della ricerca 12 nuove lune di Giove, che ha assunto temporaneamente Saturno nel putiferio per essere il più grande accaparratore di lune. Questo record è stato di breve durata, sembrerebbe.

gruppo del dottor Ashton, Dal 2019 al 2021, ha utilizzato il Canada France Hawaii Telescope, un vicino del Subaru Telescope su Mauna Kea, per cercare altre lune di Saturno e verificare alcune delle scoperte del Dr. Sheppard. Per autenticare la luna, deve essere osservata più volte “per garantire che le osservazioni siano un satellite e non solo un asteroide situato vicino al pianeta”, ha affermato Mike Alexandersen, responsabile della conferma ufficiale delle lune all’International. Unione Astronomica.

La maggior parte delle lune irregolari di Saturno orbitano attorno al pianeta in quelli che gli astronomi chiamano i gruppi Inuit, Norreni e Gallici. Gli oggetti di ciascun gruppo possono essere i resti di lune più grandi, fino a 150 miglia di diametro, che un tempo orbitavano attorno a Saturno ma sono state distrutte dall’impatto di asteroidi o comete, o collisioni tra due lune. “Dimostra che c’è una significativa storia di collisioni attorno a questi pianeti”, ha detto il dottor Sheppard.

Il dottor Ashton ha affermato che queste lune originali potrebbero essere state rilevate da Saturno “molto presto nel sistema solare”, forse nelle prime centinaia di milioni di anni dopo la sua formazione 4,5 miliardi di anni fa. Tuttavia, non tutti questi ammassi orbitano con alcune lune canaglia che orbitano in direzione retrograda, cioè opposte alle orbite di altre lune.

“Non sappiamo cosa stia succedendo con quelle lune calanti”, ha detto il dottor Sheppard. Il dottor Ashton sospetta che possano essere i resti di una collisione più recente.

È difficile saperne di più sulle nuove lune a causa delle loro piccole dimensioni e delle orbite distanti. Sembra essere una classe speciale di oggetti, distinta dagli asteroidi formati nel sistema solare interno e dalle comete nel sistema solare esterno. Ma non si sa molto.

“Queste cose possono essere uniche”, ha detto il dottor Sheppard. “Potrebbero essere gli ultimi resti di ciò che si è formato nella regione del pianeta gigante, corpi potenzialmente molto ricchi di ghiaccio”.

La navicella spaziale Cassini della NASA è stata in grado di osservare Circa venti lune attorno a Saturno fino alla sua scomparsa nel 2017. Anche se non abbastanza vicini da poter essere studiati in dettaglio, i dati hanno permesso agli scienziati di “determinare il periodo di rotazione” di alcune lune, l’asse di rotazione e persino la forma, ha affermato Tilmann Dink del Centro aerospaziale tedesco a Berlino, che Led osserva. Cassini ha anche trovato abbondante ghiaccio sulla superficie Una delle più grandi lune irregolarivibrazione.

Attente osservazioni delle piccole lune di Saturno potrebbero offrire agli scienziati una finestra su un periodo turbolento nel sistema solare primordiale. Durante quel periodo, le collisioni erano più comuni e i pianeti si arrampicavano per la posizione, e si pensa che Giove sia migrato dal suo sole più vicino alla sua orbita attuale. “Questo ti dà ulteriori informazioni sulla formazione del sistema solare”, ha detto il dottor Dink.

Tuttavia, le lune irregolari che vediamo finora potrebbero essere solo l’inizio. “Stimiamo che ce ne siano potenzialmente migliaia”, ha detto il dottor Ashton su Saturno e Giove. Anche Urano e Nettuno possono avere molte di queste lune irregolari, ma la loro grande distanza dal Sole le rende difficili da individuare.

Saturno, sebbene più piccolo di Giove, sembra avere un numero maggiore di lune irregolari. Può essere tre volte più grande di Giove, fino a circa due miglia. Il dottor Ashton ha detto che il motivo non è chiaro.

Forse le lune originali di Giove tendono ad essere più grandi e meno soggette a rotture. Oppure, Saturno potrebbe aver catturato più oggetti nella sua orbita di Giove. O forse le lune di Saturno avevano orbite che probabilmente si sovrapponevano e si scontravano, producendo lune più piccole e irregolari.

Qualunque sia la ragione, il risultato è chiaro. Giove sta per collassare ed è improbabile che riconquisti il ​​titolo di pianeta con il maggior numero di lune. Man mano che le capacità degli astronomi di trovare satelliti sempre più piccoli migliorano, “Saturno vincerà per miglia”, ha affermato il dott. Alexandersen. “Non penso che sia più una gara.”

READ  Il test del missile lunare Artemis I della NASA è stato rinviato

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *