Sanzioni statunitensi: la Cina sostituisce il leader del partito Xinjiang tra accuse di lavoro forzato | notizie dal mondo

Il Partito Comunista al potere ha sostituito il suo leader nella irrequieta regione nord-occidentale dello Xinjiang, Chen Quanguo, che è stato sanzionato dagli Stati Uniti lo scorso anno per presunte violazioni dei diritti umani contro la minoranza musulmana uigura nella remota regione.

Ma Xingrui, che era il governatore della provincia del Guangdong, è stato nominato nuovo capo del partito nello Xinjiang.

“Il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha nominato Ma Shengrui nuovo capo del partito nello Xinjiang. Chen Quanguo, che non è più segretario del Comitato della Regione Autonoma Uygur dello Xinjiang del Partito Comunista Cinese, ha detto in una comunicato pubblicato sabato dall’agenzia di stampa Xinhua, riconfermato secondo la decisione del Comitato centrale del PCC.

La mossa per sostituire Chen, che in precedenza è stato capo del partito in Tibet, arriva il giorno dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un disegno di legge che vieta le merci dallo Xinjiang a meno che le aziende non dimostrino che non sono fatte con il lavoro forzato locale.

I gruppi per i diritti hanno denunciato la persecuzione dei musulmani uiguri in una regione che occupa un posto importante nelle catene di approvvigionamento globali.

La Cina ha costantemente negato tali accuse.

Lo Xinjiang è una fonte di cotone per l’abbigliamento ed è un luogo importante per la produzione di polisilicio utilizzato nei pannelli solari, considerato cruciale per il passaggio globale dall’abbandono dei combustibili fossili.

Il South China Morning Post con sede a Hong Kong ha riferito dello sviluppo che Chen è accusato da Stati Uniti, Regno Unito e UE di diffuse violazioni dei diritti umani contro gli uiguri, ma è un candidato per la promozione.

READ  Il premier Modi parla con Putin per oltre 45 minuti sulla situazione in Afghanistan; I talebani nominano il ministro delle finanze Kabul Gough

I tre funzionari cinesi sanzionati dagli Stati Uniti lo scorso anno sono Chen e Zhou Hailon, allora segretario del partito della Commissione politica e legale dello Xinjiang, e Wang Mingshan, segretario del partito dell’Ufficio di pubblica sicurezza dello Xinjiang.

La Cina ha combattuto negli ultimi anni le accuse di violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri provenienti dall’Occidente.

Le accuse includono l’imprigionamento di quasi un milione di minoranze musulmane nei campi di concentramento, il lavoro forzato nelle unità produttive dello Xinjiang ricche di risorse, aborti forzati e indottrinamento di massa.

Pechino nega le accuse e afferma che la repressione della sicurezza nello Xinjiang prende di mira il movimento separatista islamico del Turkestan orientale, accusato di alimentare il terrorismo e il separatismo nella regione.

Pechino afferma di aver aperto centri per la formazione professionale e la deradicalizzazione delle persone colpite dalle forze separatiste.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le votazioni per l’NBA All-Star Game 2022 iniziano oggi con NBA Processor, Twitter e altro
Next Post Il lavoro a distanza mi ha allontanato dai giochi per computer